“IL CERCASUONI”: su Rai Yoyo una serie con protagonista un bambino parzialmente sordo

Giovedì 23 novembre 2023, alle ore 16.00, arriva in prima tv assoluta su Rai Yoyo e in boxset con tutti gli episodi su RaiPlay “Il Cercasuoni”, la straordinaria serie animata prescolare con protagonista un bambino parzialmente sordo appassionato dei suoni e della natura.

Una serie inclusiva, rivolta a tutti i bambini e alle loro famiglie, che rivoluziona l’animazione per gli innovativi standard tecnici, audio e video, combinando per la prima volta in una serie italiana i pupazzi in stop motion e le riprese della natura dal vivo.

Una coproduzione tra la società Enanimation di Torino e la britannica Eagle vs Bat per Rai Kids e il canale inglese ITV, che vanta la prestigiosa collaborazione dei premi Oscar 2023 Mackinnon & Saunders per la realizzazione e l’animazione dei pupazzi e dei set.

In un mondo tutto da scoprire e ascoltare viene raccontata la grande passione del piccolo “Cercasuoni” che ogni giorno, con l’aiuto dei suoi apparecchi acustici e della sua comica amica talpa di nome Mole, si mette alla ricerca di nuovi suoni e rumori della natura: dal ronzio dell’ape al rombo del tuono, dallo scrosciare della pioggia al crepitio del fuoco. Suoni che colleziona con il suo registratore per poi mixarli fra loro e modificarli creando nuove composizioni musicali.

Un viaggio reso ancora più coinvolgente dal racconto fuori campo di Carolina Crescentini, che accompagna con passione e naturalezza i piccoli spettatori e li aiuta a meglio comprendere i pensieri, i gesti, le emozioni del piccolo Cercasuoni consentendo loro di entrare ancora più in empatia e sintonia con lui e con la narrazione stessa.

Già in onda nel Regno Unito su ITV con  Keira Knightley  nel ruolo di narratrice, “Il Cercasuoni  (The Sound Collector)”, 60 episodi da 5 minuti l’uno, si propone di parlare a tutti i bambini in età prescolare, ipoacusici e non, favorendo una visione inclusiva, positiva e valoriale e non abilista o retorica dell’ipoacusia, e si avvale  della supervisione scientifica di consulenti di audiologia, come il Dr. Edward Killan, Professore Associato alla facoltà di Medicina dell’Università di Leeds, e l’appoggio della British Society of Audiology.

Grazie agli elevati standard tecnici, il progetto offre un’esperienza immersiva audiovisiva unica nelle bellezze della natura, permettendo inoltre di familiarizzare con la percezione del protagonista, con la sua sordità e i suoi apparecchi acustici e radio, stimolando la consapevolezza, la creatività e la curiosità nella giovane audience, oltre a sensibilizzarla sul tema della tutela ambientale.

Il suono, insieme alla bellezza delle immagini, è infatti l’elemento chiave della serie  a cui è stata dedicata una cura al dettaglio certosina: oltre a registrare in presa diretta i suoni reali direttamente nelle location delle riprese, per accentuare i cambiamenti audio sono state esagerate le differenze tra i 3 livelli di udito del protagonista. È stata inoltre coinvolta per le musiche e i suoni la compositrice e percussionista sorda di fama mondiale Dame Evelyn Glennie, vincitrice di due Grammy Awards.

In egual modo innovativa è anche la scelta della tecnica di animazione, che, grazie a un complesso lavoro di compositing realizzato dallo studio torinese Enanimation, unisce riprese in live action realizzate in North Devon e Cornovaglia per le azioni in esterno e la puppet animation, curata dal pluripremiato studio di Manchester Mackinnon & Saunders, già all’opera con Tim Burton (Mars Attacks!, La sposa cadavere, Frankenweenie), con Wes Anderson (Fantastic Mr. Fox) e con Guillermo del Toro in Pinocchio, per il quale hanno vinto l’Oscar 2023.

Sebbene il CENSIS nella sua ultima ricerca stimi che più di un italiano su 10 (il 12,1%) soffra di problemi uditivi e l’Organizzazione Mondiale della Sanità conti nel mondo che le persone ipoacusiche siano circa 466 milioni, la disabilità acustica è ancora oggi scarsamente rappresentata nei media. “Il Cercasuoni” non pone l’accento sulla disabilità del protagonista, ma la rappresenta come una delle sue caratteristiche non identitarie attraverso storie delicate che mostrano come egli affronta la sua vita quotidiana in modo positivo. Il ritmo e lo storytelling sono pensati per rilassare gli spettatori, tramite tecniche usate nelle scuole per ridurre lo stress nei bambini e aumentare la concentrazione e la creatività, grazie in primis all’immedesimazione nel protagonista.

La regia della serie è di Chris Tichborne, affiancato da Andy Burns e Barry Purves (candidato all’Oscar e ai BAFTA) per Mackinnon & Saunders, e da Lisa Arioli per Enanimation. Capo sceneggiatore è il pluripremiato ai BAFTA Dave Ingham, mentre hanno collaborato al progetto anche le sceneggiatrici italiane Gaia Agostinelli e Maria Chiara Oltolini. Enanimation ha gestito internamente parte del team di scrittura, la fase di storyboard, dando le direttive per effettuare le riprese e l’animazione, per poi curare l’intera filiera della post-produzione visiva, fra cui l’unione dei vari elementi live action e puppet animation tramite compositing e VFX, dando vita così al mondo del Cercasuoni.

Con una serie di animazione originale e spettacolare come Il Cercasuoni, Rai Kids rafforza l’impegno del servizio pubblico per l’inclusione e per il coinvolgimento di tutti i bambini nella scoperta della natura, delle proprie passioni e potenzialità – afferma Luca Milano, direttore di Rai Kids -. Il nostro piccolo protagonista è parzialmente sordo, ma è in grado di rivelare a tutti suoni e sensazioni inattesi. La voce narrante di Carolina Crescentini, come in Inghilterra quella di Keira Knightley, ci accompagna per mano in questo bellissimo viaggio”.

Mai come oggi le serie animate riescono ad abbracciare temi molto differenti fra loro utilizzando di volta in volta linguaggi e tecniche specifiche, mostrando una adattabilità e una capacità di storytelling che nulla hanno da invidiare ad altri generi dell’audiovisivo – dichiara Federica Maggio, CEO e co-founder di Enanimation -. Anzi, la grande creatività che riescono a esprimere, insieme all’uso delle tecnologie più all’avanguardia, sono un plus perché possano essere distribuite ed apprezzate in tutto il mondo. Il Cercasuoni’, prima co-produzione con il Regno Unito, segna un momento importante per una realtà indipendente come la nostra per gli elevati standard espressi da un team straordinario che ha saputo lavorare in piena sinergia; per questo, ringrazio tutti i talent che hanno collaborato alla realizzazione di questo progetto, nato per rivolgersi a tutti, nella massima inclusività”.

Mi è piaciuto moltissimo raccontare le avventure di Cercasuoni e della sua amica Mole combinaguai – afferma Carolina Crescentini -. È raccontato tutto in modo infinitamente tenero, stimolante e inclusivo. Un viaggio straordinario e immersivo nei suoni della natura e della città. Ho un bellissimo ricordo dei cartoni animati che seguivo da bambina, spero che anche questo bellissimo progetto resti nella memoria dei più piccoli e che ci possa essere una seconda stagione”.

 

 

“Il Cercasuoni (The Sound Collector)” è una co-produzione Enanimation/Eagle vs Bat per Rai Kids e ITV, da un’idea di Erica Angell e Tom Angell. Scritto da Dave Ingham. Regia Chris Tichborne, Lisa Arioli, Andy Burns e Barry Purves. Con la voce di Carolina Crescentini. Produttori Eagle vs Bat Erica Angell e Tom Angell. Produttrice Enanimation Federica Maggio. Produttrice Rai Sara Cabras. Commissario LitteBe Darren Nartey. Produttori esecutivi Erica Angell, Tom Angell, Federica Maggio, Ian Mackinnon, Peter Saunders. Musica e suono Tom Angell. Series Line Producers Tamsin Clay Bee e Marta Putetto. Realizzazione e animazione Puppets, props & set Mackinnon & Saunders. Direttore della fotografia Mackinnon & Saunders Richard Dando. Direttore della fotografia Enanimation Dorina Xhaxho. Color correction, VFX & Compositing Enanimation.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *