Archivi tag: Sicilia

Notte degli Chef: buona la prima!

L’evento,  nato  da un’idea di Dario d’Angelo, chef  resident del ristorante “Nuove Colonne” che ha ospitato la serata, lo chef palermitano, classe ’84,  che nonostante la giovane età ha già la valigia piena di esperienze significative in giro per il mondo, ha già mostrato di possedere, nonostante questa fosse l’edizione numero “zero”, tutte le carte in regola per diventare un appuntamento fisso nell’areale bagherese con un grande potenziale in grado di attrarre pubblico proveniente non solo da Palermo e provincia ma anche da tutta la Sicilia

Il nobile fine degli chef è stato devolvere il proprio compenso, per le ore di lavoro svolte durante la manifestazione,  all’Unicef Italia il cui Presidente della circoscrizione Unicef di Palermo Matteo Ferrara ha ricevuto, a fine serata, un assegno del valore di mille euro firmato da tutti gli chef. “Una cifra che pur non essendo enorme  vuole essere il nostro contributo ad una una buona causa e la dimostrazione che lavorando insieme per un intento comune si possono ottenere dei risultati concreti e tangibili – ha detto Dario d’Angeloideatore della manifestazione e resident chef delle” Nuove Colonne”. Ringrazio  la famiglia Scaduto, proprietaria di questa struttura, per avere sposato la mia causa offrendomi l’opportunità di organizzare questa serata grazie al supporto dei miei stimati colleghi e di tutto lo staff che ha lavorato dietro le quinte. Speriamo che questa manifestazione cresca e, con lei, anche il contributo benefico che potremo dare in futuro e, per questo motivo,  da domani cominceremo già a pensare alla prossima edizione”.

Prezioso anche il contributo  offerto dalle cantine che hanno messo le proprie etichette a disposizione degli chef per gli abbinamenti con i piatti da loro creati appositamente per la serata.
Il segreto della riuscita della manifestazione, che poi tanto segreto, in realtà, non è poiché è stato manifesto agli occhi di tutti è stato, innanzitutto, la passione e l’entusiasmo profusi non solo da Dario d’Angelo, ma anche dagli chef tutti che non si sono risparmiati nel dare il meglio di sé e nel raccontare  le proprie creazioni al pubblico sempre più attento di “gastroappassionati” ogni volta come se fosse la prima volta. Così  i nove giovani chef  siciliani  hanno realizzato le proprie creazioni gastronomiche tutte con  prodotti rigorosamente made in Sicily in grado di raccontare il territorio. Nella imponente sala del ristorante “Nuove Colonne” sono state  dislocate nove isole dei sapori in cui ciascuno chef ha cucinato in diretta il piatto scelto per questa serata “buona in tutti i sensi”. Spazio anche all’arte  e all’artigianato locali  che sono  stati  presenti  con le ceramiche dell’artista siciliana Mirella Pipia, i quadri del  pittore francese innamorato della Sicilia  Pascal Catherine, i gioielli che “parlano siciliano”  di Alta Classe Gioie. Anche la poesia ha avuto un proprio momento dedicato con le rime in dialetto siculo declamate  da  Vincenzo Aiello, il poeta bagherese  autore della raccolta “Faiddi di ciatu”  in cui racconta la sua Bagheria.

Fuori dalle postazioni degli chef, inoltre, sono stati disposti alcuni stand con prodotti tipici siciliani  posti in degustazione come i formaggi di Belmonte, la pasta del pastificio “In  Pasta” di Sciara, il miele dell’apicoltore Claudio Meli, il tartufo scorzone nero siciliano raccontato dagli chef Domenico Pipitone, Andrea Davì e dal pasticcere Giovanni La Rosa che hanno declinato il tartufo siciliano, a molti sconosciuto, facendone apprezzare la qualità, il bouquet di profumi inebrianti e le interessanti proprietà organolettiche che lo rendono adatto ad abbinamenti insoliti anche in pasticceria e nella Mixology.

Il percorso gastronomico attraverso le isole di sapori è cominciato con un amouse bouche composta da un  gambero rosso marinato su foglia di cannolo, ricotta, crema di pomodorini gialli preparata dallo chef  Piero Busalacchi del ristorante U’ Rais di Trabia  cui è stato abbinato il Berlinghieri Grillo 2018 Di Legami, la cui vibrante acidità e sapidità ben si è prestata a pulire il palato in un accattivante gioco di rimandi.

E’ stata poi la volta del  Dous Cous allo zafferano con seppie e zucchero di canna di Dario D’Angelo resident chef delle “Nuove Colonne” che ha sapientemente unito due tipi di cous cous, allo zafferano e al pesce, sotto il comune denominatore delle seppie in umido impreziosite da una raffinata nota dolce della riduzione di Nero d’Avola Curri delle Tenute Rosselli. Al piatto è stato abbinato l’Amunì Viognier IGT Terre Siciliane 2018 Tenute Rosselli che con la sue eleganti note di margherite e ginestre, sentori erbacei e frutta a polpa gialla matura e un sorso fresco e sapido  ha retto bene un piatto di grande personalità.

La perla di ricciola con riduzione di arancia rossa di Sicilia di Massimo Scirè, chef del Serenusa Village  di Licata è stata una gran bella sorpesa con uno scrigno croccante che ha mantenuto integri profumi e sapori per poi sprigionarli  al momento della sua apertura. Perfetto l’abbinamento con il Mandrarossa Calamossa Uve Autoctone 2018 che ha saputo tenere testa ad un piatto dalla forte personalità grazie ad un sorso armonico ed equilibrato dalla piacevole persistenza.

Un vero tripudio di apprezzamenti per le Busiate artigianali con crema di melanzane, vongole  e menta su cialda di pane  proposte dallo chef  Nicola Macchiarella del ristorante l’Ulivo di Trabia, perfetta versione “gourmet” di un piatto adatto per il pranzo della domenica dove la tradizione incontra i profumi della nostra terra fondendosi in un ricordo che riprende vita ad ogni boccone.  Interessante l’abbinamento con il Vermentino di  Gallura Bio  2018 Polinas che grazie alla freschezza, sapidità e mineralità del sorso ne ha esaltato il sapore “marino”.

Non meno apprezzato il Crush potato al limone costituito da un baccalà mantecato, maionese di ricci e cialda di tumminia  dello chef  Salvatore Aiello, una insolita ed interessante  interpretazione del baccalà  abbinato al Terebinto Grillo Planeta 2018 che, grazie alla spiccata sapidità,  ne ha potenziato la mineralità e bilanciato la dolcezza apportata dalla presenza  dei ricci.

Divertente e “irriverente” la versione dello chef Antonio Militello delle Fajitas di pesce spada e gambero bianco, impreziosita con guacamole, peperoni rossi,salsa di peperoncini e Jalapenos a cui l’abbinamento con il Chimirici Moscato Bianco e Zibibbo 2018  di Terre di Bruca ha regalato freschezza “spegnendo” il palato per prepararlo al successivo, agognato,  boccone.

Ha riscosso successo tra i presenti anche la pancia di maiale affumicata preparata dal Ristorante Angus cui è stati  abbinato Pura Essenza Nero D’Avola e Frappato 2018 di  Cummo che ne esaltato il gusto fumè.

Nel frattempo Salvatore Cucinotta, il Maestro pizzaiolo delle Nuove Colonne, ha sfornato ininterrottamente le sue cialde di pizza con tartare di tonno al sale di Trapani impreziosita da menta  e tartufo scorzone alla quale è stato abbinato il Flora Mamertino doc 2018  di Gaglio che ne ha piacevolmente accompagnato il contrasto di sapori rendendoli un unicum armonico ed equilibrato.

A fine serata, poi,  tutti in terrazza per gustare  il dessert del pastry chef Andrea Gagliano che ha proposto come fine pasto un ottimo  cremoso al verdello gelée di fragole e glassa al mandarino su strudel di mandorla, perfetto equilibrio di consistenze e di sapori,  cui è stato sapientemente abbinato il Mandarinetto di Ciaculli dell’azienda Amari Siciliani.

E così, con il naso all’insù, tutti intenti  a guardare i fuochi d’artificio, degna conclusione di una serata “con il botto”, tra un calice di vino, un bicchiere di amaro  e un sigaro  preparato con il tabacco siciliano dell’azienda Marino, i presenti hanno brindato a questa prima edizione della “Notte degli chef” mentre il pensiero degli organizzatori è già rivolto alla prossima per la quale tante idee già bollono in pentola.

Notte degli Chef: in Sicilia la prima edizione!

E’ stata intitolata “Notte degli Chef” la prima edizione della manifestazione che si svolgerà presso il ristorante e sala eventi  “Nuove Colonne” a Bagheria il prossimo 9 luglio. Nove il numero degli chef aderenti all’iniziativa a favore di UNICEF Italia e nove il numero delle cantine alle cui etichette sarà abbinato ciascun piatto. Nella principale sala del ristorante il cui nome, non a caso,  si sostituisce al precedente della vecchia gestione “Nove Colonne” per mantenere continuità con il passato e rappresentarne l’innovazione ed evoluzione,  verranno organizzate nove isole dei sapori in cui ciascuno chef avrà la propria postazione ove potrà cucinare il proprio piatto in diretta.

L’evento nasce da un’idea di Dario d’Angelo, chef e patròn del ristorante “Nuove Colonne” che ospiterà  la serata,  il giovane chef palermitano, classe ’84,  che a 18 anni ha fatto la valigia per andare a lavorare nelle cucine di tutta Italia, in Sardegna, Calabria, Puglia, Trentino e Piemonte fino ad arrivare in Egitto, Marocco, Tunisia , Isole Mauritius e Londra , in modo che ogni luogo gli lasciasse, quasi per osmosi, qualcosa di sé. Nel 2014 torna in Italia al Campus X, lo Student Resort più grande d’Italia,  per poi ritornare in Sicilia nel 2019 e raccontare, attraverso  la propria cucina,  questo lungo viaggio.

“Era da tempo che volevo realizzare un evento che mettesse la cucina siciliana al servizio di una buona causa in un luogo che, a mio parere,  ben si presta ad ospitare eventi di grande portata sebbene sia previsto un numero chiuso per porre un limite agli ingressi – ci spiega il patròn Dario d’Angelo –  Questa è una prima edizione che vuole fare da apripista a tanti altri eventi il cui filo conduttore sarà  il connubio tra la cucina di qualità, le eccellenze enologiche siciliane, l’arte, la cultura  e la possibilità di essere utili ad una buona e nobile causa”.

Così il giovane chef  ha chiesto ed ottenuto il supporto di altri otto colleghi siciliani con lo scopo di far assaporare le proprie creazioni gastronomiche realizzate con  prodotti tutti rigorosamente made in Sicily in grado di raccontare la Sicilia abbinandoli ad altrettante cantine del territorio e una di origini sarde, offrendo il proprio contributo per un fine nobile quale devolvere il compenso per le ore di lavoro all’UNICEF Italia. A tale scopo a fine serata verrà consegnato un assegno in formato gigante firmato da tutti gli chef intervenuti a Matteo Ferrara, presidente del comitato UNICEF di Palermo.

Ma la “Notte degli Chef” non è solo cibo e vino ma anche l’arte e l’artigianato locali  saranno presenti  in diverse sfaccettature. Sarà possibile ammirare le ceramiche artistiche dell’artista siciliana Mirella Pipia, i quadri del  pittore francese innamorato della Sicilia  Pascal Catherine, i gioielli che “parlano siciliano”  di Alta Classe Gioie.  Spazio anche alla poesia con le rime in dialetto siculo decantate da  Vincenzo Aiello, il poeta bagherese  autore della raccolta “Faiddi di ciatu”  in cui racconta la sua Bagheria.
Fuori dalle postazioni degli chef, inoltre, saranno disposti alcuni stand con prodotti tipici siciliani  posti in degustazione come i formaggi di Belmonte, la pasta del pastificio “In  Pasta” di Sciara, il miele dell’apicoltore Claudio Meli, il tartufo scorzone e i sigari Marino preparati con tabacco siciliano.

Ecco gli chef con i loro piatti e le cantine in abbinamento:

  • Piero Busalacchi 
    Gambero rosso marinato su foglia di cannolo, ricotta, crema di pomodorini gialli
    In abbinamento Berlinghieri Grillo 2018 Di Legami
  • Dario D’Angelo Cous Cous allo zafferano con seppie e zucchero di canna In abbinamento Amunì Viognier IGT Terre Siciliane 2018 Tenute Rosselli 
  • Massimo Scirè
    Perla di ricciola con riduzione di arancia rossa di Sicilia 
    In abbinamento  Mandrarossa Calamossa Uve Autoctone 2018
  • Nicola Macchiarella Busiate artigianali con crema di melanzane e menta su cialda di pane
    In abbinamento Vermentino di  Gallura Bio  2018 Polinas
  • Salvatore Aiello Crush potato al limone, baccalà mantecato, maionese di ricci e cialda di tumminia In abbinamento Terebinto Grillo Planeta  2018
  • Antonio Militello 
    Fajitas di pesce spada e gambero bianco
    In abbinamento Chimirici Moscato Bianco e Zibibbo 2018 Terre di Bruca 
  • Ristorante Angus Pancia di maiale affumicataIn abbinamento Pura Essenza Nero D’Avola e Frappato 2018 Cummo 
  • Salvatore Cucinotta (Maestro pizzaiolo)Cialda di pizza con tartare di tonno al sale di Trapani e menta con tartufo scorzoneIn abbinamento  Flora Mamertino doc 2018  Gaglio
  • Andrea Gagliano (pastry chef) 
    Cremoso al verdello gelée di fragole e glassa al mandarino su strudel di mandorla
    In abbinamento Mandarinetto di Ciaculli di Amari Siciliani

Sarà possibile accedere alla serata solo ed esclusivamente su prenotazione scrivendo una mail nuovecolonne@gmail.com oppure telefonando al numero 3664164902

Il costo del tiket di ingresso è pari a 30 euro comprende la degustazione dei piatti preparati dagli chef e un calice di vino per cantina che sarà consegnato all’ingresso con il pagamento di una cauzione pari a 5 euro è che resterà in omaggio in ricordo della serata.

Evento facebook: Notte degli Chef 

Nuove Colonne

Strada statale, 113

Bagheria (PA)

L’Argentina in Sicilia grazie a Expo Food And Wine, due realtà a confronto.

Una delegazione argentina  sbarca in Sicilia, dal 17 al 19 novembre, a Giarre, nella prestigiosa location di Radice pura, all’interno della IV edizione di Expo Food and Wine, ambasciatore delle eccellenze. All’interno della più importante vetrina enogastronomica ci sarà uno stand argentino, dove saranno esposti i prodotti tipici delle pampas e una chef preparerà un piatto tipico realizzato con ingredienti siciliani. Il cibo abbraccia la cultura a 360°, infatti, all’interno di EFW ci sarà una mostra di quadri dell’artista   argentina, Marta Acosta.

Il 18 novembre, alle ore 12, si svolgerà una conferenza sulle donne imprenditrici con il vice console d’Italia a Buenos Aires, Marisa Costantino, le relatrici saranno: la direttrice di Sathya Macchinarie  (Agricole), Antonella Abalsamo, la presidente della Camera Donne imprenditrici della regione Formosa, Norma Rios, il deputato nazionale della provincia di Tucuman, Miriam Gallardo, la senatrice  della Provincia di Jujuy, Silvia Giacoppo, il presidente della camera delle donne della provincia de Misiones, Maria Vera, la presidente della Fondazione Educampo e ex Presidente della Camera delle Donne Imprenditrici del Chaco, Silvia Duran, il consigliere, Evangelina Arguello, l’imprenditrice gastronomica, Adriana Ferreira.

A moderare l’incontro ci sarà Norma Simonit supportata linguisticamente dalla professoressa Silvana Lapenta.

Un momento di crescita e confronto con due realtà imprenditoriali distanti geograficamente, ma  vicini nella loro essenza.

 

Etna e Vesuvio si incontrano: i vini Palmento Costanzo protagonisti Wine and the City e Vitigno Italia

A Napoli si incontrano l’Etna e il Vesuvio. Una sinergia secolare, una contaminazione di sapori e di storie, un connubio perfetto: dal 19 al 23 maggio l’azienda siciliana Palmento Costanzo porta in tavola l’energia e il gusto dell’Etna unendole all’arte, ai colori, ai ritmi e alle suggestioni che “Wine and the city” (due eventi ad ingresso libero) e “Vitigno Italia” (tre giorni al Castel dell’Ovo) regalano con la città partenopea.

Continua la lettura di Etna e Vesuvio si incontrano: i vini Palmento Costanzo protagonisti Wine and the City e Vitigno Italia

Sherbeth, il Festival Internazionale del Gelato Artigianale, lancia un contest per creativi

Sherbeth, il Festival Internazionale del Gelato Artigianale, lancia una sfida ad artisti e creativi per l’ideazione dell’immagine di campagna dell’ottava edizione in programma a Palermo dal 29 settembre al 2 ottobre.
L’immagine dovrà valorizzare i contenuti dell’evento (gelato, artigianalità, turismo, gastronomia, territorio palermitano/siciliano) e i tratti distintivi dell’evento (degustazioni, multiculturalità, dinamismo, interattività, divertimento, emozione).
L’immagine dovrà necessariamente riportare il logo inalterato dell’evento, scaricabile dall’area download del sito www.sherbethfestival.it, le date (29 settembre – 2 ottobre) e la location stabilita (Palermo: Piazza Massimo, Via Maqueda, Via Ruggero Settimo e Piazza Bologni).
Il soggetto selezionato sarà declinato su affissione, pubblicità tabellare, advertising on line, materiale promozionale e strumenti quali depliant, ticket d’ingresso, pass, etc. I designer, gli illustratori, i grafici, in qualità di persone fisiche che abbiano compiuto 18 anni di età, sono invitati a presentare un elaborato con sviluppo verticale e orizzontale del soggetto, in formato A3.
L’elaborato dovrà essere accompagnato da una scheda descrittiva e dai seguenti documenti: copia di un documento d’identità, curriculum vitae, modulo di iscrizione e liberatoria. Il tutto dovrà essere caricato on line sul sito internet www.sherbethfestival.it in formato A3, 300dpi, jpgm tif o pdf.
Il termine ultimo per inviare la candidatura è il 19 AGOSTO 2016.
Gli elaborati saranno sottoposti al giudizio insindacabile della Commissione valutatrice che sceglierà l’immagine di campagna per l’edizione 2016 di Sherbeth Festival e riconoscerà all’autore del soggetto selezionato un premio di 500 euro che sarà consegnato in una cerimonia durante l’evento. La Commissione esprimerà il proprio giudizio entro il 24 agosto 2016.

 

La collezione primavera/estate 2016 delle borse Monya Grana

Monya Grana Hybla, il brand di borse luxury dallo stile barocco Made in Sicily che ha come tratto distintivo i mascheroni delle facciate dei palazzi nobiliari, ha riscosso grande successo ottenuto alla fiera Zip Zone di Parigi, ove ha presentato la sua collezione primavera/estate 2016 che comprende due nuovi modelli di borse:

1)      La pochette Amy, dal design nuovo, frizzante, dall’effetto glamour sorprendente, in cui il passato incontra il futuro; un’esplosione di colori che giocano e si incrociano fra loro ponendo in risalto le maschere impresse a rilievo su pelle, simbolo inconfondibile del brand. Modello che peraltro abbiamo già visto sul red carpet del Taormina Film Festival indossato dalla bellissima Lola Ponce e sul red carpet del Festival del Cinema di Venezia, indosso ad altre importanti celebrity:  le gemelle Squizzato, Anna Safroncick, Giulia Elettra Goretti.

2)       La luxury bag Grace, una lady bag dal fascino e dall’eleganza sorprendente, ispirata alla bellezza inconfondibile della principessa Grace, denominata “il cigno di Monaco”. Realizzata interamente in pelle e da un’incantevole effetto perla, che dona lucentezza, regalità e fascino a questo sofisticato ed esclusivo accessorio.

Quando ho creato ‘Amy’, ho sentito subito che sarebbe potuta divenire un ‘must della moda’, poiché era un modello che destava sensazioni, che suscitava grandi emozioni – dichiara Monya Grana -. L’accoppiamento dei colori, i suoi schematici intrecci e il predominare di uno dei simboli barocchi, uniti all’estrema praticità del modello, costituivano l’ensemble perfetto per una sofisticata, chic e deliziosa clutch da giorno e pochette da sera.  Il saperla ricercata, apprezzata e desiderata, da star del piccolo e grande schermo, oltre al vederla indosso a celebrity perfino di livello internazionale, sfilare anche in grandi manifestazioni quali la Mostra internazionale del Cinema di Venezia e Taormina, è stata una vera gioia per me, io che mi ritengo solo un mattone molto piccolo in mezzo ai grandi e colossali pilastri della moda. Ciò che comunque mi sta più a cuore è che la piccola ‘Amy’ sia in grado di emozionare e donare sensazioni a qualsiasi donna, star o donna qualunque, seppur unica, che sia“.

 

La vendita delle borse è attualmente riservata sul sito web aziendale www.monyagrana.com ed in 3 top boutique Italiane:

1.      Amaranto Boutique – Via Senato N 7 – 20121 Milano – Tel. +39 02 77077399

2.      Fratelli Battaglia – Via Giovanni Meli N 1 – 97100 Ragusa – Tel. +39 0932 623850

3.      Helmè – Largo dei Vespri 13 – 95100 Catania –  Tel. +39 095 552243