Il diabete: come prevenirlo ed arginarlo

Il diabete è una delle patologie più diffuse del nostro secolo, una malattia cronica caratterizzata  dall’eccessiva quantità di glucosio nel sangue.

Tale condizione – spiega la Dott.ssa Maria Luisa Conza, biologa nutrizionista, ricercatrice borsista presso le più note università del mondo (da Harvard alla Bocconi) – è anche nota come iperglicemia e deriva da una ridotta quantità di insulina,  ovvero un ormone prodotto a livello pancreatico, nel sangue o da una sua anomala funzione; in particolare è possibile individuare tre tipi di diabete: il diabete mellito di tipo I, il diabete mellito di tipo II  e il diabete gestazionale. Il diabete mellito di tipo I  è proprio dell’età infantile  e adolescenziale ed è dovuto all’incapacità delle cellule pancreatiche, che vengono distrutte molto velocemente, di secernere insulina; esso è definito anche “autoimmune”, perché nel sangue dei soggetti affetti da questa patologia  sono presenti anticorpi come antigeni cellulari che producono insulina. Il diabete di tipo II rappresenta il 90 % dei casi di questa patologia ed insorge  tipicamente in età adulta ed è spesso erroneamente definito “diabete alimentare”. Esso può essere dovuto  sia ad una scarsa produzione di insulina, sia ad un’alterazione della sua funzionalità,  ed anche ad una combinazione di entrambi i fattori. Il diabete gestionale infine è quello che insorge nel corso della gravidanza e deriva dal variare della secrezione di numerosi ormoni  e dall’aumento di peso che possono provocare un’alterazione  nella risposta dei tessuti bersaglio nei confronti dell’insulina”. 
Ma quali sono le cause più comuni di questa patologia a parte il fattore ereditarietà? “In età moderna  – spiega la Dott.ssa Conza -, soprattutto nel Mondo Occidentale,  i fattori più comuni sono: sedentarietà, ipertensione, sovrappeso e obesità  (nonché il conseguente accumulo di grasso viscerale),  questi ultimi dovuti al consumo di alimenti altamente processati  e ricchi di zucchero; pertanto possiamo affermare che l’alimentazione gioca  un ruolo fondamentale  sia nel prevenire l’insorgenza del diabete  sia nella gestione del paziente affetto da tale patologia“. 
In conclusione,  quali sono i consigli per prevenire e/ o curare il diabete che la Dott.ssa Conza suggerisce? “In primis è necessario adottare uno stile di vita  sano, praticando un training combinato, ovvero un’attività sportiva  combinata  tra aerobica e anaerobica accanto ad un’adeguata alimentazione  a basso indice di insulina, pianificata in base all’età, il peso, l’altezza di ciascun individuo; in particolare è opportuno prediligere i cereali integrali a quelli raffinati, consumare almeno tre porzioni al giorno di verdura e due di frutta a basso indice glicemico, due porzioni a settimana di legumi, tre porzioni di pesce che è ricco di Omega-3, massimo due di uova, tre di carne bianca  e ridurre al minimo il consumo di carni rosse. Particolarmente indicato è anche il consumo di verdura verde a foglie larghe, di noci e frutta secca. A coadiuvare il piano alimentare prescritto è molto utile la somministrazione di  Antur Dren, un integratore naturale  alimentare che non è un soltanto un drenante,  ma è un disintossicante epatico, perché contiene  il Cardo Mariano, una pianta che  disintossica l’organismo attraverso la depurazione del fegato, e che contiene anche zinco e cromo, che aumenta la sensibilità delle cellule  nei confronti dell’insulina, favorendo un’adeguata distribuzione del glucosio all’interno dell’organismo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *