Archivio mensile:Dicembre 2018

#InsiemeperilTerritorio: Babbo Natale in ospedale porta i doni ai bimbi ricoverati.

Babbo Natale quest’anno è arrivato all’Oncologia del Pausilipon e in Pediatria al Nuovo Policlinico insieme alla Squadra di Insieme per il Territorio: Natale d’Amore.

Uniti all’insegna del Bene, chef stellati e d’eccellenza, campioni e maestri pizzaioli e pasticcieri, produttori, artigiani, alunni e insegnanti delle scuole del Territorio, si sono uniti per solidarietà nel grande evento solidale firmato dalla giornalista enogastronomica Teresa Lucianelli, organizzatrice Insieme a Nunzio Illuminato, patron della panoramicissima location ospitante: La Baita del Re Resort di Ottaviano.
Giocattoli, giochi di società e di ruolo, acquistati con i proventi della poliedrica manifestazione, sono stati donati agli oltre 70 bambini e ragazzi ricoverati. Fondamentale supporto dei volontari specializzati della Onlus DiamoUnaMano presieduta da Vittorio Emanuele Iervolino.
Fitto il programma della giornata benefica: gran gala con stellatissimi show cooking e cenone/spettacolo, preceduti da mercatini solidali, mostre d’arte, incontri su Salute e Benessere.  
Donati si piccoli anche quadri del filone “Arte terapeutica” della chef/pittrice Paola Fiorentino. 
La manifestazione rientra nella nota rassegna itinerante “Salute, Alimentazione e Bellezza: tutto quello che molti non sanno” firmata dalla stessa Teresa Lucianelli.
Il gran gala si è aperto con lo show cooking dello chef bistellato Francesco Sposito (Taverna Estia, Brusciano), servito nell’aperitivo. 
Quindi, il cenone/spettacolo, guidato dallo chef stellato Pasquale Palamaro (Indaco, Hotel Regina Isabella, Ischia) al quale hanno partecipato chef di autentica eccellenza e tra essi: Nunzio Spagnuolo – già sous chef dell’indimenticabile Gualtiero Marchesi, padre della Cucina Italiana – con Michele Sammarco e Valerio Giuseppe Mandile (Cieddi Portici); Antonio Battipaglia (Ruah, San Vitaliano); Vincenzo Toppi (Amor mio, Brusciano);  Maddalena Tessitore (Dogana Golosa, San Leucio), Luca Grande, oltre al patron de La Baita del Re Resort, Nunzio Illuminato. i maestri pizzaioli:  Michele Cuomo, campione mondiale Pizza in Pala (Cerase’, Vico Equense); Carmela Iorio, vice campionessa mondiale categoria Pizza Fritta (Carmine Iorio, Melito); Aniello Falanga, cultore degli impasti (Haccademia, Terzigno). I maestri pasticcieri Ciro Scarpato, presidente Associazione Pasticcieri Napoletani (Pasticceria Angela, San Sebastiano al Vesuvio); Gennaro Langellotti (Antica Pasticceria Gallucci Nola); Pasquale Pesce (Antica Pasticceria Pesce, Avella); Francesco Lastra e Gennaro Peluso (Equipe Eccellenze Italiane). 
Sono stati di notevole importanza i contributi dell’ISIS de Medici di Ottaviano, dirigente ing. Vincenzo Falco, che ha partecipato con i suoi migliori allievi coordinati dal Corpo Docenti e dell’AIS, Delegazione Comuni Vesuviani, responsabile Ernesto Lamatta, con i suoi superlativi sommelier.
Alto gradimento per gli spettacoli degli artisti solidali, tutti professionisti di chiara fama ai quali il qualificati pubblico ha tributato scroscianti applausi: i cantanti Ilva Primavera e Gennaro De Crescenzo, il soprano Maria S. Movchan, i maestri Armando Celentano, Raffaele Marzano, Enzo Savarese, i cabarettisti Elmo&Scipio; la danzatrice del ventre Zakì Kairoli, con le allieve Najat e Shiva in “Notti alla corte del Sultano”.
Tra gli istituti partecipanti, l’IC 2 Panzini di Castellammare di Stabia, (dir. Donatella Ambrosio) che ha contribuito alla vendita e alla Pesca solidale con curati manufatti in ceramica creati dagli alunni, con la guida degli insegnanti.
Gli incontri pomeridiani sulla scelta dell’acqua (Biofonte) e sulla sana alimentazione, sono stati curati dai dott. Giuseppe Vitiello, dirigente Microbiologia (Asl Napoli 3 Sud) e Rosalia Ciorciaro, nutrizionista, idrologa
alimentare, esperta in Scienze erboristiche e dal prof. Maurizio Fraticelli, specialista in Alimentazione, Terapia del Dolore, Chirurgia e Medicina Estetica (Università di Camerino e di Atene);
Tutti attenti alle estrazioni per la ricca Pesca, resa più appetibile dagli ambiti premi in palio, tra i quali un soggiorno in una località a scelta, di una settimana per 4 persone, una collana preziosa in onice, corallo e perle, diversi trattamenti professionali di bellezza, quadri, ecc, offerti da: Happy Holiday Onlus Napoli; Biofonte, resp. Campania: Rosalia Ciorciaro; Icaro Le Gioie, Castellammare di Stabia; Ileana Mandile Estetica e Benessere, Casoria; Parrucchiere Emanuele De Cicco, Napoli; Accademia Aseo, Napoli, Luca Carnevale. Ancora, Giuseppina Helen Passerotti, Dimenico Fiorentino e Paola Fiorentino, protagonisti anche di una mostra d’Arte collettiva. 
Con stile e professionalità, la Lucifesta di Antonio Criscuolo ha connotato l’ampia tenuta valorizzandola ulteriormente con le sue famose Luci d’Artista.  
Media in prima linea: “#InsiemeperilTerritorio : Natale d’Amore” è stato seguito da numerose testate giornalistiche televisive, radiofoniche, online e della carta stampata, blog specializzati, presenti con i propri rappresentanti.

La kermesse è stata inoltre supportata da: Azienda Altavigna di Gaetano Sepe, Cantine Taurasi Avellino; Agricola Diana, Caserta; Fattoria Alpega, Sarno; Fratelli Merolla; Gelati Vesuvio, Somma Vesuviana; Oleificio F.Lli Punzo, Pollena Trocchia; Antica Maccheroneria; Soleo, Terzigno, Peppe Imperatore; Il Fornaio, Somma Vesuviana; Eurograf, Palma Campania; Nonno Luigi, di PierFrancesco Ammirati; Spizzé, Pompei; Braceria L’Antico Portone, Qualiano, di Francesco Palma; Goeldlin, Cis Nola; Therapoint, Grafica e Stampa; LellAnimation.

“A’ Bona Crianza” per il 2019

L’Archivio Storico, famoso premium bar e ristorante napoletano classificatosi secondo ai Barawards 2018, il premio che valorizza le eccellenze dell’ospitalità made in Italy, propone un brindisi alternativo per le feste.
A’ Crianza è il cocktail di benvenuto che viene offerto agli ospiti dell’Archivio. Per il brindisi di fine anno o per il primo aperitivo del 2019 il bar manager Salvatore D’Anna ne propone una versione rivisitata, il cui colore “oro intenso” auspica fortuna e benessere. E’ un drink “anytime” leggero e profumato che può essere consumato in qualsiasi momento della giornata. Inoltre, per i tradizionalisti – il cui motto è “no bollicine, no party” – Salvatore  D’Anna ha creato il Just Cheers, uno champagne cocktail al gusto di mela per augurare fortuna e prosperità per l’anno venturo.

Essere sul podio dei Barawards 2018 è per noi una grande soddisfazione – commenta Luca Iannuzzi, patron del locale -, è un traguardo che abbiamo raggiunto anche grazie ai numerosi voti dei clienti che affollano ogni sera l’Archivio. Ed è proprio con loro che vogliamo brindare a questo successo e a un 2019 altrettanto ricco di soddisfazioni!”.

CineBus, in migliaia al festival cinematografico on the road tra Napoli e Roma: ecco i premiati

Avvicinare migliaia di persone al cinema: questo l’obiettivo centrato dal CineBus, il primo festival cinematografico on the road che quest’anno ha portato in piazza dei Martiri a Napoli e in piazza del Popolo a Roma proiezioni, dibattiti, incontri, casting e masterclass tutto a bordo di un truck. Tanti gli ospiti che hanno arricchito le giornate: dall’attore Mariano Rigillo al cast dell’“Amica Geniale” capeggiato da Giovanni Amura alias Stefano Carracci, a Fabrizio Nevola fresco protagonista dell’“Isola di Pietro” su Canale 5, passando per Marika Costabile dei “Bastardi di Pizzofalcone” a Gina Amarante di “Gomorra – La Serie”, e ancora l’actor coach di “Un posto al Sole” Luciano Nozzolillo, il casting director Emanuele Donadio, il formatore Giuseppe Mastrocinquedi PM5 e una delegazione della Film Commission Regione Campania che ha svelato i retroscena delle serie di successo girate in regione.

«Sono felice ed orgoglioso – così il regista e produttore Giuseppe Alessio Nuzzo, ideatore di CineBus – di aver raggiunto l’obiettivo di aver avvicinato migliaia di cittadini e turisti al cinema attraverso le sue specialità, dalla recitazione al doppiaggio, dal costume alla produzione, dal cortometraggio all’innovazione del cinema verticale e della realtà virtuale».

Giurie composte da studenti ed esperti di cinema hanno attribuito i premi tra le opere provenienti da tutto il mondo vincitrici dell’ultima edizione del Social World Film Festival: il Premio Cinebus 2018  è andato ex aequo ai cortometraggi  “Un giorno alla volta” di Carmelo Segreto e “Cristallo” di Manuela Tempesta, al lungometraggio “Tulips” di Mike Van Diem e ex aequo ai documentari “Volar” di Bertha Gaztelumenti e “Terra bruciata” di Luca Gianfrancesco; il concorso Screenplay è stato vinto da “Hello Dalai” di John Chao; nella categoria Smile si impone “Inclusion makes the world more vibrant” di Genevieve Clay-Smith.

Spazio anche allo Young Film Market e agli Stati Generali del Cinema Giovane e Indipendente. Durante l’evento sono stati presentati il romanzo “Le verità” di Giuseppe Alessio Nuzzo e l’Annuario del Cinema Breve a cura del giornalista Alessandro Savoia, entrambi editi da Cinema Edizioni, ed effettuate le riprese dello spot per il contrasto al fenomeno del cyberbullismo in collaborazione con il Consiglio Regionale della Campania – Forum Regionale della Gioventù della Campania.

L’evento è organizzato dall’Ente Social World Film Festival sostenuto dalla Direzione Generale Cinema del Ministero dei Beni e le Attività Culturali, con l’adesione della Film Commission Regione Campania, il patrocinio del Comune di Roma e Comune di Napoli e la collaborazione di Italian Film Factory, Paradise Pictures, Università del Cinema – sede di Acerra, PM5 Talent, PubliPeas, Imprenditori di Sogni, Gaetano Paolella Pizzeria, HM make up Italy, Factory costume e The ctrl room. Le attività istituzionali hanno ricevuto l’alto patrocinio del Parlamento Europeo, il riconoscimento del Presidente della Repubblica, del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati; il patrocinio della Fondazione Pubblicità Progresso, Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani – Premi Nastri d’Argento, Città di Vico Equense, Università degli Studi di Salerno e le Università di Napoli Suor Orsola Benincasa e L’Orientale e la collaborazione di Rai Cinema Channel.  L’Ente è, tra l’altro, fondatore e membro attivo del Coordinamento Festival Cinematografici della Regione Campania e partecipa ai lavori dell’AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema e del Clarcc – Coordinamento Lavoratori Regione Campania Cinema e Audiovisivi.  In nove anni di storia, il Social World Film Festival, che annovera come presidente onorario l’attrice Claudia Cardinale, ha organizzato più di 500 giornate di attività cinematografica in Campania e nell’intera nazione, 40 eventi internazionali che hanno toccato 28 città dei cinque continenti da New York a Sydney passando per Tokyo, Los Angeles, Rio de Janeiro, Tunisi e Londra, coinvolgendo migliaia di spettatori e centinaia di protagonisti della cinematografia mondiale. 

Vernissage CORTOCIRCUITO

Una galleria d’arte in cui sono esposti quadri vuoti, frammenti, deliri e illusioni. La mostra Cortocircuito, spin-off necessario quanto naturale del nuovo omonimo libro di Marcello Affuso, si presenta così, come un lavoro corale atto a raccontare con delicatezza e coraggio le devastanti conseguenze dell’amore. Un amore letto in tutti i sui momenti e nelle sue imprevedibili sfaccettature. Ma non solo. La raccolta di poesie, disegni e fotografie, così come la mostra, è una commistione di fragilità, conati e orgasmi, nel quale la parola e le arti visive si fondono.

Ad offrire la loro lettura dei componimenti sono state le disegnatrici, Mara Auricchio e Sara Melis, la reporter di Eroica Fenice, Giorgia Bisanti (già coautrici del libro), i corsisti del corso di fotografia del CMA, capitanati dal loro insegnante, Daniele Lepore, la fotografa Maddalena Mone e lo stesso autore, che si dimostra così un artista polivalente.

I 25 scatti e i disegni, ispirati dai componenti del libro edito da Guida Editori, saranno esposti al Riot – Laundry Bar and Clothes (Via Michele Kerbaker, 19, Napoli)

Il vernissage avrà inizio alle 19.

L’ingresso è gratuito ma sarà possibile lasciare una donazione oppure acquistare le foto ad un prezzo simbolico. Il ricavato delle vendite andrà in beneficenza ad una associazione che si occupa di clownterapia

Foto di Marcello Affuso, Nives Serpe, Davide Lepore, Giorgia Bisanti, Maddalena Mone, Riccardo Della Rocca, Riccardo Sciarretta, Raffaele Vatiero, Erica Bardi, Alice Galatola, Fernanda Iafusco, Chiara D’Antuono, Pasquale Barra, Lucia Paoletti e Giovanni De Simone.

Disegni e illustrazioni di Mara Auricchio e Sara Melis.

A Macerata Campania un concerto per festeggiare l’anno che verrà

Si terrà sabato 29 dicembre (alle ore 19:30) presso la Chiesa Abbazia di San Martino Vescovo il concerto di fine anno organizzato dalla Pro Loco “Vivere a Caturano” e dal Comune di Macerata Campania. Saranno eseguite musiche tratte dal repertorio operistico con incursioni di brani natalizi. Animeranno l’evento: il coro polifonico “Musique Esperance” di Nola; il coro “Note Legali” di Portici; il maestro pianista Giuseppe Galiano;  i tenori, i baritoni – bassi, i coristi, i contralti e i mezzo soprani dei due cori.

Giuseppe Galiano, classe ’94, intraprende gli studi pianistici giovanissimo: a soli 12 anni ha eseguito dal vivo un suo brano originale presso il Teatro Ariston di Sanremo nell’ambito del concorso per giovani compositori “Yamaha Music Festival”. Ha partecipato e vinto concorsi pianistici sul territorio nazionale tra cui il Concorso “Luigi Denza” di Castellammare di Stabia dove ha vinto il secondo premio, il Concorso Città di Sapri dove ha ricevuto il primo premio assoluto, l’Ischia Piano Competition dove si è classificato secondo. Vanta la conoscenza di repertori che spaziano dal classico al contemporaneo. Il suo repertorio nell’ambito della direzione d’orchestra spazia dal sinfonico al belcanto italiano. Recentemente ha diretto una importante produzione de “Il barbiere di Siviglia” al Teatro Umberto Giordano di Foggia, al Teatro Giuseppe Garibaldi di Lucera, ed ai Giardini La Mortella di Forio d’Ischia, riscuotendo notevole successo. Attualmente è detentore della carica di Maestro Collaboratore al Pianoforte presso il Conservatorio Statale “L. Perosi” di Campobasso.

I Ditelo Voi svelano il “Il Segreto della Violaciocca” al teatro Italia

Risate assicurate con il fantastico trio partenopeo nella “black comedy” più cool dell’anno. La routine quotidiana dei condomini di una palazzina verrà stravolta dal ritrovamento di un cadavere; di chi sarà? 
Giovedì 27 dicembre 2018, alle ore 20,30, al teatro “Italia” di Acerra approdano per la prima volta i “Ditelo Voi” con il loro nuovo ed esilarante spettacolo “Il Segreto della Violaciocca“. Il simpatico ed affiatato trio comico, reso famoso da “Made in Sud”, porterà in scena un thriller psico-comico in due atti, in cui non mancheranno bugie, gelosie e colpi di scena. La divertente black comedy, scritta e diretta da “I Ditelo Voi” in collaborazione con Francesco Prisco e allestito da Tunnel Produzioni,  ha tutte le credenziali per divertire lasciando immedesimare lo spettatore nella vita piena di dicerie e fraintendimenti di un condominio, il cui equilibrio tra lamentele ed “inciuci”, viene sconvolto da una assurda scoperta: il ritrovamento di un cadavere di cui è ignota l’identità. Chi sarà? Cosa fare? Queste le domande intorno alle quali si costruisce l’ilare vicenda. Le caratteristiche di questa trama rendono investigatori i protagonisti in scena ed il pubblico che, volente o nolente, si improvvisa detective per qualche ora. 

Info e prenotazioni:T
eatro Italia: 081.520.71.34
Conte Gennaro Cocorullo: 333. 478. 42. 67
Costo biglietto: €20,00


Trama 
Che fine hanno fatto i fratelli CIRILLO (Mimmo Manfredi e Francesco De Fraia), spariti in circostanze misteriose trentadue anni fa e mai più ritrovati? Ne sa qualcosa RAFFAELE ANNUNZIATA (Lello Ferrante), chimico in pensione con una smodata passione per la floricoltura, radiato dall’albo medico per aver condotto esperimenti non autorizzati sulle presunte proprietà allucinogene della Violaciocca, il cosiddetto “Fiore della nonna”, e che li tiene in ostaggio nel cantinato proprio sotto la sterminata piantagione di fiori che coltiva con amore. Niente televisione, radio, giornali o internet (di cui i due ignorano l’esistenza), praticamente congelati al momento in cui sono stati rapiti per una vendetta ai danni di un collega, Mimmo e Francesco, ormai quarantenni, hanno conosciuto la vita soltanto attraverso gli occhi e i racconti del loro aguzzino, che si è divertito a creare una realtà che non esiste, inventando un mondo orrendo, pericoloso ed efferato, così da scoraggiarli a qualunque tentativo di evasione. Col passare del tempo, però, la gestione dei due ingenui reclusi comincia a complicarsi. Gli impulsi sessuali di Mimmo cominciano ad essere incontenibili, così come la voglia di Francesco che, nonostante la paura, sogna di uscire e scoprire cosa c’è oltre quello scantinato… 
Ufficio Stampa – Vincenzo Iovinelli
ufficiostampa@teatroitalia.it
Tel. 081 185 56 889

Copyright © 2018 Teatro Italia, All rights reserved.

Sei iscritto alla newsletter Stampa del Teatro Italia

Ci trovi in:
Teatro Italiavia Francesco Castaldi, 17Acerra, NA 80011Italy

Chest’è ‘a mano ‘e chist’è ‘o Panariello!

Chest’è ‘a mano ‘e chist’è ‘o culo d’o panaro” : è una delle frasi più pronunciate durante il periodo natalizio dai napoletani che si divertono a giocare a tombola. Il giovane pasticciere partenopeo Vincenzo Ferrieri si è ispirato proprio a questa tradizionale attività natalizia per la creazione della sua ultima dolce proposta: “‘O panariello“, ovvero una sfoglia conica – quella della sfogliatella riccia -, che ricorda nella forma il cestino di vimini ove sono contenuti i 90 numeretti della tombola (nel dolce rappresentati da golosi struffoli).

Continua la lettura di Chest’è ‘a mano ‘e chist’è ‘o Panariello!

Un Natale all’improvviso

Prosegue con successo la stagione del Teatro Lendi di via A. Volta 176 (strada provinciale Frattamaggiore-Sant’Arpino), che il 26 dicembre (ore 18), 27 e 28 dicembre (ore 21) ospita sul suo palcoscenico Peppe Iodice in “Un Natale all’improvviso”, recital scritto a quattro mani con Lello Marangio che si trasforma subito in un happening condito con ospiti e sorprese, dove Iodice racconta e si racconta mettendo insieme i suoi monologhi più nuovi con altri scritti proprio per l’occasione, uniti ai pezzi migliori del suo repertorio.

Uno show che passa in rassegna tic, usi, costumi e malcostumi di chi, sovrappeso e in fuga dalle tavole imbandite, si dirigerà in teatro per assistere ad una vera e propria insalata di rinforzo di comicità. Con lui sul palco ci sarà la Zampognary Band, composta da quattro musicisti diretti dal maestro Gennaro Franco, e lo speaker ufficiale del Napoli Calcio Daniele Decibel Bellini. Lo stile è diretto e il clima è sempre quello di una grande festa perché, dice Peppe: “A Natale se non è così, mi viene la malinconia…!”.

Da Chalet Ciro: arrivano Sfere e Babbà Natale

L’alta qualità artigianale incontra l’originalità e l’offerta dei dolci in questo Natale 2018 è all’insegna dell’innovazione a Napoli nella migliore pasticceriadi Mergellina Chalet Ciro, pronta a celebrare le feste in arrivo con due deliziose e originali novità: le Sfere e il Babbà Natale. Due creazioni di pasticceria del tutto inedite e limited edition per questo periodo di festa, dove l’attenzione al gusto e alla qualità sono al primo posto ma anche l’occhio vuole la sua parte e la tendenza è la ricerca del particolare e la cura dell’aspetto estetico. Non è Natale senza albero ed ecco che i maestri pasticceri di Antonio De Martino lo portano in tavola per scaldare il clima natalizio con gusto e originalità: la base del Babbà Natale è il babà, uno dei prodotti di eccellenza del nostro territorio, il dolce tipico napoletano conosciuto per il suo soave profumo di rum e la sofficità del suo impasto, semplice o farcito con crema oppure panna. Per decorare le tavole con addobbi “culinari” innovativi ecco ora le Sfere di Natale, che non sono più appese nei nostri alberi ma sono deliziose torte preparate per gustare in una formula diversa la solita pasticceria.

«Nonostante l’essenza tradizionale e secolare dei nostri dolci, mettiamo a tavola qualcosa di unico e veramente natalizio – spiega Antonio De Martino, titolare della pasticceria di Via Caracciolo –, si tratta di creazioni artigianali curate nei minimi dettagli e realizzate per rappresentare il Natale insieme alla produzione dei classici della tradizione culinaria partenopea; sfruttiamo al massimo la fantasia e accostiamo l’aspetto scenografico al sapore genuino delle materie prime che utilizziamo per la preparazione di tutti i nostri dolci. Babbà Natale e Sfere da gustare e regalare: ce n’è per tutti i palati!».

Dolci sfere dal cuore morbido e cremoso adagiate su una base di frolla e nutella, sono disponibili in cinque colori: nera e rossa al gusto pan di stelle con pan di Spagna al cacao e crema chantilly; color oro e verde con una glassa al cioccolato bianco e crema chantilly al caramello mou; bianca al gusto cassata con una base di babà e crema di ricotta.

A partire dal giorno dell’Immacolata Concezione da Chalet Ciro è pronto anche tutto l’assortimento dei tanti prodotti protagonisti della pasticceria napoletana in questo periodo: mustaccioliroccocòdivino amorebottoni erombi alla mandorla, raffioli alla cassata, susamielli, e poi ci sono le torte che rendono unica l’atmosfera natalizia, come la pastiera, la cassata siciliana, napoletana e quella al forno, i presepi di cioccolato e le decorazioni di cake design.

Chalet Ciro,

Via Caracciolo 80122 Napoli –

081 669928

L’AGGIUSTAFAVOLE: il libro dove ogni bambino sarà il principale protagonista!

Lunedì 24 Dicembre dalle 11:30 presso Centro Carta Manzo (via Nazionale, 528 Torre del Greco) la Dott.ssa Mariapina Accardo presenterà L’AGGIUSTAFAVOLE un racconto tutto da personalizzare per bambini da 0 a 10 anni.  
Psicologa e Psicoterapeuta Mariapina lancia questo progetto per la lettura facilita con competenze cognitive, emotive e sociali. La lettura di fiabe e racconti  nell’infanzia permette di comprendere e ricostruire i contenuti in maniera creativa e simbolica infatti con L’AGGIUSTAFAVOLE il bambino non si immedesima nei personaggi ma sarà proprio lui il protagonista. Il racconto rappresenta anche uno spazio protetto per la famiglia. Ai più piccoli lo leggeranno i genitori, i più grandicelli possono completarlo personalmente e dedicarsi con piacere alla lettura. 

L’AGGIUSTAFAVOLE è pubblicato con il patrocinio di ATENEO Centro Studi e Ricerche di cui sono presidente e il ricavato della vendita verrà destinato ad iniziative culturali per l’infanzia. 

Le illustrazioni sono state realizzate dai bambini delle classi 2°A e 2°B della Scuola Primaria “T. Minniti” Torre del Greco.