“Fatti per unire”: i ponti di Roberto Nicolucci

È disponibile il libro curato da Roberto Nicolucci con il patrocinio morale del Mit “Fatti per unire”, ponti nell’arte tra Messina, Roma, Genova e il fiume Kwai. 

Si edificano ponti per unire terre e genti; sono punti d’incontro e dialogo. Ma anche strutture da cui vedere il mondo o da cui essere osservati. E se un ponte fa capolino in un quadro, in un film o anche solo in un semplice scatto fotografico, potrete scommettere che, da mera struttura di attraversamento, quel ponte diverrà occasione di racconto. Ugualmente questo libro, precisa il curatore Nicolucci, fa carburare storie, speranze e sogni a occhi aperti. Vi sono ponti di epoche diverse e lontane: dalla “Colonna Traiana” a quello, prossimo venturo, che unirà la Calabria alla Sicilia. Vi sono ponti veri, come quello quattrocentesco di Spoleto su cui pedala il Terence Hill nei panni di “Don Matteo” o quelli, recentissimi, di Calatrava a Venezia e di Renzo Piano a Genova; fino ai ponti pieni di luce, visti e presi come in un miraggio, dai grandi impressionisti francesi e inglesi. Né mancano i ponti dei grandi libri della nostra vita (da Dickens a Tolkien a Calvino), fino a due o tre ponti entrati nell’immaginario filmico del secolo scorso (da quello sul fiume Kwai a quello del film di Woody Allen).

Tra testo e immagini, il libro scorre come una breve crestomazia di ponti e, senza forzature, come una piccola storia dell’arte dalla parte dei ponti. Storico e critico versatile, convinto da sempre che l’arte si possa raccontare con gusto e piacere della scrittura, Nicolucci non è nuovo a queste inedite traversate tra i secoli. Nel muoversi tra testo e immagini, il lettore è invitato ad approfondire alcuni nessi proposti dall’autore, integrando la propria galleria di immagini di ponti tra veri e dipinti. Diventa così un lettore al quadrato. E se la missione di ogni libro è, non solo di divertire e arricchire ma anche di aprire finestre di dialogo, questo libro ne è pieno. A coronamento del volume, la prefazione del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Matteo Salvini che scrive: “Il libro che avete tra le mani vuole essere anche uno stimolo affinché l’Italia torni a sognare. Ambizione. Orgoglio. Coraggio. Realizzare un collegamento stabile tra Calabria e Sicilia permetterà di collegare il Mediterraneo al Nord Europa, con un’opera unica al mondo che confermerà il genio del nostro Paese. Abbiamo il dovere di riuscirci.”

I proventi della vendita del libro saranno devoluti in beneficenza alla Lega del Filo d’Oro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *