Ė Antonella Fiordelisi, schermitrice e modella di origini salernitane, la protagonista di uno shooting fotografico nella magica isola di Capri. Le sue forme esaltano i preziosi abiti da sposa del marchio Julien Mattion dell’Atelier Giulia, partner della prossima edizione di Fashion Week Napoli Art. In attesa della conferenza stampa e dell’evento, che avrà luogo dal 2 al 5 dicembre al Castel dell’Ovo, la fashion week partenopea, con una sola edizione all’attivo, fa già tanto parlare di sé. Ideatore e direttore artistico dell’evento moda è Alessandro Di Laurenzio, giornalista e fotoreporter innamorato della sua città e di tutte le sfumature d’arte che Napoli regala, talvolta inconsapevolmente. La moda sposa l’arte, questo è lo slogan del progetto, che lascia intendere il ruolo centrale dell’arte come elemento scenografico durante la passerella delle griffe.
Un evento reso possibile grazie alla partecipazione delle istituzioni che hanno sposato il progetto con la finalità di rilanciare il comparto moda campano, congiuntamente alle splendide location di cui Napoli è ricca.
«L’idea di realizzare una fashion week napoletana nasce in seguito al grande riscontro avuto da un progetto di cui sono stato promotore nel 2016 – racconta Alessandro Di Laurenzio. Progetto nel quale abbiamo portato la moda nei siti dell’Unesco, per poi trascriverne l’esperienza in una serie di mostre fotografiche. L’idea è stata accolta positivamente. Del resto Napoli è un palcoscenico di meraviglie architettoniche e paesaggistiche che ben si sposano con lo scintillio degli abiti e la creatività del fashion design. Entrambi sono destinati a esaltarsi a vicenda, se messi opportunamente in comunicazione».
Tra gli abiti che calcheranno le passerelle della Fashion Week Napoli, ci sarà la nuova collezione Julien Mattion, che a breve sarà presentata a Tutto Sposi. In catalogo gli scatti capresi con la Fiordelisi, già protagonista a Venezia, sul red carpet del Festival, dove si è recata indossando un abito rosso disegnato per lei dall’atelier di Volla.
«Fare uno shooting fotografico a Capri è sempre stato il mio sogno – spiega Rosaria Scognamiglio, fashion designer e manager dell’Atelier Giulia. Più volte l’idea mi ha accarezzato, più volte l’ho anche messa in cantiere ma per una serie di vicissitudini il sogno è sempre sfumato. Complice la Napoli Fashion Week, quest’anno siamo riusciti a confezionare degli scatti sull’isola: in piazzetta, tra i vicoli capresi e, ovviamente, ai Faraglioni».
La storia dell’Atelier Giulia è quella di una donna determinata, che 30 anni fa ha iniziato giovanissima a disegnare e confezionare da sola i propri abiti, fino ad arrivare a mettere in piedi un’attività su tre livelli, diversi collaboratori e con un marchio, Julien Mattion, venduto in 50 negozi in tutta Italia e in alcuni atelier all’estero (tra gli altri in Russia e a Dubai).
Fashion Week Napoli Art è organizzata dall’associazione NoiNo Polo Moda, in partnership con MOVER Magazine (rivista americana con diffusione internazionale), FP AGENCY MODELS, SORBILLO Lievito Madre, Bottega Ferrigno, NaFashion Magazine, Modella Influencer agenzia e Accademia Sirio Aja. L’evento, patrocinato dal Comune di Napoli sarà trasmesso negli Stati Uniti attraverso Amazon Prime Video Direct International.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *