Archivi tag: favole

Un Natale da Favola: a Cava de’ Tirreni l’esperimento sociale delle «meta-favole»

Dal 7 dicembre al 6 gennaio Cava de’ Tirreni diventa la città delle favole. Il percorso sperimentale natalizio «Un Natale da Favola», promosso da “Ma dove vivono i cartoni?”, con il patrocinio del Comune, prevede la rappresentazione metastorica delle favole cult nel suggestivo Complesso Monumentale di Santa Maria del Rifugio, in piazza San Francesco a Cava de’ Tirreni (Salerno).

Continua la lettura di Un Natale da Favola: a Cava de’ Tirreni l’esperimento sociale delle «meta-favole»

“Tutta colpa di Walt Disney”: il primo libro di Federica Buonocore

Cenerentola, Biancaneve e i sette nani, La Bella e la Bestia, La bella addormentata nel bosco, La Sirenetta: sono tra le favole più amate non solo dalle bambine, ma anche dalle ragazze, se non addirittura dalle donne che in esse si rispecchiano – magari proprio nei momenti più difficili – sperando che la loro vita abbia lo stesso felice epilogo. Purtroppo il “E tutti vissero felici e contenti” non è appannaggio di tutte: questa cosa sembra averla capita bene Federica Buonocore, giovane cilentana laureanda in giurisprundenza che – annoiata dai tomi di procedura penale, consapevole del fatto che le idilliache storie d’amore narrate nelle favole non esistono e incentivata dalla nonna che in continuazione le ripeteva di darsi da fare – ha scritto un libro dal titolo “Tutta colpa di Walt Disney” (Terra del Sole Edizioni). Un centinaio di pagine dove le cinque favole sopra menzionate vengono raccontate seguendo un punto di vista completamente diverso: le principesse orfane, bellissime, che sconfiggono la matrigna grazie all’aiuto di bestioline varie e, in omaggio, ricevono anche un principe sono solo stereotipi, mere stupidaggini!
… dato che l’ennesimo appuntamento è andato a farsi friggere e non ho intenzione di aspettare l’amore della mia vita affacciata alla finestra come Raperonzolo, approfitterò della serata libera per raccontarvi la mia versione di alcune delle favole più famose della nostra infanzia e dimostrarvi così che è… tutta colpa di Walt Disney“, scrive Federica nella prefazione.
La prima favola passata sotto la lente di ingrandimento dell’autrice è Biancaneve, in assoluto la sua preferita: la graziosa Biancaneve è per Federica una ragazza ingrata nei confronti dei nani ed una “testa gloriosa” in quanto non segue le raccomandazioni dei suoi piccoli amici, mentre la Regina ha “la fissazione dell’aspetto fisico”. La seconda favola passata in rassegna è ” La bella addormentata nel bosco” dove le fate diventano una stilista, una pasticciera e una modella (il tono è sempre, ovviamente, sarcastico). Segue Cenerentola, la ragazza orfana (chi perde i genitori nelle favole di Walt Disney acquista punti!) con lo stesso piede di Barbie e un topo per amico. Nella versione de “La Bella e la Bestia” di Federica, la Bestia è un ragazzo un tantino sfigato e Belle una che se la tira. Infine, “La Sirenetta”, l’ultima favola dell’antologia, è la dimostrazione che il mare non è pieno di pesci, infatti la protagonista trova l’amore sulla terra ferma!
La prossima presentazione del libro è prevista per il 13 maggio alle ore 18:30 presso la Libreria Imagine’s Book (ex libreria Guida) in Corso Giuseppe Garibaldi 142 (Salerno).

Dal 26 febbraio in scena al Teatro Augusteo di Napoli “Rapunzel il musical” con Lorella Cuccarini

Al Teatro Augusteo di Napoli, dal 26 febbraio al 6 marzo, sarà in scena “Rapunzel il musical” con Lorella Cuccarini, straordinaria protagonista nel ruolo di madre Gothel, la cattiva, comica e affascinante matrigna di Rapunzel.
Lo spettacolo, della Viola produzioni, arriva a Napoli dopo aver trionfato nei maggiori teatri italiani. La riuscita di questa fiaba musicale è dovuta a una riscrittura della celebre storia e alle musiche tutte nuove, italiane e coinvolgenti. Sul palco, insieme a Lorella Cuccarini, anche 18 artisti tra ballerini, acrobati, cantanti e attori, tra i quali Alessandra Ferrari nel ruolo di Rapunzel e Giulio Maria Corso nei panni di Phil.
Le scenografie dello spettacolo sono imponenti, con oltre 15 quadri in continuo movimento e di grande impatto visivo, progettate da Alessandro Chiti. Gli effetti speciali sono di Erix Logan e tra i tanti meritano nota la lunga chioma intrecciata di Rapunzel, ben 6 metri di capelli, che si illuminerà magicamente grazie a tantissime piccole luci; la trasformazione dei personaggi animati della fiaba in personaggi reali sul palcoscenico; e infine, particolarmente suggestiva, la scena in cui vengono fatte volare tra il pubblico le lanterne che ogni anno il popolo libera in cielo per ricordare la principessa scomparsa.
Le musiche originali sono di D. Magnabosco, P. Barillari e A. Procacci; le liriche di Giulio Nannini; le coreografie sono a cura di Rita Pivano, i costumi di Francesca Grossi e la regia di Maurizio Colombi.

Sinossi
La storia narra il confronto tra Rapunzel, l’eroina positiva alla ricerca della sua vera identità, e la madre Gothel (Go-to-Hell), l’antagonista egoista e presa da se stessa, dal desiderio di fermare con ogni mezzo lo scorrere ineluttabile del tempo. Gothel si dedica alla stregoneria e allo studio delle erbe officinali pur di sfidare i malanni della vita e assicurarsi l’eterna giovinezza, ma tale ossessione non è frutto di superbia o malvagità, ha un’origine ben precisa: a causa di una salute malferma comincia a vivere nell’ombra sin da piccola, e la sorella minore, bella e sana, viene designata regina al posto suo. La scoperta di un fiore e del potere di Rapunzel la spinge in un attaccamento morboso verso la giovane… si comporta da madre ossessiva, sempre presente e pronta a tutto pur di salvaguardare quello che per lei è così prezioso: l’eterna giovinezza.
La caparbietà del giovane Phil e di Rapunzel, mossi dalla forza dell’amore l’un per l’altro, farà maturare in lei la convinzione che non si può imprigionare la libertà degli altri e che non si può fermare lo scorrere inesorabile del tempo, se non condannandosi a una vita affannosa che stanca e gela il cuore.
Prezzo Poltrona € 35,00
Prezzo Poltroncina € 25,00

Biglietti e maggiori informazioni sono disponibili al sito www.teatroaugusteo.it o telefonando al botteghino ai seguenti numeri: 081414243 – 405660, dal lunedì al sabato tra le ore 10:30 e le ore 19:30. La domenica tra le ore 10:30 e le ore 13:30.

Ti senti Lupo o Cappuccetto Rosso? Dillo con il bracciale “OH Rosso” by Iconoclass

L’accessorio d’autore firmato Iconoclass si arricchisce, giorno dopo giorno, di incantevoli e sorprendenti motivi creativi, destinati a scoprire nuovi tratti di fascino e femminilità.
La ricerca della griffe continua nel ritagliarsi spazi innovativi nell’accessorio di lusso “fatto in Italia”.
Il bracciale decorato in argenti “Oh Rosso“, è una magica istantanea “tridimensionale” della mitica favola dei fratelli Grimm…

Continua la lettura di Ti senti Lupo o Cappuccetto Rosso? Dillo con il bracciale “OH Rosso” by Iconoclass