Beyond the Numbers: la mostra collettiva a cura di Massimo Carpentieri!

Portare l’arte oltre i luoghi del consueto, tra le maglie del quotidiano sentire. Da un’intesa tra AM Studio Art Gallery e lo studio professionale AD’B Consulting nasce il progetto espositivo Beyond the numbers, una mostra collettiva a cura di Massimo Carpentieri che inaugura mercoledì 8 maggio, ore 18.00, in via Cuma 28, Napoli.

Protagonisti dell’evento: Gianluca Carbone, Silvio Formichetti, Fabio Imperiale, Ferruccio Maierna, Kristina Milakovic, Antonio Minervini, Raffaele Miscione, Valeria Patrizi, Massimo Sirelli. AD’B Consulting, studio di commercialisti, apre dunque i suoi spazi alla città sulla scorta di un sodalizio artistico con AM Studio, la galleria vomerese diretta da Antonio Minervini che a un anno e più dalla sua apertura ripropone una condivisione di spazi tra arte e attività eterogenee. Beyond the numbers raccoglie artisti con esperienze e modalità espressive differenti, che interpretano, ognuno con la propria cifra stilistica, il passaggio dei nostri tempi. Oltre la ragione, la logica, i risultati, c’è la visione di un uomo contemporaneo, poliedrico ed eclettico, ma soprattutto vivo.

«Dalla pittura alla scultura, cambiano le metodologie e l’approccio alla materia – spiega Massimo Carpentieri – ma il concetto, che va ben oltre la logica dei numeri, si ripete costantemente. È sempre l’uomo e la sua percezione della realtà al centro dell’indagine visiva. Dal cromatismo informale di Miscione all’astrattismo gestuale di Formichetti, dall’astractura lineare di Minervini al figurativo onirico di Milakovic, ai volti e figure di Imperiale e Patrizi, sino al pop visionario di Carbone, i robottini di Sirelli e l’incontro metafisico di Maierna, Beyond the numbers non segue uno schema, è al di fuori delle cellette matematiche della ragione, è molteplicità espressiva dell’uomo con l’arte».

AD’B Consulting nasce come aggregazione degli studi professionali dei tre dottori commercialisti Riccardo Adamo, Alfredo D’Angelo e Bruno Bernardis che uniscono alle classiche conoscenze della professione un’elevata cultura degli strumenti informatici, in particolare dei software gestionali, realizzando programmi informatici nel campo dell’analisi economico-finanziaria e della valutazione di aziende.
AM Studio Art Gallery è uno spazio creativo dalla doppia anima, che coniuga insieme l’attività espositiva con uno studio di comunicazione, per dare visibilità alle risorse del territorio, con un’apertura verso la contaminazione dei linguaggi.

Beyond the Numbers
AD’B Consulting, Via Cuma 28 – 80132, Napoli
dall’8 maggio al 14 giugno 2019 
Orari e giorni: dal lunedì al venerdi ore 10-13 e 16-18
Info e contatti AD’B Consulting: ad@adbconsulting.com – 081 660580 – 335 8346304
Info e contatti AM Studio: Antonio Minervini minervini@studioaml.it – 392 0860931

La proposta glamour di Serena Esse: in costume (da bagno) tutto l’anno!

Il brand “SERENA ESSE” nasce con l’intento di donare eleganza ai contesti estivi attraverso le mille sfumature della femminilità delle donne, rendendole uniche in ogni occasione: dalla spiaggia al pool party, fino all’aperitivo più trendy.
I costumi, di respiro internazionale, rimangono Made in Italy nel cuore: design, ricerca, tessuti e produzione sono esaltati dalle eccellenze artigiane che ne garantiscono la raffinata qualità. Non manca innovazione nei dettagli e nella silhouette: ogni capo della collezione è creato per adattarsi a tutte le personalità, permettendo a ogni donna di esprimere il proprio essere, valorizzandolo. Ogni creazione è pensata per donne destinate a calcare la scena della vita da protagoniste assolute.
Quello di SERENA ESSE è insomma un beachwear pret à couture, ossia ricco di dettagli unici e pregiati, come ricami, ruches, plissé, volants, paillettes e pizzi, che danno quel tocco in più ad un capo di per sé semplice come il costume da bagno.
Ciò che rende davvero unici i suoi costumi, infatti, sono le stampe e gli scintillanti ricami all over che li rendono capi da indossare tutto l’anno: sotto una bella giacca, con un jeans o un elegante pantalone da sera.

Ballerina e stilista: Serena Pistilli, in arte Serena Esse, ha intrapreso il suo percorso professionale nel campo della moda proprio grazie alla danza, in quanto oltre a ballare creava i vestiti che indossava durante le sue performance incassando tanti apprezzamenti per entrambe le sue doti artistiche. Il suo marchio è nato nel marzo 2018, quando ha disegnato la sua prima collezione di costumi, allestito il suo laboratorio, ricercato i materiali, realizzato la sua prima linea insomma. In poco più di un anno le sue creazioni sono famose in tutta la penisola grazie alla sua partecipazione a sfilate, shooting fotografici e partecipazioni ad eventi svoltisi nelle location più cool d’Italia.

Macerata Campania: al via “Giardini d’Autore”

L’APS Pro Loco “Vivere a Caturano” ha organizzato presso Piazza Crocifisso a Macerata Campania (in Località Caturano) il festival del verde “GIARDINI D’AUTORE” che si svolgerà nei giorni 27 e 28 aprile L’evento promuove l’arte del giardinaggio, e i prodotti naturali e gastronomici del territorio e non. L’obiettivo è fornire ai professionisti un pretesto per incontrarsi, confrontarsi, scambiarsi informazioni e conoscenze relative alle diverse realtà produttive di appartenenza.
Laboratori didattici creativi, spettacoli musicali, conferenze e area ristoro saranno gli ingredienti di questo evento. Trovano collocazione tra gli espositori l’arte della terracotta, la gastronomia biologica, i profumi, le creme, e tutto ciò che riconduce al giardino come luogo in cui stimolare tutti i sensi. I settori interessati spaziano tra vivai per piante d’appartamento, bonsai, piante da frutto, viti ed ulivi anche da giardino, orchidee, cactus, piante officinali, piante aromatiche, piante rare, acquatiche, carnivore e tante altre.

Bagnoli Jazz Festival al via la sesta edizione – #BagnoliSpoT

Il 10, 11 e 12 maggio si terrà la sesta edizione del Bagnoli Jazz Festival: Bagnoli Power e Vineapolis regalano al quartiere una tre giorni di buona musica e garantito divertimento. La kermesse si terrà nello spazio antistante la famosa enoteca, a ridosso dei giardinetti di Viale Campi Flegrei, dove sul palco  si avvicenderanno 50 musicisti. Anche quest’anno il Festival garantirà un ricchissimo ed importante programma musicale, tre serate di cultura e condivisione.

10 maggio: gli AMA Jazz , giovani jazzisti ancora allievi, apriranno il Festival;Mario Nappi, con il suo talento riconosciuto in tutta Europa, suonerà in duo con Federico Luongo e concluderà  poi in Trio con il guest sax americanapoletano di Enzo Anastasio, che ha già omaggiato Pino Daniele; Sasa Mendoza, presenza costante del Festival .

11 maggioGli “Anemanera”, apriranno la seconda giornata della kermesse, prog rock e tradizione che parla Napoletano; l’immenso Carlo Faiello, con la sua world music che pesca nella tradizione colta e suonerà le sue composizioni in sestetto; La Scatt Gatt Orchestra, melting polt musicale, che vedrà 12 musicisti sul palco; Sortite musicali della Bandarotta Bagnoli di Gianluca Salerno.

12 maggioMirko Gisonte ed il suo TarantaFlamenco presenta il suo nuovo album e gli Hermanos a Virtuoso Guitar Trio presenteranno, inoltre, in prima nazionale, il loro docufilm su Bagnoli. 

#BagnoliSpoT: Lo stato dell’ARTE; Gli Hermanos (Max Puglia, Nico Di Battista e Francesco Cavaliere) presentano un cortometraggio che fotografa lo stato dell’arte del loro quartiere. Numerose testimonianze (Bennato, Faiello, Paone, Zurzolo, Gallo etc.) ed un estratto di un loro concerto insieme al Grammy Award Drummer Horacio “el negro” Hernandez per il Bologna Jazz Festival.

Marco Maddaloni: un personaggio politically correct sull’Isola, nella vita privata e in quella lavorativa

Marco Maddaloni, vincitore dell’ultima edizione de “L’Isola dei Famosi”, è tornato a Napoli da un po’ di giorni, ove sta incontrando parenti, amici, colleghi sportivi e fan in diverse occasioni. Tra queste un aperitivo che si è svolto domenica 14 aprile presso Villa Domi. In forma smagliante, il vulcanico judoka racconta la sua esperienza isolana: “Il fatto di essere uno sportivo ha rappresentato sicuramente una marcia in più sull’isola. Questa esperienza per me è paragonabile a un incontro di judo: quando il gioco si faceva duro, stringevo i denti e pensavo a tutti gli allenamenti, alle ore di sacrifici. Il momento più difficile della mia permanenza sull’Isola risale a quando è andato via Ghezzal in quanto, nonostante lui spesso si isolasse per leggere il Corano, la sua presenza per me era veramente importante. Quando è andato via ho compreso di essere rimasto realmente solo. C’era tanta ipocrisia tra i concorrenti, e anche io ho aderito a questo filone. Però io ero cosciente che stavo interpretando un ruolo in un reality, gli altri invece secondo me non lo avevano capito. La mia strategia consisteva nello sfruttare la forza dell’avversario a mio vantaggio, cosa che si fa anche nello judo”.  Il vincitore dell’isola oltre a ribadire la sua correttezza, si confessa anche fortunato: “Ho avuto anche un po’ di fortuna, quando è arrivata mia moglie che mi ha restituito la lucidità che avevo perso: mi ha ricordato che le avevo promesso che avrei vinto e, che da buon sportivo, ho sempre mantenuto le promesse.  La cosa più difficile da gestire per me sull’isola è stata la lontananza dalle persone care ed alcuni incubi del passato che sono riaffiorati. Mi mancava la vicinanza di Romina: lei è una grande ascoltatrice, non è solo la mia compagna, è anche una mia complice ed amica”. Maddaloni confessa che oltre alle persone che ama, gli è mancato anche il suo piatto preferito: “Mangiavamo solo cocco e riso, il cocco non era male. Io sono un po’ atipico come sportivo, seguo un’alimentazione tutta mia: adoro ad esempio gli gnocchi alla sorrentina, non quelli del ristorante, ma quelli che prepara la mia mamma, piatto che sull’isola mi è mancato tanto”. “I tramonti mi mancheranno relativamente perché quando li guardavo mangiando il riso in realtà immaginavo di essere a tavola con la mia famiglia – lo sportivo si lascia andare ad altre confessioni -. A un bel tramonto, insomma, preferisco la vicinanza dei miei figli. Ringrazio tante persone, ma questa vittoria la dedico a me stesso perché non ho mai mollato!”.

Maddaloni sta via via tornando alla routine quotidiana: “Il ritorno a Scampia nella palestra di mio padre è stato emozionante perché ho incontrato tante persone che con affetto si sono complimentate con me, non perché ho vinto il reality, ma per il comportamento che ho assunto sull’isola: se avessi sbagliato, avrebbe sbagliato la categoria che rappresento. Io sentivo forte questa responsabilità! A volte si parla male di Napoli, ma ritengo che le “mele marcie” siano casi isolati presenti in tutte le città. Io, come la maggior parte dei napoletani, sono per il rispetto delle regole”.

Il campione della quattordicesima edizione del reality è tornato a casa con una valigia ricca di cambiamenti positivi e buoni propositi: “L’isola ha cambiato un po’ di cose nella mia vita privata: da quando sono tornato ho telefonato tutti i miei zii che sto incontrando a uno a uno… Purtroppo a causa del mio lavoro e dei miei impegni sportivi non li vedevo da anni. Intendo riprendere i rapporti umani con tutte quelle persone che da piccolo mi sono state vicine. La partecipazione al reality ha cambiato anche la mia vita lavorativa: prima di partecipare all’Isola ero di già un tipo iperattivo, ora lo sono ancora di più (non dormo più di due ore e mezza al giorno).  Sto preparandomi per le Olimpiadi, ove rappresenterò un’altra nazione. Il personaggio televisivo continuerà, ma sempre coinvolto in progetti puliti”.

Articolo di Maria Consiglia Izzo
Foto di Maurek Poggiante

Premio Ambasciatori del sole

Sarà dedicata alle diversità, ai deboli, all’inclusione sociale e alla divulgazione scientifica la seconda edizione del premio “Ambasciatori del sole” organizzata dal quotidiano Napoli Village edito e diretto da Raffaele De Lucia.

Dopo il successo della prima edizione svoltasi a Villa Di Donato, che ha visto premiati esponenti del mondo delle istituzioni e del giornalismo, il premio quest’anno si trasferisce in uno dei luoghi simbolo della città di Napoli: il Castel dell’Ovo.

Il nostro quotidiano – spiega Raffaele De Lucia editore e direttore di Napoli Village – da sempre porta avanti valori positivi, soprattutto per quanto riguarda la difesa dei soggetti più deboli, di coloro che soffrono, vittime della povertà, delle discriminazioni di genere e di razza. Uno sguardo attento la nostra redazione lo rivolge anche alla difesa dell’ambiente e del territorio da anni martoriato dall’inquinamento e dal fenomeno Terra dei Fuochi. Il premio di quest’anno vuole essere un giusto riconoscimento per chi da anni si batte per migliorare e difendere la nostra città e la nostra regione”.

Ad essere insigniti del ruolo di “Ambaciatori del sole”: Sua Eminenza il Cardinale Crescenzio Sepe; il vicesindaco del Comune di Napoli Enrico Panini; l’assessore alla Cultura del Comune di Napoli Nino Daniele; l’editore Rosario Bianco e il magistrato Catello Maresca; la Prof.ssa Vincenza Faraco per il progetto “Ciak si scienza”; il cantante Andrea Sannino; la trasmissione Tv Made in Sud; la trasmissione radiofonica “La Radiazza”; Salvatore Esposito attore della fiction “Gomorra”; lo chef Rosario Izzo; le Associazioni “Venti di Speranza”, ANEF e “Occhi di Stelle” di Federica Paganelli. Menzione Speciale per la manifestazione Traveling Canvas

La kermesse sarà ospitata nell’ambito della mostra “Traveling Canvas” organizzata dall’Associazione culturale Art1307. A condurre la serata Francesca Scognamiglio Petino. I premi sono stati realizzati dall’artista Maria Garzillo.

I PREMIATI DELLA 1^EDIZIONE

I sindaci di Napoli e Pozzuoli de Magistris e Figliolia, il rettore della Federico II Gaetano Manfredi, la professoressa Annamaria Colao, il presidente della BCC Napoli Amedeo Manzo, l’attore Gigi Savoia, la factory Casa Surace, Antonella Leardi, Luca Abete di Striscia la Notizia, Francesco Borrelli e Gianni Simioli, Ugo Cilento, Francesca Filardo, l’accademia di Moda Maria Mauro, l’associazione Art1307, Rosa Alvino e Ivan Fedele, Carla Pinzero, le trasmissioni C’era una volta, e Mattina 9, l’agenzia Videoinformazioni, l’avvocato Laura Esposito,il giornalista Angelo Cirasa.

SPRING IS WOMAN: Alta Moda e Cinema per celebrare la primavera.

L’evento si è svolto giovedì sera nella splendida cornice di Villa Domi, Napoli ed ha visto la partecipazione di centinaia di invitati, esponenti del mondo dell’impresa e del professionismo campano. Special Guest della serata, Lorenzo Riva, il Re Sole dell’Haute Couture italiana, Gabriella Carlucci, già onorevole “Ambasciatrice del cinema italiano all’estero”, con il regista Giuseppe Alessio Nuzzo, insigniti per il loro valore professionale con un prestigioso riconoscimento dal Presidente Borgo Orefici di Napoli, accompagnato dalla moglie Diana. La “vulcanica” Carlucci è oggi più che mai alla ribalta per la sua nuova mission nel mondo dell’audiovisivo con i suoi due Festival in Spagna (Palma di Maiorca) ed in Serbia (Belgrado) diretta a promuovere il cinema italiano all’estero creando in tal modo costruttive sinergie con altri Paesi; ciò al fine di sostenere i giovani talenti, sceneggiatori e registi under 25 che aspirano ad una carriera cinematografica. Con lei il maestro Lorenzo Riva, che ha proposto una capsule dei suoi modelli, simbolo di raffinatezza e di eleganza nel mondo. Ed ancora, per l’audiovisivo, il regista e produttore Giuseppe Alessio Nuzzo, patron del Social World Film Festival, ha presentato una clip di immagini inedite del backstage di “Fame” un film breve, appena girato che offre uno spaccato di Napoli tra ricchezza e povertà realizzato da Paradise Pictures in co-produzione con AN.TRA.CINE ed il sostegno di Rai Cinema e del Mibac. Sempre per l’audiovisivo, significativa la partecipazione di T&D Trasporti Cinematografici di Eduardo Angeloni.

Ad aprire la manifestazione, condotta dalla giornalista Maridì Vicedomini, un tributo all’artigianato made in Campania con in passerella, splendide mannequin by Cainf, trucco e parrucco a cura diBeauty Sistem e Gianni Avino Narciso coadiuvato dalle allieve più talentuose  di “Serio Aja”, la rinomata scuola di estetica, riconosciuta dalla Regione Campania che hannosfilato una serie di abiti, ispirati a “New York New York” il noto film di Robert de Niro e Liza Minnelli,, by la Sartoria Muti, di Pina Muti, specializzata nella realizzazione di costumi per la danza e per lo show-biz, le borse con tessuti di San Leucio by Le Creazioni di Tata, “le Gioie” di Doriana Giordano, i sandali ed i sabot esclusivi by “Vida Stile Italiano”. Ed ancora, in scena, un’anticipazione della preziosa Collezione Autunno Inverno 2019 /2020 della pellicceria “Cose Belle” di Cervinara (Avellino) mentre, in vista dell’imminente stagione estiva, ampio spazio al beach wear by “Huitre” che ha proposto costumi da bagno ideali per una donna di ogni età dalla teenager alle signore più mature. Particolare attenzione anche al Beauty &Health con Medfarm Italia, un noto Centro di Medicina Estetica, diretto dal Professore Giuseppe Maria Izzo dotato di un’equipe di medici specialisti e di macchinari di tecnologia avanzata e la gamma di prodotti M&CDivision, una linea di creme di alto livello qualitativo, destinata al trattamento degli inestetismi della pelle indotti dal crono e dal foto-danneggiamento.

Uno sguardo significativo anche al “sociale” con la Cooperativa “Amiamo gli Anziani” destinata a fornire personale specializzato per assistenza agli anziani ai disabili, ma anche di baby sitting e lo Studio legale FerraraDentice De Dominicis, abilitato a dirimere in maniera altamente professionale e risolutiva qualunque tipo di contenzioso in materia Civile. Presente anche il segmento Eno-gastronomico, con la coffee station di Caffè Kamo, da qualche tempo molto vicino anche all’audiovisivo e le dolcezze di “Dolce e Caffè” di Aniello Esposito. A seguire dinner buffet a cura dello Chef della Casa e del suo eccellente staff ispirato alle tradizioni del golfo partenopeo con il“Live”by Mattia Esposito (sax contralto) Simone Maiello (chitarra elettrica), Mario de Vita (basso elettrico), Armando dello Iacono (sax tenore).

Visti tra gli invitati, il couturier Nino Lettieri, il Console onorario del Benin Giuseppe Gambardella con la consorte, Ester Gatta, Giuseppe Brandi, Fiorella De Rosa, Claudio Giordano e Valeria Converso, Claudio Amitrano, Mario e Patrizia Matano, Daniele e Titti Salomone, Giuseppe Maria Izzo, Antonio Piscini, Giuseppe e Vanda Mirante, Francesca Bourelly, Margherita Tedeschi, Domitilla Pisani, Dario Giordano e Daniela Giordano

El Primero Club: Pasquetta in riva al lago nel suggestivo Ecoparco del Mediterraneo

Natura, musica, divertimento e tanto cibo (in occasione della Pasquetta) presso El Primero Club nell’Ecoparco del Mediterraneo (via Fiumitello II in località Mezzagni a Castel Volturno).

La suggestiva location immersa nel verde propone per grandi e piccini un lunedì in Albis, con eventi per tutti i gusti, con un ricco programma dal mattino a tarda sera. I più piccoli avranno a disposizione aree di giochi con giostre gonfiabili e animatori; gli adulti  potranno ballare a bordo della “piscina galleggiante” sul lago, sdraiarsi al sole o praticare una delle tante attività sportive previste: dalla canoa al cable wake up. Non mancherà la disco dance con in consolle dj Luca Spanò e Tommaso Bruno e l’animazione latina di Gianluigi Papa.

Per tutti ci sarà un cestino pic nic con: casatiello, frittata di maccheroni, salame, mozzarella di bufala, salsiccia, costoletta, insalata, pane, dolce, acqua e calice di vino. Per i bambini cestino con pizza, mozzarella, frittata di maccheroni e coca cola. Non mancherà il maxi schermo per la partita del Napoli .Costo di ingresso con pranzo : 23 euro gli adulti e 10 euro i piccoli. In caso di pioggia, l’evento si terrà al coperto.

El Primero Club

via Fiumitello II, Castel Volturno

Info prenotazioni 335 1379663

“Sua Maestà la Pastiera”, la regina di Napoli, a Palazzo Caracciolo

Grande successo di pubblico e apprezzamenti per la prima edizione di “Sua maestà la pastiera” evento svoltosi nei giorni scorsi presso l’Hotel Palazzo Caracciolo MGallery by Sofitel. Sono stati chiamati all’appello i migliori maestri pasticcieri della Campania che hanno fatto assaggiare a oltre 400 partecipanti la loro pastiera (in versione tradizionale e in versione innovativa). Il live show cooking dello chef Umberto Zimbaldi ha consentito a tutti i convenuti di apprendere i segreti per cucinare una pastiera perfetta. L’evento, nato da un’idea del manager Marco Zuppetta con il giornalista Alessandro Savoia, è stato ripreso dalle telecamere di Rai1 per “La Vita in Diretta” con un collegamento curato da Raffaella Longobardi.

Continua la lettura di “Sua Maestà la Pastiera”, la regina di Napoli, a Palazzo Caracciolo