Al via la sesta edizione del congresso “Patologie di Confine”

Dal 31 marzo al 2 aprile si terrà a Napoli, presso il Centro Congressi dell’Hotel Ramada, la sesta edizione del congresso “Patologie di Confine”, organizzato da Aristea International, nel quadro del programma ECM, da un’idea del Prof. Paolo Bellis, Direttore della Medicina Interna e d’Urgenza dell’Ospedale Loreto Mare, che ne è anche il referente scientifico.

Continua la lettura di Al via la sesta edizione del congresso “Patologie di Confine”

“Troppo Napoletano”: le mille sfumature di Napoli… al cinema!

Esce giovedì 7 aprile in tutte le sale cinematografiche campane l’imperdibile “Troppo Napoletano“, un film ironico, divertente ma allo stesso tempo significativo. Un progetto che vede per la prima volta Alessandro Siani nella veste di produttore.
Una commedia leggera che ha come protagonista un bambino di 11 anni, Gennaro Guazzo, e una storia d’amore dal punto di vista di un bambino che riesce a far emergere le mille sfumature di una città priva di etichette e stereotipi, tanta è la varietà di persone che la popolano.
Morale della favola: è a dir poco impossibile essere troppo napoletano! La creatività dei napoletani fa sì che questa città cambi in continuazione. Lo stesso dialetto napoletano è in continua evoluzione, infatti vengono coniati continuamente neologismi gergali. Si può dunque essere napoletani, ovvero avere una panoramica generale di questa bella città, conoscerne i piatti tipici e parlarne il dialetto, ma è impossibile conoscerne nei minimi particolari i luoghi – data la numerosità -, mangiare tutti i piatti della tradizione – visto che ogni massaia ha la sua ricetta -, e memorizzarne tutti i “detti” – visto che ne vengono in continuazione coniati di nuovi -. Questo è il bello di Napoli: essere #tropponapoletano è impossibile, tuttavia tentare di esserlo è divertente!
Nel cast del film Gigi e Ross (comici di Made in Sud) e la talentuosa Serena Rossi. La commedia si presenta briosa, divertente e a tratti romantica. “Volevo raccontare la storia di un bambino di un quartiere popolare di Napoli e, attraverso i suoi occhi, scoprire la straordinaria realtà di questa città – racconta Siani –. Si parla sempre del desiderio che hanno i napoletani di veder mostrata un’altra Napoli, ma non esiste un’altra Napoli, la verità è che Napoli è unica, siamo noi napoletani ad essere diversi. Se in Benvenuti al Sud si sono raccontate le differenze tra Nord e Sud del nostro Paese, qui abbiamo scavato ancora più in fondo mettendo in scena il tenero incontro e il primo amore di un bambino del rione Sanità e una bimba altolocata di Posillipo“.
Il Film è distribuito da 01 Distribution.
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/tropponapoletanoilfilm/?fref=ts

SINOSSI
Quando il suo ex marito, un popolare cantante neomelodico, perde la vita lanciandosi dal palco per fare stage diving, Debora (Serena Rossi) si preoccupa per suo figlio Ciro (Gennaro Guazzo) di undici anni. Il ragazzino sembra molto turbato, al punto da non mangiare più neanche il ragù domenicale. Angosciatissima la madre lo porta da Tommaso (Gigi), psicologo dell’infanzia timido e imbranato. Il dottore scoprirà però che a turbare Ciro non è solo la perdita del padre, quanto piuttosto le sue prime inquietudini amorose. I due faranno così un patto: lo psicologo aiuterà il bambino a conquistare la sua amata compagna di classe, mentre lui gli darà una mano per farlo fidanzare con sua madre….

Buzzoole

Doppio appuntamento il 24 marzo al Duel Village con “La Macchinazione” e “Il Sentiero della Felicità”

Giovedì 24 marzo al Duel Village di Caserta si svolgeranno due importanti eventi:

– L’attore Tony Laudadio alle ore 21 presenterà LA MACCHINAZIONE il film su Pier Paolo Pasolini;

– Sul grande schermo, sempre alle ore 21, IL SENTIERO DELLA FELICITA’ , il film sulla vita del Maestro Yogananda che ha introdotto le discipline Yoga nel mondo occidentale.

 

La Macchinazione – Il film su Pier Paolo Pasolini
La pellicola ricostruisce gli ultimi mesi di vita di Pier Paolo Pasolini assassinato nella notte tra l’1 e il 2 novembre del 1975. Un film denuncia, un’opera di cinema civile, che riapre un caso mai risolto. Il regista David Grieco punta il dito con coraggio contro certa  politica e certi ambienti borghesi per denunciare che il responsabile della morte dell’intellettuale non fu Pino Pelosi, il giovane sottoproletario romano vicino al mondo criminale della Capitale, con il quale Pasolini aveva una relazione, ma il suo lavoro su Eugenio Cefis, allora presidente della Montedison e fondatore della Loggia P2, il suo romanzo inedito ‘Petrolio’, un atto di accusa contro il potere politico ed economico di allora. Nei panni del regista e sceneggiatore c’è Massimo Ranieri. Nel cast, accanto a Laudadio, anche Libero de Rienzo, François-Xavier Demaison, Matteo Taranto, Milena Vukotic, Roberto Citran e Paolo Bonacelli.

manifesto filmLA TRAMA
Pasolini, coscienza critica e anticonformista del nostro Paese, alla vigilia di cambiamenti epocali per l’Italia, mentre lavora al suo film, sta scrivendo Petrolio, opera che denuncia le trame di un potere politico ormai corrotto fino al midollo. In quegli stessi giorni, Pasolini frequenta un ragazzo di borgata, Pino Pelosi. E’ una borgata dove comincia a muovere i primi passi un’organizzazione criminale che si avvia a diventare padrona della città: la Banda della Magliana. Quando, la notte del 26 agosto, viene sottratto dagli stabilimenti della Technicolor il negativo di Salò, scatta una trappola mortale che vede la sinergia fra delinquenza comune, crimine organizzato e una criminalità politico-finanziaria che forse a tutt’oggi conserva larghe sacche di potere nel nostro Paese. Nella notte fra il primo e il due novembre del ’75, Pasolini si reca all’Idroscalo per riavere il negativo del film. Ciò che in realtà si trova ad affrontare è una trama pianificata in ogni dettaglio da tanti complici volontari e involontari, tutti ormai indistinguibili, tutti ormai ugualmente colpevoli.

IL TRAILER

 

Il Sentiero della Felicità
Film documentario sulla straordinaria vita e sugli insegnamenti del Maestro Paramahansa Yogananda.
Autore di ‘Autobiografia di uno Yogi’ – un classico della letteratura spirituale che ha venduto milioni di copie in tutto

locandina Il sentiero della felicitàil mondo e che ancora oggi costituisce un riferimento essenziale per ricercatori spirituali, filosofi e cultori dello yoga – il Maestro Yogananda ha il merito di aver introdotto le discipline yoga nel mondo occidentale negli anni Venti. Il Sentiero della Felicità – che figura tra i cinque documentari più visti negli Stati Uniti – è una biografia non convenzionale del guru che si avvale di contributi eccellenti (dichiarazioni di professori di Harvard e adepti illustri) , materiali di repertorio e tante testimonianze. Girato in tre anni, con la partecipazione di 30 Paesi, il documentario esplora il mondo dello yoga, antico e moderno, orientale e occidentale, anche attraverso stralci di interviste e immagini metaforiche che ci conducono dai luoghi di pellegrinaggio dell’India alla Divinity School dell’Università di Harvard, passando per la Pennsylvania e la California. Evocando il viaggio dell’anima che cerca di farsi strada tra le illusioni del mondo materiale, il film fa vivere un’esperienza di immersione nel regno dell’invisibile.

 

IL TRAILER

 

Il Museo MADRE di Napoli lancia per Pasqua il “biglietto sospeso”

Quando un napoletano è felice per qualche ragione, invece di pagare un solo caffè, quello che berrebbe lui, ne paga due, uno per sé e uno per il cliente che viene dopo. È come offrire un caffè al resto del mondo…

(Luciano De Crescenzo, Il caffè sospeso)
Per la Pasqua 2016 il museo MADRE di Napoli applica all’arte contemporanea l’antica pratica filantropica del “caffè sospeso”, tradizione napoletana che consente di bere un caffè espresso al bar grazie alla generosità di qualcun altro. Ora questa best practice tutta napoletana – ma riconosciuta a livello mondiale, replicata anche in molti altri paesi (tra cui Francia, Argentina, Grecia, Irlanda, Belgio) e in altri settori (come la ristorazione con la “pizza sospesa”, o l’editoria, con il “libro sospeso”) – approda anche nel museo regionale d’arte contemporanea di via Settembrini per le festività pasquali 2016. A partire dal Giovedì Santo, 24 marzo, e fino al 31 dicembre 2016, chiunque potrà lasciar pagato un biglietto per un successivo visitatore sconosciuto, al momento di comprare il proprio o al termine della visita. Un gesto di generosità e al contempo un invito, affinché ognuno operi in prima persona per far avvicinare anche altri alla cultura del contemporaneo, trasformando un’esperienza intima in una necessità importante, significativa e coinvolgente di condivisione e inclusione.Come il “caffè sospeso”, tradizione napoletana diffusa nel mondo che diviene pratica quotidiana in cui tutta una comunità si riconosce, anche il “biglietto sospeso” si propone come qualcosa di più di un biglietto offerto: procura e rafforza un senso di appartenenza, sottolinea l’importanza dell’arte nella vita di ognuno di noi e incoraggia, infine, gesti semplici e quotidiani di gentilezza reciproca.
La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee sarà la prima a concorrere all’iniziativa: dal Giovedì Santo (24 marzo) alla Domenica di Pasqua (27 marzo) lascerà, a disposizione di chiunque voglia usufruirne, e che ne potrà fare richiesta direttamente alla biglietteria, 10 “biglietti sospesi” al giorno. Inoltre, nello stesso periodo, contribuirà al 50% all’acquisto del “biglietto sospeso”, che dunque costerà ai visitatori che vorranno aderire solo 3,50 euro (rispetto al prezzo pieno di 7,00 Euro).
Il pubblico del MADRE è invitato a segnalare l’acquisto, con l’hashtag #bigliettosospeso, sui canali social del museo (Facebook.com/madrenapoli e, per Twitter, @Museo_MADRE), per condividere, con i possibili beneficiari sconosciuti, anche l’opera o la mostra che ha suscitato in lui la voglia di trasmettere la propria passione per l’arte contemporanea.

Lunedì in Albis (28 marzo), invece, l’ingresso al museo sarà gratuito per tutti.
Inoltre, per i visitatori che si recheranno al MADRE la Domenica di Pasqua (27 marzo) è prevista una gradita “sorpresa pasquale”: un catalogo in omaggio, fino ad esaurimento scorte, tra una selezione delle pubblicazioni del museo.

Il “biglietto sospeso” per la Pasqua 2016 si pone sulla scia delle politiche inclusive adottate, negli ultimi anni, dal museo MADRE e che mirano a sperimentare e ampliare nuove forme di accesso alla cultura del contemporaneo che attraggano un pubblico sempre più ampio, diffuso e variegato. Vanno in questa direzione le numerose convenzioni e agevolazioni (con Università, Accademia delle Belle Arti e una molteplicità di enti) che danno diritto a ingressi gratuiti o a riduzioni sul prezzo del biglietto (per l’elenco completo consultare il sito www.madrenapoli.it), oltre all’ingresso gratuito settimanale, previsto per ogni lunedì, e l’“Agosto Gratuito”, riproposto ogni anno, con crescente successo di pubblico, dal 2013. Consentire a tutti, cittadine e cittadini campani, turisti italiani e internazionali, la possibilità di avvicinarsi alle ricerche artistiche del presente, trarne stimolo per i propri percorsi individuali di vita, ricerca e lavoro, visitare il museo d’arte contemporanea regionale come spazio-tempo aperto al confronto e al dialogo, anche multiculturale e intergenerazionale: questo l’intento di queste iniziative, che delineano una politica culturale dell’inclusione e della condivisione, rinsaldando la funzione di servizio pubblico dell’istituzione museale.
L’iniziativa, inoltre, è in linea con i programmi per il pubblico promossi dal MADRE fin dal 2013, che invitano i visitatori a farsi parte attiva della vita del museo, trasformando l’istituzione museale in teatro, assemblea, spazio di progettazione condivisa. Un’occasione, insomma, per approfondire ancora una volta la relazione tra il museo e il suo pubblico, celebrata anche dall’artista francese Daniel Buren con l’intervento-simbolo Axer /Desaxér (visitabile fino al 4 luglio 2016), che ha ridisegnato l’ingresso del MADRE creando uno spazio di dialogo con il pubblico, di mobilità percettiva e cognitiva, in cui interno ed esterno, museo e comunità si compenetrano l’uno nell’altro, fino a confondersi fra loro.
Info

Tel. 081.19313016 lunedì-venerdì 9:00-18:00 e sabato 9:00-14:00

info@madrenapoli.it
Lunedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì, Sabato 10:00 ⋅ 19:30 — Domenica 10:00 ⋅ 20:00

La biglietteria chiude un’ora prima / Martedì chiuso / Lunedì ingresso gratuito

Biglietto a prezzo intero: 7, 00 euro; biglietto ridotto: 3,50 euro

Ben Hur: la storia di Cristo attraverso la vita di Giuda

Di film inerenti la vita di Cristo o altri personaggi caratterizzanti la religione cristiana ne sono stati girati molti. Queste opere tentano di appagare la nostalgia di infinito che percorre l’animo umano, pellicole che hanno stregato generazioni di spettatori o che hanno fatto riflettere anche i più scettici. Il prossimo 11 agosto sarà in tutte le sale cinematografiche “BEN-HUR, la storia di Cristo” film basato sull’indimenticato romanzo scritto Lew Wallace nel 1880 che narra la storia di Cristo attraverso la vita di Giuda.

Continua la lettura di Ben Hur: la storia di Cristo attraverso la vita di Giuda

EnergyMed – Mostra Convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica nel Mediterraneo

Dal 31 marzo al 2 aprile si svolgerà la nona edizione di EnergyMed, la Mostra Convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica nel Mediterraneo. L’appuntamento con la green innovation, che si svolgerà alla Mostra d’Oltremare di Napoli, rappresenta da oltre 10 anni il punto di riferimento principale del settore dell’energia pulita del Mezzogiorno e dell’area del Mediterraneo.

Continua la lettura di EnergyMed – Mostra Convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica nel Mediterraneo

Gli Arteteca al Duel Village con il loro primo film “Vita Cuore Battito”

Monica Vita ed Enzo Iuppariello, artisticamente conosciuti come gli “Arteteca”,  saranno ospiti del Duel Village di Caserta mercoledì 23 marzo alle ore 21 in occasione della proiezione del loro primo film da protagonisti VITA CUORE BATTITO. La pellicola, firmata dal regista Sergio Colabona, sta sbancando i botteghini grazie alla verve esilarante del duo comico reso celebre dal programma televisivo Made in Sud. La storia è quella di una coppia – commesso lui, parrucchiera lei – che conquista un viaggio premio grazie ad una lotteria gestita da un boss locale interpretato da Sal da Vinci. I due gireranno l’Italia e l’Europa con il loro look da sempliciotti ignorando di essere stati coinvolti in un reality. Nel film anche Maria Bolignano, Nunzia Schiano, Benedetto Casillo, Mimmo Esposito, Salvatore Misticone, Francesco Cicchella, Pasquale Palma e Gennaro Scarpato.

LA TRAMA
Enzo e Monica sono due fidanzati trentenni della periferia di Napoli che conducono una vita fatta di routine e sistematica regolarità. Enzo lavora in un negozio di abbigliamento giovanile, è un ragazzo buono ma distratto, riesce a mantenere il suo posto di lavoro più per pietà del suo datore di lavoro che per le sue attitudini professionali. Monica invece lavora come parrucchiera ed estetista. Le loro giornate e quelle dei loro amici trascorrono tra piccole e semplici soddisfazioni. Ma un giorno la vita di Enzo e Monica viene stravolta.

 

Dal 24 al 26 marzo “Tanta miseria e poca nobiltà” al Teatro Troisi di Napoli

Tanta miseria e poca nobiltà” torna a grande richiesta al teatro Troisi di Napoli (Via Leopardi 192), da giovedì 24 a sabato 26 marzo. Lo spettacolo, ideato da Fabio Brescia, è ispirato a “Miseria e nobiltà” di Eduardo Scarpetta, in una versione ambientata ai giorni nostri e con solo attori uomini anche nei ruoli femminili.

Continua la lettura di Dal 24 al 26 marzo “Tanta miseria e poca nobiltà” al Teatro Troisi di Napoli

“Dacia Arena”: casa dolce casa

Perché perché la domenica mi lasci sempre sola per andare a vedere la partita di pallone
perché perché una volta non ci porti anche me“: queste le parole di una famosissima canzone di Rita Pavone… Sono oramai tramontati i tempi in cui le donne rimanevano a casa mentre i loro mariti si recavano allo stadio per seguire la partita della loro squadra del cuore, ora il tifo è diventato una “questione di famiglia”. A tal proposito Dacia e Udinese lanciano “Dacia Family Project”, un innovativo progetto rivolto alle famiglie, per fare della nuova “Dacia Arena” la casa di tante famiglie di tifosi. Il concorso, attivo fino al 24 marzo, invita tutte le coppie in attesa di un bambino, tifose dell’Udinese e non solo, a narrare la loro storia, le emozioni vissute, gli episodi e gli aneddoti più curiosi ed originali sul sito http://bzle.eu/daciaextension-611-au/45Y9VBCHXG3RVD7TBYN6. Come stanno vivendo le future mamme e i futuri papà l’entusiasmo di questa nuova esperienza? Quali sono le loro speranze ed i progetti? Com’è nata la scelta di creare una famiglia e come stanno cambiando le abitudini, lo stile di vita e l’organizzazione della giornata? Come fare per non rinunciare, tra le mille nuove esigenze, alle proprie passioni ed interessi, come il calcio e la squadra del cuore? Gli autori delle “storie” più originali – che meglio descriveranno la scelta di formare una famiglia senza rinunciare agli hobby e alle passioni di sempre – riceveranno un biglietto “di coppia” per la partita Udinese – Napoli del 3 aprile prossimo e, soprattutto, avranno in dono un abbonamento “family”, per quattro persone, per seguire in casa l’Udinese, in una stagione calcistica a scelta tra le prossime tre.


Da una ricerca del Censis dal titolo «I valori degli italiani», elaborata in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia (2011), la famiglia è risultata essere al primo posto dell’universo valoriale per il 65,4% degli Italiani. Un pilastro della nostra società insomma. Udinese Calcio e Dacia, il main sponsor della squadra, scendono dunque in campo, forti del successo riscosso dalle due precedenti edizioni di Dacia Sponsor Day, per raggiungere un nuovo, ambizioso traguardo: far tornare le famiglie allo stadio e fare in modo che la nuova “Dacia Arena” diventi la casa di tante famiglie di tifosi dove vivere la passione per il calcio senza rinunce, e soprattutto condividendola con la gioia di un figlio.

Buzzoole

3mendo e il suo giro del mondo in ottanta3 giorni

3 Italia festeggia il suo tredicesimo compleanno con un nuovo testimonial, idea che scaturisce dalla voglia di personificazione del marchio: “3mendo” nasce come contaminazione tra il 3 del logo dell’azienda e la canzone Tremendo di Rocky Roberts che appunto fa da colonna sonora alla prima clip di lancio.

Continua la lettura di 3mendo e il suo giro del mondo in ottanta3 giorni