Archivi tag: cortometraggio

“La musica è finita”: l’ultimo cortometraggio prodotto da AN.TRA.CINE

Martedi 7 maggio alle ore 20 sarà presentato in anteprima al cinema Metropolitan di Napoli, La musica è finita”, un cortometraggio indipendente prodotto da AN.TRA.CINE srl, produttore esecutivo Sarah Scognamiglio. L’opera audiovisiva vanta la regia di Vincenzo Pirozzi, formatosi professionalmente come aiuto ed assistente alla regia di “nomi” altisonanti come Antonio Capuano, Paolo Sorrentino, Francesco Patierno, Pasquale Squitieri. Il cast è costituito da: Anna Capasso, Ivan Castiglione, Miriam Candurro, Stefania De Francesco, Simona Capozzi, Antonio D’Aquino. La storia, ambientata tra il rione Sanità ed il noto parco dei divertimenti partenopeo “Edenlandia”, narra la vicenda di due giovani che nel 1987 vivono in un ambiente povero e di forte degrado, per poi ritrovarsi dopo molti anni, nel 2019, con una posizione sociale ben diversa dalle proprie aspettative. La troupe è composta dal direttore della fotografia Francesco Morra, lo scenografo Giovanni Sanniola, la costumista Melissa Piro, il truccatore Luciano Carino, il fotografo di scena Mario Occhiobuono.

AN.TRA.CINE srl, pur essendo una realtà d’impresa costituita nel 2016, evidenzia già al suo attivo alcune opere realizzate nel segmento audiovisivo in partecipazione con Bronx Film srl, Minerva Pictures Group, Paradise Pictures , come il lungometraggio “ Veleno”, presentato alla 32esima settimana della critica alla Mostra del Cinema di Venezia 2017, e la produzione nel 2017 del cortometraggio dal titolo “Il Signor Acciaio” con la regia di Federico Cappabianca e la fotografia di Daniele Ciprì e nel 2018 del cortometraggio “Il nome che mi hai sempre dato” con la regia di Giuseppe Alessio Nuzzo.“La Musica è finita” è un progetto realizzato anche con il sostegno di Projeko srl con il brand “Caffè Kamo” la cui responsabile Marketing e Comunicazione Dottoressa Marizia Rubino, si è a riguardo così espressa: “Quando il regista Vincenzo Pirozzi ci ha illustrato il progetto, abbiamo subito deciso di sostenere l’opera, collocando il nostro  prodotto come accessorio di scena all’interno della produzione. Siamo stati affascinati dalla storia d’amore e di riscatto sociale dei personaggi, ed anche attratti dall’ambientazione nel Rione Sanità, quartiere da cui oltre 50 anni fa è partita la nostra avventura imprenditoriale. Il marchio Kamo appare così in due momenti distinti, in una scena iniziale ambientata ai giorni nostri ed in un’altra scena collocata temporalmente nel 1978, anno a cui fa riferimento il flashback del protagonista”. Ed ancora tra le aziende partner del cortometraggio da evidenziare lo storico ristorante e pizzeria “Da Pasqualino” al Borgo Loreto, la concessionaria Valkswagen Barbato srl, la Full Security srl, Pizzeria Oliva sas di Carla Cerbone, Edenlandia. 

Nunzio Bellino: il protagonista di “Elastic Heart” diviene un eroe

Nunzio Bellino, attore napoletano, caparbio, tenace e determinato conquista le luci della ribalta dopo il grande successo del corto ” Elastic Heart” diretto dal noto regista Giuseppe Cossentino. Da vittima di bullismo per essere affetto da una rara patologia, la Sindrome di Ehlers- Danlos, che rende la sua pelle super elastica e fragile sia all’interno che all’esterno, Nunzio diventa una vera star del grande schermo. Un successo straordinario: la storia forte, toccante e commovente arriva al cuore del pubblico che ama il personaggio ” l’uomo elastico”. Si, è così che è stato definito Nunzio per le caratteristiche della sua pelle allungabile che lo rendono un super eroe. Nunzio è un esempio rampante di chi ce l’ha fatta anche in situazioni difficili. Il messaggio è forte è chiaro: ” Sorridere sempre, nonostante la patologia e andare avanti, senza arrendersi mai“. Artista sensibile, raffinato ed elegante, Nunzio ama la recitazione e il mondo dello spettacolo e dopo il corto non sono mancate partecipazioni significative in cortometraggi, serie tv, radio e soap opera come ” Passioni Senza fine 2.0″ dove presta la sua voce ad un bimbo, Sandro, abusato da un prete orco. E tra un evento e un red carpet come attore Nunzio è impegnato molto anche nel sociale su tutto il territorio nazionale per combattere ogni forma di violenza, bullismo e sopruso. Dal corto, ” Elastic Heart”, intanto è nato un monologo scritto da Giuseppe Cossentino che Nunzio, insieme al regista ed autore, sta portando in vari contesti importanti.

“Il coraggio di guardare avanti”: un cortometraggio sulle difficoltà di essere imprenditore

Si terrà domai, giovedì 21 marzo alle ore 17:00, presso il cinema Plaza di Napoli (via Michele Kerbaker, 85), l’anteprima nazionale del cortometraggio dal titolo “Il coraggio di guardare avanti”, scritto, diretto e interpretato dall’attore e regista Diego Macario. Si tratta di una produzione autonoma, che ha ricevuto il patrocinio morale del Comune di Napoli ed è nata in collaborazione con l’associazione nazionale “Angeli della Finanza”, da sempre impegnata nella lotta alla sensibilizzazione dei problemi legati alla crisi del mondo imprenditoriale e nel sostegno a imprenditori e familiari in difficoltà, attraverso l’impegno sociale, con vocazione di volontariato.

Il progetto si occupa del delicato tema delle numerose aziende che hanno dovuto “chiudere i battenti” in seguito alla crisi economica. Il protagonista del corto, infatti, è un ex imprenditore che, prendendo spunto dalla famosa scena del “caffè”, tratta dall’opera “Questi fantasmi” di Eduardo De Filippo, inizia a raccontare al “Professore”, ma più in generale all’intero pubblico, i momenti drammatici vissuti  nell’ambito lavorativo, fino a quando grazie all’arte e, in particolare, al teatro è riuscito a ritrovare la forza e il coraggio di ricominciare una nuova vita.

Il cortometraggio ha l’intento di ispirare gli imprenditori che di fronte al fallimento e in situazioni di estrema difficoltà spesso non riescono a trovare la forza di andare avanti.

“Il coraggio di guardare avanti”, è stato realizzato con l’amichevole partecipazione di Marilù Armani, Carmine Imbimbo, Nino de Santis e Paolo Perrotta. Le musiche originali sono state realizzate da Luigi Scialdone, che ha ricevuto il premio Donatello per le musiche di Gatta Cenerentola.

Ad oggi, la crisi non è ancora terminata e pochi media ne parlano; in tanti, per vergogna, si sono e continuano a suicidarsi. Quello di Diego Macario è un grido di speranza che vuole parlare al pubblico della grande importanza del connubio arte-cultura-imprenditoria.

Dopo la proiezione del cortometraggio (durata 10 minuti), avrà luogo un dibattito sulla tematica sociale della crisi imprenditoriale a cui prenderanno parte: l’autore Diego Macario; l’attrice Marilù Armani ( che leggerà alcune testimonianze); il Pres. Dell’associazione Angeli della Finanza, dott. Domenico Panetta; lo scrittore di “Matrix Europea”, il dott. Francesco Amodeo; gli autori del libro “Rottamati e scudati”, il presidente dei Noi Consumatori, l’Avv. Angelo Pisani e il dottore commercialista Massimiliano Toriello.

Dopo la presentazione al cinema Plaza, il cortometraggio sarà divulgato sui circuiti nazionali e di comunicazione, a cura e da parte dell’associazione “Angeli della Finanza” (Televisione, Cinema, spazi web, ecc.), per realizzare dibattiti di approfondimento in tutta Italia, allo scopo di sensibilizzare un’ampia fetta di pubblico sulla tematica della crisi economica che affligge la nostra imprenditoria. “Il coraggio di guardare avanti” sarà inviato, oltre che su tutte le piattaforme web, anche in concorso ai maggiori festival nazionali e internazionali.

Il letto di carta: un cortometraggio sulla problematica sociale dei clochard

Sabato 16 Marzo alle 17:30 si terrà a Napoli presso la “Sala Sannazzaro” sita in via Mergellina, 9B (all’interno del complesso della Chiesa Santa Maria del Parto), la conferenza stampa con presentazione del cast e proiezione del film breve “IL LETTO DI CARTA” scritto e diretto da Maurizio Nani e prodotto dalla RAMPA FILM APS.
Il film, interamente girato nel centro storico del Comune di Pozzuoli, dal quale ha ricevuto il patrocinio morale, vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sulla delicata problematica sociale dei clochard, che vivono in strada nella completa indifferenza altrui. Il cortometraggio è in concorso a vari festival nazionali ed internazionali.

“Il nome che mi hai sempre dato” con Mariano Rigillo è il primo corto di Rai Cinema Channel su IGTV

È disponibile sulla IGTV di Rai Cinema il cortometraggio “Il nome che mi hai sempre dato” di Giuseppe Alessio Nuzzo, in occasione della presentazione alla 41a edizione delle Giornate Professionali di Cinema di Sorrento (proiezione venerdì 7 alle ore 20.15 al Cinema Teatro Tasso). Si tratta del primo film breve che Rai Cinema pubblica sul suo canale Instagram, affinché i suoi prodotti cinematografici di qualità, come questo corto girato in modalità verticale, possano raggiungere anche il pubblico del web per una perfetta fruizione da mobile.

Continua la lettura di “Il nome che mi hai sempre dato” con Mariano Rigillo è il primo corto di Rai Cinema Channel su IGTV

“Primitivamente”, premio speciale al CortiSonanti per il documentario su Acerra

Un documentario per parlare di Acerra, al di là dei preconcetti legati alla Terra dei Fuochi. “Primitivamente”, opera del regista Giuseppe Alessio Nuzzo, ha ricevuto un premio speciale al festival CortiSonanti Film Festival 2017 Awards per per “aver dato testimonianza vera con coraggio attraverso il linguaggio cinematografico di denuncia“.

Continua la lettura di “Primitivamente”, premio speciale al CortiSonanti per il documentario su Acerra

Marzio Honorato e Germano Bellavia producono un cortometraggio contro la violenza di genere

Martedì 7 novembre alle ore 10:30, nell’Aula Mediterraneo dell’Ospedale Cardarelli di Napoli, è stato presentato il cortometraggio prodotto dalla Maxima Film di Marzio Honorato e Germano Bellavia, contro la violenza di genere.

Continua la lettura di Marzio Honorato e Germano Bellavia producono un cortometraggio contro la violenza di genere

La Chimera: il cortometraggio che racconta la storia dell’abbattimento delle Vele di Scampia

Dopo il successo della proiezione alla 74esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, fuori concorso alla Giornata degli Autori, il documentario “La Chimera“, che racconta la storia dell’abbattimento delle Vele di Scampia, sbarca al PAN per la prima a Napoli.

Continua la lettura di La Chimera: il cortometraggio che racconta la storia dell’abbattimento delle Vele di Scampia

ELLIS, il cortometraggio sull’immigrazione con Robert De Niro

Cos’è Ellis Island. E’ un isolotto alla foce del fiume Hudson nella baia di New York. Antico
arsenale militare, dal 1892 al 1954, anno della sua chiusura, è stato il principale punto
d’ingresso per gli immigranti che sbarcavano negli Stati Uniti. Attualmente l’edificio ospita
l’Ellis Island Immigration Museum.

Chi è JR. Street artist, fotografo e video maker francese. JR è un artista di strada che
cattura con le sue opere l’attenzione di chi non è un abituale visitatore di musei. Nel 2011
JR riceve il TED Prize e dà il via ad Inside Out, un progetto globale di arte collaborativa
che si basa sull’idea di promuovere l’impegno civile attraverso l’arte. Chiunque lo desideri
può caricare le proprie immagini sul sito http://www.insideoutproject.net/en, riceverne
una copia stampata su poster e utilizzarla per esporla sui muri della propria città. Nel
2014 JR dirige il documentario Les Bosquets basato sulla storia di Ladj Ly e la
performance del balletto Les Bosquets, sorto dall’inedita collaborazione tra l’artista e il
New York City Ballet (2014) ed ispirato alle sommosse dei sobborghi parigini del 2005.
Tra gli altri progetti Face to Face, Women are Heroes, e Wrinkles of the City Cuba.

