China Prosit: Mario Volpe torna a parlare di cina

Nell’ambito della rassegna letteraria in-Chiostro, in svolgimento nel cuore di Napoli nella splendida cornice di San Domenico Maggiore, Mario Volpe con il suo libro China Prosit (Diogene Edizioni) è ritornato a parlare di Cina.

L’autore, la cui famiglia vanta storiche relazioni commerciali con il Paese del Dragone, è ormai riconosciuto tra gli osservatori più esperti e credibili nel contesto economico e commerciale delle relazioni tra gli imprenditori cinesi e quelli italiani ed è stato l’ideatore (insieme al giornalista Giuseppe Pesce) della rubrica di grande successo ChiNapoli (pubblicata sulla rivista l’Espresso Napoletano) raccontando, per la prima volta in assoluto, i molteplici aspetti economico-culturali tra Napoli e la sua comunità cinese.
Il filo conduttore della narrazione di Mario si è riallacciato ai recenti avvenimenti che hanno, e continuano a devastare, il mondo, di cui l’autore ha voluto esprimere un parere quanto mai concreto su quello che potrebbe derivare da un’incontrastata ingerenza dell’economia sinica in rapporto all’emergenza sanitaria che si è abbattuta sul pianeta. Seppur riconoscendo una relativa responsabilità da parte delle autorità di Pechino, Mario Volpe ha invitato a non dimenticare il percorso storico del popolo cinese, forte di una cultura millenaria, e di tenere a modello l’operosità che contraddistingue le proprie comunità.
All’incontro, tenutosi nel rispetto delle norme anti-contagio, è intervenuto il dottor Salvatore Principe –presidente della Diogene Edizioni- e il giornalista Marco Molino esperto osservatore delle dinamiche portuali e di economia marittima che coinvolgono la nostra nazione. E proprio Marco Molino ha voluto chiudere l’incontro invitando l’autore a richiamare il messaggio ottimistico riportato nelle 254 pagine di China Prosit, il cui contenuto sarà oggetto di un prossimo interessante dibattito (il 24 settembre a Caserta e il giorno 25 settembre a Castel Nuovo) con il giornalista Luca Marfè, in cui si metteranno a confronto le realtà delle due più grandi economie mondiali: gli USA e la Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *