I “Canti de la dimenticanza” presso la chiesa di S. Pasquale Baylon durante “I giorni delle calende”

Prosegue con successo la kermesse  la rassegna a cura dell’associazione Il Canto di Virgilio con la direzione artistica di Carlo Faiello nella X Municipalità di Napoli, presentata nell’ambito di Affabulazione, progetto sostenuto dal Comune di Napoli – Napoli città della Musica – con il contributo del Fondo Unico per lo spettacolo del Ministero della Cultura.

Giovedì 24 novembre, alle 19,30, la Chiesa S. Pasquale Baylon (via Di Pozzuoli, 60 Napoli) ospita il concerto dal titolo “Canti de la dimenticanza”, elaborazioni e orchestrazioni di Roberto De Simone. L’ensemble di esecutori prevede, oltre a Raffaello Converso, una compagine strumentale di plettri, chitarre e strumenti ad arco, la cui stilizzazione armonica – o contrappuntistica –  si avvale della sapienza compositiva di Roberto De Simone: Franco Ponzo alla chitarra, Michele De Martino al mandolino I, Francesco Russo al mandolino II, Edoardo Converso alla mandola, Salvatore Della Vecchia al mandoloncello, Leonardo Massa al violoncello. Antonello Paliotti (direzione musicale/chitarra solista).

Questo progetto antologico e unitario   percorre un arco musicale che spazia in un periodo storico ampio, toccando le cinquecentesche villanelle della «Napoli gentile», le settecentesche reminiscenze pergolesiane o vinciane di eccellenti arie dell’Opera buffa, le ottocentesche melodie pervenuteci dalle altissime trascrizioni strumentali redatte da Mauro Giuliani, da Ferdinando Carulli, da Fernando Sor, fino a toccare l’invenzione digiacomiana, melodizzata romanticamente da Costa e De Leva.

 

Ingresso gratuito – Obbligo di Prenotazione su www.domusars.it

Infoeventi@domusars.it 0813425603

 

…Ho pensato al titolo “Canti de la Dimenticanza” perché io, come Napoletano, mi dolgo che la città non ricordi quanto Napoli sia stata nobile ed accetti quasi rassegnata, oggi, di essere volgare.

Roberto De Simone

 

…forse, De Simone si riferisce alla reale consapevolezza di un certo repertorio ampio e significativo, includente i molti riferimenti letterari e sociali, che nel tempo è venuta un po’ meno, svenduta, possiamo dire, alla celebrazione dello stereotipo modaiolo.

Stefano Valanzuolo

 

Il progetto ha visto la realizzazione di un CD prodotto dalla ZEUS Record ed è stato pubblicato e distribuito il 2 agosto 2021. A febbraio 2023 è prevista l’uscita del vinile.

 

Il concerto ha debuttato a Casamarciano, il 28 giugno 2019, in prima esecuzione, ed è stato replicato il 7 luglio a Napoli nella Chiesa di Santa Maria della Colonna (ex conservatorio, dove studiò Pergolesi) nell’ambito del Napoli Teatro Festival.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *