Archivi tag: Maschio Angioino

“Il Graal tra Storia, Mito e Psicologia”, convegno al Maschio Angioino

Al Maschio Angioino sono state scoperte evidenze che portano alla misteriosa coppa del Graal. Cos’è questa coppa, cosa rappresenta e dove può trovarsi?

Se ne discuterà sabato 29 giugno dalle ore 10 nell’Antisala dei Baroni al Maschio Angioino durante il convegno “Il Graal tra Storia, Mito e Psicologia”, durante il quale interverranno Clementina Gily dell’Università Federico II di Napoli, il giornalista del Mattino Vittorio del Tufo, lo  psichiatra Adolfo Ferraro e i ricercatori dell’Associazione IVI Itinerari Video Interattivi che hanno scoperto il fenomeno del “Libro di luce” nella Sala dei Baroni, ossia lo studioso di simbologia Salvatore Forte, il regista Francesco Afro de Falco e l’attrice Annalisa Direttore che durante l’incontro proporrà brani scelti della tradizione poetica aragonese.

L’appuntamento si inserisce nel calendario degli eventi della mostra “Santo Graal: storia, mito e leggenda”, grazie al quale si potrà ammirare dal vivo fino al 30 giugno la copia del Graal conservato dal 1437 nella Sala Capitolare della Cattedrale di Valencia, accompagnata da filmati e da cartelloni esplicativi della sua storia e del mito nei secoli, e dall’esposizione di abiti ed armature in quel Maschio Angioino in cui in passato ricercatori hanno trovato tracce inequivocabili del Sacro Graal.

La mostra verrà chiusa domenica 30 giugno con le “Rievocazioni storiche aragonesi” a partire dalle ore 11: una celebrazione in costume con spettacoli a cura delle associazioni “Compagnia d’arme La Rosa e La Spada” e “Rievocatori d’epoca”. Entrambe ridaranno luce alla vita di armi e di corte al tempo di Alfonso I di Aragona.

SpeleoEvo: l’insegnamento della Speleologia contro la dispersione scolastica

Dopo esattamente due anni dalla prima iniziativa di valorizzazione al Maschio Angioino, l’associazione Timeline Napoli inaugura un nuovo progetto per rilanciare il castello angioino. Sabato 20 ottobre 2018, ore 11, il gruppo di professionisti Timeline presenta “SpeleoEvo” e un’inedita apertura sotterranea, situata sotto la Torre San Giorgio, una delle cinque torri del maniero costruito su volere di Carlo I d’Angiò nel 1266 e poi ristrutturato da Alfonso d’Aragona.

Continua la lettura di SpeleoEvo: l’insegnamento della Speleologia contro la dispersione scolastica

Quinta edizione del premio artistico Napoli Arte e Rivoluzione al Maschio Angioino dal 24 al 30 settembre

Al via la V edizione del premio artistico “Napoli, arte e rivoluzione” un percorso di recupero della nostra memoria storica attraverso il viatico dell’arte. Dal 24 al 30 settembre, le sale Vesevi e Armeria del Maschio Angioino ospiteranno le opere di pittori, scultori e fotografi chiamati a confrontarsi con i principali episodi della nostra storia in cui il popolo napoletano ha trovato una spinta comune per combattere il suo oppressore. Il premio nasce da un’idea della curatrice Daniela Wollmann con il gruppo rivoluzionART/creativiATTIVI, in collaborazione sin dalla prima edizione con la V Municipalità e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Napoli. L’edizione 2018 coincide con i 70 anni dall’entrata in vigore della nostra costituzione e rientra nel calendario delle celebrazioni del 75° anniversario delle Quattro giornate di Napoli volute dall’assessorato, che ha inserito il premio tra le sue manifestazioni di interesse.

Ad aprire l’esposizione il 24 settembre alle ore 18,00, una performance del percussionista Giovanni Imparato, in calendario un dibattito sul volume di Giuseppe Aragno “Le 4 giornate di Napoli” e il giorno della premiazione, la visione del film “Bruciate Napoli” di Armando Delehaye.

«L’arte diventa per noi strumento di comunicazione di ciò che siamo ma anche di quel che siamo stati – spiega Daniela Wollmannlibro di storia e non solo di sentimenti ed emozioni. La memoria come arma educativa».

Il premio sarà presentato il 14 settembre 2018 alle ore 17,30 alla biblioteca Benedetto Croce in via F. De Mura 2 bis, Napoli. La premiazione è prevista per sabato 29 settembre, dalle 10.30 alle 13.00 nell’Antisala dei Baroni. Saranno inviati a presiedere e consegnare i premi: il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, l’assessore alla cultura del Comune di Napoli Nino Daniele, il presidente dell’ANPI Antonio Amoretti, il presidente del consiglio comunale Sandro Fucito, il consigliere Mario Coppeto e la consiglieraFabiana Felicità. Le opere partecipanti saranno inserite in un catalogo che sarà curato e stampato al termine della manifestazione. Una prestigiosa giuria composta da sette membri designerà i vincitori, formulando giudizi critici sulle opere premiate o meritevoli di segnalazione. Non solo: durante il periodo di apertura della mostra, il pubblico avrà la possibilità di scegliere l’opera che considera più rappresentativa compilando un’apposita scheda. L’opera più votata riceverà il “Premio Speciale del Pubblico”.

 

La giuria:

Paolo De Luca, presidente municipalità 5

Luigi Sica, assessore alla cultura/municipalità 5

Marina Albamonte d’Affermo, storica dell’arte

Giuseppe Aragno, storico

Gianpasquale Greco, storico dell’arte

Francesca Panico, giornalista

Maurizio Vitiello, critico d’arte

Napoli Arte e Rivoluzione

Maschio Angioino – Sale Vesevi e Armenia
Ingresso libero
Orario: dalle 9,00 alle 19,00

Vernissage: 24 settembre, ore 17.30

Premiazione: 29 settembre ore 10.30 – 13.00

Per info e adesioni: Daniela Wollmann – danielawollmann08@gmail.com – cell. 335 8789202

Il Solstizio d’Estate al Maschio Angioino

Il solstizio d’Estate non segna solo il giorno più lungo, in termini di luce, dell’anno. E’ questo il momento in cui si verificano fenomeni e misteri che affascinano l’uomo da secoli. Anche a Napoli accade qualcosa di “magico”, una recente scoperta apre nuove letture del passato: attraverso la finestra più grande della Sala dei Baroni, il Sole entra nel Maschio Angioino per compiere, sulla parete opposta, un arco di cerchio che man mano si trasforma. E mostra, solo in un determinato intervallo di tempo, qualcosa di insolito. In questa sala, la luce del Sole si fissa in un quadrato e rivela una sagoma precisa. E’ la forma di un “libro aperto”, forse il Libro della Conoscenza, un’immagine più volte riproposta nel castello, presente in alcune opere, quadri e monete del passato, come nel dipinto in cui è raffigurato proprio Alfonso V D’Aragona. Ma qual è il suo significato? Chi l’ha creata e voluta qui, in quella che era la sala del Trono, a Napoli?

Continua la lettura di Il Solstizio d’Estate al Maschio Angioino

Il weekend di Pasqua al Maschio Angioino con nuovi itinerari e visite virtuali

Apertura straordinaria per questo weekend di Pasqua 2018 al Maschio Angioino: partendo proprio da questo luogo e dalla sua millenaria storia, le associazioni culturali Timeline Napoli e IVI-Itinerari Video Interattivi riportano alla luce gli eventi, i luoghi e i personaggi illustri del passato attraverso una serie di visite guidate tematiche volte a valorizzare questo inestimabile patrimonio storico-artistico partenopeo. Per Pasqua e Pasquetta sarà possibile scoprire altri volti del castello di piazza Municipio, ma soprattutto inediti ambienti – specie quelli di norma non accessibili al pubblico – che ora possono tornare a nuova vita.

Continua la lettura di Il weekend di Pasqua al Maschio Angioino con nuovi itinerari e visite virtuali

Maschio Angioino: da Carnevale a San Valentino con i personaggi della storia per scoprire i luoghi segreti del castello

Al Maschio Angioino si aprono le porte dei luoghi “segreti”, di norma non accessibili al pubblico, con gli eventi a cura delle associazioni Timeline Napoli e IVI-Itinerari Video Interattivi
 
A partire da domani, domenica 11 febbraio 2018 (alle ore 10 e ore 12), sarà possibile visitare il sottosuolo del castello e salire sulla panoramica terrazza del maniero per andare all’avventura: Timeline Napoli, in collaborazione con Ars Mania, presenta una giornata di giochi, prove di abilità e conoscenza, per vivere la fortezza di piazza Municipio, e le sue vicende, da un punto di vista diverso. L’iniziativa è dedicata a grandi e piccini: per i bambini (dai 6 ai 12 anni d’età), andrà in scena una caccia al tesoro in maschera, mentre sarà possibile, per ogni accompagnatore, partecipare a una visita tematica al prezzo ridotto di 6 euro. Ogni partecipante sarà munito di mappe e bussole, per andare all’avventura da veri esploratori. Per partecipare, è necessario prenotare al numero 331 7451461Nel giorno di San Valentino (dalle ore 10 alle ore 16) il castello resterà aperto con gli itinerari storici di Timeline Napoli, che ripercorrono quei luoghi, dal sottosuolo alle terrazze, che raccontano la vita della Regina Giovanna e di altri illustri personaggi della storia.
 
Nel weekend, 17 e 18 febbraio, sarà possibile catapultarsi ai giorni di Lucrezia d’Alagno, grazie all’interpretazione dell’attrice Annalisa Direttore in abiti storici, e vivere in prima persona, attraverso la visita video interattiva “Il segreto celato” di IVI-Itinerari Video Interattivi, l’emozionante storia d’amore tra la dama preferita del Re e Alfonso d’Aragona. Gli spettatori saranno dotati di speciali lenti oled e potranno passeggiare – virtualmente parlando – in quegli ambienti del castello che ancora oggi non sono accessibili al pubblico. E per i curiosi di esoterismo, è possibile lanciarsi alla scoperta del mistero del Graal con la visita guidata ideata dagli studiosi e ricercatori di IVI. Per prenotare le visite, è necessario prenotare al 3273239843.

“Feste aragonesi”: percorsi di storia, archeologia ed esoterismo al Maschio Angioino

Le prime “feste”, o meglio “torneo”, a Napoli di cui si ha memoria è datato al 1272, sotto la corona di Carlo I d’Angiò. Ma fu con Alfonso I d’Aragona che i festeggiamenti persero il modo truculento e si ingentilirono i “costumi”. Per la prima volta, furono istituiti dei premi a chi non solo risultava vincitore bensì a chi si distingueva per eleganza e virtù. Tutto ciò accadde al Castel Nuovo – Maschio Angioino: partendo proprio da questo luogo e dalla sua millenaria storia, le associazioni culturali Timeline Napoli e IVI-Itinerari Video Interattivi riportano alla luce gli eventi, i luoghi e i personaggi illustri del passato attraverso una serie di visite guidate tematiche volte a valorizzare questo inestimabile patrimonio storico-artistico partenopeo.
Per il ponte dell’Immacolata e altri giorni di dicembre, sarà possibile scoprire altri volti del castello di piazza Municipio, ma soprattutto inediti ambienti – specie quelli di norma non accessibili al pubblico – che ora possono tornare a nuova vita.
L’ultimo arrivato è “Archeologia sottosopra“: questo il nome del nuovo percorso avventura di Timeline Napoli, un team di professionisti speleologi, geologi, archeologi, ingegneri, linguisti, naturalisti e appassionati, che, oltre ad offrire anche altri itinerari storici, mirano a rivalutare e recuperare la parte “abbandonata” all’incuria del tempo, al fine di rendere accessibili in maniera completa i siti storici dimenticati. Il percorso “Archeologia sottosopra” è solo su prenotazione (al numero 3317451461) e consente di essere accompagnati dai professionisti lungo una passeggiata che regala la possibilità di visitare: l’antica cannoniera aragonese all’interno della Torre dell’Oroe la cisterna del ‘400; di scendere negli scavi archeologi per poi salire, alla fine della visita, sulla terrazza panoramica del maniero, andando alla scoperta dei “falchi” (si parlerà infatti del “De arte venandi cum avibus”, il trattato dell’imperatore Federico II di Svevia sull’attività venatoria). I visitatori saranno muniti di caschetto speleo con luce. Il percorso non è per nulla claustrofobico data la grandezza degli ambienti. Durata: 1 ora e 15 minuti; costo biglietto 15 euro per adulti.
Sempre al Maschio Angioino esiste, per la prima volta, un innovativo modo di conoscere Napoli attraverso due viaggi nel tempo assieme ai professionisti dell’associazione culturale IVI (acronimo di Itinerari Video Interattivi), un gruppo di ricercatori, registi, cinofili e attori che mostrano scoperte e studi effettuati al castello di piazza Municipio attraverso forme conoscitive alternative. E’ questo lavoro che ha dato vita alla prima visita video interattiva con lenti oled mai vista a Napoli: “Il segreto celato” è il nome del viaggio virtuale che racconta (e fa letteralmente vedere) la storia della preferita del Re, Lucrezia d’Alagno, e dei segreti nascosti nei secoli da chi è venuto dopo. Durante il percorso virtuale, tutti i visitatori indosseranno delle speciali lenti oled e interagiranno con la giovane donna che conquistò il cuore di Alfonso appena mise piede a Napoli. La bella Lucrezia, interpretata dall’attrice napoletana Annalisa Direttore in mise storica, condurrà virtualmente i suoi ospiti anche in quei luoghi ancora oggi inaccessibili, come ad esempio sulle due Torri del maniero.
La visita del “Graal” apre nuovi scenari e percorsi guidati che partono da un protagonista indiscusso, ossia Alfonso V d’Aragona: nei festivi e ogni venerdì e sabato, dalle ore 10 alle ore 16, sarà possibile visitare la fortezza angiona, voluta da Carlo I d’Angiò nel 1279, conoscendo quelle pagine di storia che non vengono comunemente raccontate nei libri. Questo percorso esoterico parte dall’Arco di Trionfo, continua nel cortile e arriva alla Sala dei Baroni (o Sala del Trono): qui i visitatori si troveranno a vivere emozionanti avventure all’interno del maniero partenopeo. Per prendere parte a queste due visite (ognuna al costo di 10€) di IVI, è obbligatoria la prenotazione al numero 3273239843.

Per incentivare alla cultura, le due associazioni offrono la possibilità di integrare i percorsi: per chi scegli due visite guidate tematiche diverse, riceve come “premio” – in memoria di re Alfonso – uno sconto sul prezzo dei biglietti.

Alla scoperta de “Il segreto celato” nel Maschio Angioino di Napoli

Dicembre al Maschio Angioino per scoprire la “nuova storia di Napoli” con due viaggi nel tempo assieme ai professionisti dell’associazione culturale IVI (acronimo di Itinerari Video Interattivi), un gruppo di ricercatori, registi, cinofili e attori che mostrano scoperte e studi effettuati al castello di piazza Municipio attraverso forme conoscitive alternative.

Continua la lettura di Alla scoperta de “Il segreto celato” nel Maschio Angioino di Napoli

A Ognissanti ritorna Alfonso D’Aragona e il Mistero del “Graal” al Maschio Angioino

In occasione della ricorrenza dei defunti e dell’iniziativa “Vivi nel ricordo”, promossa e in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo, l’associazione culturale IVI – Itinerari Video Interattivi apre i portoni del Maschio Angioino dal 1 al 5 novembre 2017 con percorsi tematici all’insegna della storia partenopea. E quale migliore occasione se non quella di Ognissanti per riportare in vita i personaggi che hanno segnato le vicende e trasformato Napoli?

In ricordo di Alfonso I d’Aragona e dei suoi segreti celati in Castelnuovo” è il titolo dell’evento che si replica in più turni per cinque giorni (orari: dalle 10 alle 16 in settimana, mentre la domenica è dalle 10 alle 13) all’interno del maniero di piazza Municipio: dall’Arco di trionfo si seguiranno le vicende del Graal napoletano – partendo proprio dall’inizio di novembre 1441, quando Alfonso mise sotto assedio Napoli, che cadde sette mesi dopo – fino a giungere nella Sala dei Baroni. Quest’ultimo ambiente, nel 1487, fu teatro della strage dei nobili che tramavano contro il re Ferrante, figlio di Alfonso d’Aragona. La Sala dei Baroni fu rifatta dall’architetto Guillem Sagrera ed è molto simile alla cappella del “Santo Caliz” che si trova nella cattedrale di Valencia dove è custodito un Graal, che un tempo appartenente al tesoro reale. Al Maschio Angioino sono stati realizzati degli studi che vogliono dimostrare l’esistenza di una “copia” del Graal. La visita spiegherà la valenza esoterica della sala e del complesso incrociandosi ad una serie di racconti fiabeschi legati al mito della “coppa reale”. Il biglietto standard ingresso+visita tematica è di 10 euro a persona e consente l’opportunità di vivere uno dei monumenti simboli di Napoli con una suggestione nuova, che lega la storia alla fiaba. Per partecipare alle visite, è necessario prenotare al numero 3483976244 o via mail info@projectivi

L’associazione I.V.I. – Itinerari Video Interattivi al Maschio Angioino

Due anni fa l’associazione I.V.I. di Salvatore Forte, Francesco Afro de Falco Annalisa Direttore portò alla luce un nuovo fenomeno che si presentava nella sala dei Baroni del castello di piazza Municipio a Napoli. Lo stesso riprodotto anche in alcune opere, quadri e monete del passato, come nel dipinto in cui è raffigurato proprio Alfonso  D’Aragona. Da qui, approfondirono le ricerche e gli studi iniziati ancora un anno prima per incominciare un’iniziativa coraggiosa: dopo l’enorme successo registrato nella scorsa stagione, presentando visite e ricerche rese pubbliche per la prima volta nella storia al Castel Nuovo, ritorna la possibilità di partecipare ai percorsi innovativi e ricominciare nuove ricerche storiche. Dal percorso il “Graal tra storia e mistero passando per il “Libro di luce e la storia di Alfonso d’Aragona, che fu il capostipite del ramo aragonese di Napoli, alla prima video visita interattiva con lenti oled Il segreto celato di Lucrezia d’Alagno, i visitatori potranno andare alla scoperta di luoghi normalmente non accessibili e indagare – riprendendo le parole di Salvatore Forte – una “nuova storia di Napoli”.

Inoltre, ogni venerdì e sabato di novembre, dalle 10 alle 16, è possibile visitare il castello, voluto da Carlo I d’Angiò, insieme alle guide dell’associazione IVI e i suoi tour innovativi-culturali: conoscendo le vicende, i protagonisti e guardando con i propri “occhi” quelle pagine di storia che non vengono comunemente raccontate nei libri, il visitatore si troverà a vivere emozionanti avventure all’interno della fortezza partenopea. “Il nostro progetto si rivolge ai privati e alle istituzioni, che intendano valorizzare il loro patrimonio in maniera innovativa – spiega Forte, presidente di IVI -, perché questo è il nostro punto di forza. Creare piccole storie legate ai monumenti o ai luoghi, dove il visitatore si sentirà direttamente protagonista, permette di far riscoprire in maniera coinvolgente vicende e itinerari a essi collegati, potenziandone l’interesse e aumentandone le possibilità turistiche”. E, inoltre, prosegue il vicepresidente De Falco parlando dell’itinerario virtuale su Lucrezia d’Alagno, “le nuove tecnologie ci danno una mano: grazie alla realtà virtuale e all’ausilio di lenti video oled, oggi è possibile rendere lo spettatore davvero un protagonista attivo della storia”.

Per partecipare alle visite, è necessario prenotare al numero 3483976244 oppure via mail info@projectivi

Project Ivi 

Dai sotterranei ai bastioni esterni del Maschio Angioino per scoprire un’altra Napoli

Dopo il successo di “Aperti per ferie”, registrato nel mese di agosto, l’associazione culturale Timeline Napoli continua a raccontare Napoli da un punto di vista inedito: per tutto il mese di Settembre 2017, dal lunedì al sabato (ore 10-16), si aprono al pubblico spazi di norma non visitabili del Castelnuovo – Maschio Angioino, che Timeline Napoli è riuscita a recuperare nella scorsa stagione con l’aiuto di professionisti e di volontari, implementando partnership nel settore della ricerca del sottosuolo – come con IdroGeo S.r.l. – e conducendo nuovi studi di approfondimento di carattere storico-speleologico coi quali è stato possibile sviscerare la storia di “sotto” del maniero di piazza Municipio.

Continua la lettura di Dai sotterranei ai bastioni esterni del Maschio Angioino per scoprire un’altra Napoli