La storia di ELLIS. Nel 2014 JR aveva chiesto di visitare l’ospedale dell’immigrazione di
Ellis Island, dove venivano curati gli emigranti malati, con l’idea di lavorare sui muri
dell’edificio, abbandonato dal 1954. La sua richiesta fu accolta e per l’installazione
fotografica “Unframed – Ellis Island” JR scelse venti foto d’archivio di pazienti e medici
facendone dei murales.
Fra i tanti migranti che sbarcarono, troviamo anche i nonni di Robert De Niro.
Quest’ultimo ha partecipato con grande entusiasmo al progetto relativo all’installazione
fotografica dalla quale poi è nata l’idea del cortometraggio ELLIS, scritto da Eric Roth
(vincitore dell’Oscar alla sceneggiatura per Forrest Gump) e diretto da JR.
L’obiettivo del cortometraggio è quello di sensibilizzare il pubblico al problema
dell’immigrazione attraverso l’arte (poster, street art, video e fotografia), distribuendo
gratuitamente copia del video registrato a chiunque lo richiedesse.

Il progetto. In questi ultimi mesi si sono spese tante parole riguardo all’immigrazione di
oggi e a quella di ieri; parole su chi erano gli italiani che partivano in cerca di fortuna e chi
sono i migranti che arrivano oggi sulle nostre coste.
Le foto delle navi che sbarcavano a Ellis Island sono amaramente simili ai barconi che
feriscono quotidianamente il nostro Mediterraneo: barche piene di occhi.
Per una strana ragione, Ellis Island è diventata il simbolo di un contrasto feroce in questi
giorni: il luogo geografico lontano che segna la separazione fra il razzismo e il non razzismo.
La “diaspora italiana”, infatti, non è stata solo Ellis Island. Dal 1861 al 1985, 29 milioni e
36mila italiani emigrarono in altri paesi dell’Europa e in Nord America, Sud America, Nord
Africa, Africa dell’Est, Australia e Nuova Zelanda. Poco più di 10 milioni di questi fecero
ritorno in patria, mentre quasi 19 milioni restarono all’estero. Il numero totale degli
italiani nel mondo è di circa 70 milioni. Non fu solo l’America, dunque. Non fu solo Ellis
Island a diventare testimone del nostro dramma di poveri, affamati, diseredati alla ricerca
di una seconda opportunità. Fu il mondo intero.
Da queste considerazioni prende il via il progetto dell’Associazione “Il
Purgatorio”. In Piemonte, Torino e provincia. Le migrazioni/immigrazioni dei nostri
giorni. Siamo tutti migranti?
Di qui un tour del cortometraggio ELLIS di JR che sarà proiettato in location molto diverse
l’una dall’altra, partendo da Torino il 20 e 21 novembre 2015 per arrivare fino a
Somano, nelle Langhe, ad aprile 2016. Spazi privati ed istituzionali ospiteranno le
proiezioni durante le quali si cercherà di avvicinare il pubblico alla discussione sul tema
dell’immigrazione e coinvolgerlo in una condivisione di emozioni per dare risposta (se c’è)
al conflitto di questi ultimi tempi.

PROGRAMMA – PROIEZIONI DI ELLIS

  • PUBLIC SCREENING @ Parma52 – Cortile creativo
    Open Lab
    Via Parma 52, Torino http://www.parmacinquantadue.it/ Facebook
    Venerdì 20 novembre 2015, dalle ore 18 alle 21
  • PUBLIC SCREENING @ CineTeatro Baretti – Associazione Baretti
    Free entry
    Via Baretti 4, Torino http://www.cineteatrobaretti.it Facebook
    Sabato 21 novembre 2015, ore 21
  • PUBLIC SCREENING @ Camo (CN) Pinacoteca Civica
    Sabato e domenica, 26-27 marzo 2016
    In occasione del festival PRIMA VERA REGIA.
    www.museoacieloapertodicamo.it
  • PUBLIC SCREENING @ Somano (CN) Confraternita dei Disciplinati
    Lunedì 25 aprile 2016 in occasione della collettiva d’arte Ar(t)gentina & Friends