Archivi tag: jazz

Bagnoli Jazz Festival al via la sesta edizione – #BagnoliSpoT

Il 10, 11 e 12 maggio si terrà la sesta edizione del Bagnoli Jazz Festival: Bagnoli Power e Vineapolis regalano al quartiere una tre giorni di buona musica e garantito divertimento. La kermesse si terrà nello spazio antistante la famosa enoteca, a ridosso dei giardinetti di Viale Campi Flegrei, dove sul palco  si avvicenderanno 50 musicisti. Anche quest’anno il Festival garantirà un ricchissimo ed importante programma musicale, tre serate di cultura e condivisione.

10 maggio: gli AMA Jazz , giovani jazzisti ancora allievi, apriranno il Festival;Mario Nappi, con il suo talento riconosciuto in tutta Europa, suonerà in duo con Federico Luongo e concluderà  poi in Trio con il guest sax americanapoletano di Enzo Anastasio, che ha già omaggiato Pino Daniele; Sasa Mendoza, presenza costante del Festival .

11 maggioGli “Anemanera”, apriranno la seconda giornata della kermesse, prog rock e tradizione che parla Napoletano; l’immenso Carlo Faiello, con la sua world music che pesca nella tradizione colta e suonerà le sue composizioni in sestetto; La Scatt Gatt Orchestra, melting polt musicale, che vedrà 12 musicisti sul palco; Sortite musicali della Bandarotta Bagnoli di Gianluca Salerno.

12 maggioMirko Gisonte ed il suo TarantaFlamenco presenta il suo nuovo album e gli Hermanos a Virtuoso Guitar Trio presenteranno, inoltre, in prima nazionale, il loro docufilm su Bagnoli. 

#BagnoliSpoT: Lo stato dell’ARTE; Gli Hermanos (Max Puglia, Nico Di Battista e Francesco Cavaliere) presentano un cortometraggio che fotografa lo stato dell’arte del loro quartiere. Numerose testimonianze (Bennato, Faiello, Paone, Zurzolo, Gallo etc.) ed un estratto di un loro concerto insieme al Grammy Award Drummer Horacio “el negro” Hernandez per il Bologna Jazz Festival.

Free reeds: il primo disco del musicista Alfredo Di Martino

Emozioni in musica nel disco del musicista Alfredo di Martino, classe 1967. “Free reeds” (ance libere) il titolo del lavoro che sarà presentato il 16 luglio alle 12, nel foyer del teatro Supercinema a Castellammare di Stabia alla presenza dell’artista e dei giornalisti Pierluigi Fiorenza e Titti Esposito.

Continua la lettura di Free reeds: il primo disco del musicista Alfredo Di Martino

Ritorna il Bagnoli Jazz Festival

Squadra che vince non si cambia”: stessa location, il Viale Campi Flegrei di Bagnoli; uguali lo sponsor, l’enoteca “Vineapolis” e Il Patron e Direttore Artistico, il chitarrista Max Puglia. Il 4, 5 e 6 maggio si terrà la V edizione del Bagnoli Jazz Festival, manifestazione autogestita che non parla solo il linguaggio del Jazz…

Continua la lettura di Ritorna il Bagnoli Jazz Festival

Buccino, il Volcei Wine Jazz cresce e si fa in tre

Giunge alla settima edizione quest’anno il Volcei Wine Jazz di Buccino. E lo fa festeggiando l’arrivo di una terza giornata che prolunga così il programma ai giorni 11, 12 e 13 agosto. Un giorno in più per un calice di buon vino e tanta musica d’autore. Traguardo importante, l’aggiunta di un terzo giorno, visto il gradimento della formula, ideata dalla Proloco di Buccino. Buon vino e buona musica, per un progetto culturale che ruota attorno al Museo Acheologico Nazionale “Marcello Gigante”, che sta facendo registrare un notevole aumento di presenze. Il dato infatti racconta di un incremento del settanta per cento di visitatori nel primo quadrimestre del 2017 e con un numero di visitatori, 2500 circa, che lascia ben sperare per il futuro.

Continua la lettura di Buccino, il Volcei Wine Jazz cresce e si fa in tre

“Mediterranea “: musica tra le stelle ed il mare

Partirà il 7 luglio l’inedita rassegna musicale “Mediterranea: musica tra le stelle ed il mare” che si svolgerà presso il lido “La Sirenetta”, sul lungomare di Torre del Greco (via Litoranea). Tre eventi dal fascino irresistibile aventi come protagonisti il 7 luglio Piero Gallo quartet in Mediterranea Experience tour, il 14 luglio Virginia Sorrentino project ed il 21 luglio Curcuma Elvira Russo e Flavio Guidotti.
La Direttrice artistica Francesca Maresca ha puntato così su artisti di qualità in collaborazione con il Blu Coral Beach Club diretto da Giovanni Rivieccio.

PROGRAMMA

  • 7 LUGLIO 2016 ore 22:00
    PIERO GALLO QUARTET in
    MEDITERRANEA EXPERIENCE TOUR
    Piero Gallo: Mandolina
    Marco Caligiuri: Drum
    Luke Caligiuri: Bass
    Raffaele Vitiello: Guitar
    Piero Gallo, chitarrista autodidatta, comincia a suonare all’eta’ di 15 anni. Dopo il dovuto passaggio alla chitarra rock , si avvicina alla musica Funk dopo la fortunata conoscenza di un noto artista Partenopeo: ENZO AVITABILE. Dopo 33 anni di inseparabile unione artistica , a Piero viene riconosciuto l’essere una pietra miliare della chitarra FUNK Italiana. Sono numerose le collaborazioni che puo’ vantare , tra concerti ed incisioni discografiche. Con AVITABILE : JAMES BROWN, RANDY CRAFWORD , KALED , AMINA , AFRICA BAMBATAA e alcune collaborazioni sotto la direzione artistica di MAURO MALAVASI e CELSO VALLI , SOLD OUT , attuali PLANET FUNK , SALOMON BURKE . Piero si dichiara autodidatta e ciò nonostante compone,arrangia , inventa e sperimenta strumenti a corde e sonorità mediterranee e funk. Dalla chitarra al mandolino , alla mandola , ed infine agli strumenti che si fa costruire come quello usato in BENITE secondo suo album. Nel 2008  il maestro PEPPE BARRA omaggia Piero Gallo, interpretando il suo brano ” PICCERE”,di cui Piero oltre che compositore ne è anche autore. La musica di questo musicista è gioia , forza malinconia , tristezza , è la consapevolezza dell’oggi con la speranza del domani , è musica fatta amando il mondo con l’orgoglio d’essere Napoletano. Unitamente a ” DIARIO MEDITERRANEO”, primo lavoro discografico ,BENITE viene utilizzato dalla RAI in commenti musicali a programmi come Sereno Variabile , Linea Azzurra ecc. ” NAPOLIVERPOOL “ è il titolo dell’ultimo lavoro discografico di Piero Gallo, il quale ha reinterpretato in chiave mediterranea 9 brani dei Beatles (tra cui Come Together e Day Tripper), cui si aggiunge il suo inedito Crireme. NAPOLIVERPOOL è stato presentato all’interno dell’ampia rassegna musicale organizzata da Rock!3, la mostra nata da un’idea dei giornalisti Carmine Aymone e Michelangelo Iossa già alla sua terza edizione. Benché di cover e di riproposizioni del repertorio dei Beatles se ne contino a migliaia, il lavoro del musicista partenopeo Piero Gallo si contraddistingue per una rilettura personale ed originale che, tra spunti e sperimentazioni, si anima delle sonorità della sua terra, Napoli, di musicalità che si perdono nella notte dei tempi, frutto di una storia unica come può essere appunto quella del capoluogo partenopeo. Melodie arabe, iberiche – in particolare il Fado de Lisboa – e ancora suoni caldi, ritmati, che nascono dalla terra e dal mare che Napoli condivide e custodisce insieme a tutti i paesi del bacino del Mediterraneo. Ed è proprio questo lo spirito che anima l’impresa discografica di Gallo, nella quale canzoni simbolo del rock mondiale diventano oniriche, sensuali e per questo personali, grazie all’arte ed alla sapienza musicale cui il musicista napoletano dà voce attraverso uno strumento unico, realizzato apposta per lui dai liutai Amato che ha il nome di “mandolina”, strumento che nasce dalla fusione del mandolino e della mandola, simboli della tradizione musicale partenopea.
  • 14 LUGLIO 2016 ore 22:00
    VIRGINIA SORRENTINO PROJECT
    Virginia è una cantante molto versatile con un curriculum che spazia dal jazz al soul al pop. Ha collaborato con diverse orchestre jazz campane in Italia e all’estero, ricevendo apprezzamenti anche da artisti come Diane Schuur, Toots Thielemans, Pat Metheny, Roberta Gambarini. Ha lavorato come turnista con notissimi artisti italiani come Alan Sorrenti, Massimo Modugno, Gianni Nazzaro, tra cui non ultima una recente e prolungata collaborazione con Massimo Ranieri nello spettacolo “Canto perché non so nuotare”. Numerose le trasmissioni televisive a cui ha preso parte, tra cui otto puntate di Domenica In, Non Sparate sul Pianista, Uno Mattina, La vita in Diretta ecc. Con i suoi gruppi e con alcune orchestre ha partecipato a numerosi Festival e Rassegne tra cui Umbria Jazz, Copenhagen Jazz Festival, Le Mans Jazz Festival, Festival dei due mondi di Spoleto, Nick La Rocca, Sorrento Jazz, Terni Jazz, Chieti Jazz, Lioni Jazz, Pompei Jazz, Baronissi Jazz e tanti altri. Dopo diverse collaborazioni discografiche, ha ultimato il primo cd a suo nome (“La voglia, la pazzia” – 2013) con brani italiani del passato, da lei riarrangiati in chiave jazz e bossa.
  • 21 LUGLIO 2016 ore 22:00
    CURCUMA ELVIRA RUSSO- FLAVIO GUIDOTTI
    Nato a Napoli nel 1971, ha iniziato lo studio del pianoforte a tredici anni influenzato dall’ascolto di C. Parker e Oscar Peterson. In seguito riceve l’impostazione accademica dello strumento attraverso gli studi classici e si perfeziona in arrangiamento e composizione con Garry Daial e Mike Abbene della Manhattan School of Music presso la quale è vincitore di una borsa di studio.
    Nel 1989 arriva la prima significativa esperienza jazzistica partecipando alla rassegna internazionale Campania Jazz. Ai primi riconoscimenti segue l’attività nei Jazz Club europei, teatri e rassegne Jazz.
    Ha suonato e collaborato con vari musicisti del panorama internazionale tra cui: Tony Scott, Eliot Zigmund, Dario Deidda, Dick Oatts, Nicola Stilo, Pietro Condorelli, Aldo Vigorito, Federico II Jazz Orchestra, Giulio Martino, Renzo Arbore, Toninho Horta, Pietro Iodice, Bruce Forman, Irio DePaula, Giovanni Amato, Daniele Scannapieco, Antonio Onorato, Tommaso Scannapieco, Mario Raja, Giulio Capiozzo, Alfonso Deidda, Cameron Brown, Marco Zurzolo, Garrison Fewell, Antonio Golino, Shawnn Monteiro, Max Ionata.
    Ha partecipato a numerosi festival e rassegne tra cui: Campania jazz, Euromeet jazz festival, Veneto Jazz, Sorrento Jazz, Auditorium Parco della Musica di Roma, Catanzaro Jazz Festival, Jazz & Co. Città di Como, Jazz in Puglia, Nick La Rocca jazz festival, Lioni Jazz, Pomigliano Jazz, Brass and Strings Jazz Festival, Piano City.
    Curcuma è una formazione che risente di diverse influenze musicali, tra cui RnB, Acid Jazz, Soul, Funky, Jazz, Pop contemporaneo, con una selezione di brani che va dagli anni ’60 a oggi riarrangiati e interpretati in chiave Nu Jazz.

BLU CORAL BEACH CLUB
Via Litoranea 25
Torre del Greco-Napoli
info e prenotazioni : 3937733881

Al via la VII edizione del Pozzuoli Jazz Festival

Un festival itinerante lungo le strade del paesaggio flegreo. Pozzuoli Jazz Festival, che da quest’anno si avvale ufficialmente del sottotitolo di “Festival dei Campi Flegrei”, si presenta alla sua VII edizione con sempre più musica, per tutta la stagione estiva e in tanti luoghi dei Campi Flegrei. Dal Vulcano Solfatara, cuore della manifestazione, alle storiche terme di Nettuno, suggestiva area archeologica di età adrianea, alle location novità di quest’anno: il Castello Aragonese di Baia, con il suo spettacolare affaccio sul golfo di Pozzuoli e il territorio di Monte di Procida.
Grandi artisti italiani e internazionali suoneranno le loro note ripercorrendo alcune delle più belle pagine della storia del jazz.

L’OJP – Orchestra Jazz Parthenopea di Pino Jodice e Giuliana Soscia, special guest il trombettista Paolo Fresu al vulcano Solfatara (22 giugno), il concerto di Bojano Z e Michel Portal al Castello di Baia (25 giugno). Una tre giorni musicale al Tempio di Nettuno, dal 24 al 26 giugno con il trombettista Giovanni Amato (24), il gruppo degli Swunk Infusion, preceduti da un momento di Dj jazz set Archeo@jazz (25), e la cantante lucana Michela Sabia con il suo Quintet introdotta dal Lorenzo Vitolo Trio (26). Il 3 luglio nel centro di Pozzuoli, presso la Cassa Armonica, è la volta dei suoni e delle ballate swing con gli Handmade Swing band. E ancora un grande evento internazionale al Tempio di Nettuno con il trio composto dal pianista Cyrus Chestnut, il contrabbassista Buster Williams il batterista Lester White (24 luglio). E a conclusione nel parco della Villa Matarese di Monte di Procida il concerto dei chitarristi brasiliani Marcio Rangel e Nonato Luz (13 agosto).

 

Il festival è organizzato dall’Associazione Jazz & Conversation in collaborazione con l’Azienda autonoma di Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e si avvale del patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, del Comune di Bacoli , del Comune di Monte di Procida e del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, nonché del contributo dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli.

 

Campi Flegrei, un’estate in jazz

Una grande orchestra jazz con i più talentuosi artisti partenopei, l’ ORCHESTRA JAZZ PARTHENOPEA di PINO JODICE e GIULIANA SOSCIA. Una delle rare orchestre al mondo con due direttori d’eccezione, JODICE e SOSCIA, accomunati da una visione universale, maschile e femminile, della composizione orchestrale jazz. GIULIANA SOSCIA è considerata dalla critica una delle migliori fisarmoniciste jazz d’Italia, pianista, compositrice/arrangiatrice e direttore  d’orchestra jazz di grande talento; PINO JODICE è pianista, pluripremiato  compositore/ arrangiatore e direttore d’orchestra jazz di fama internazionale. Un palcoscenico unico al mondo, il vulcano Solfatara e un ospite d’eccezione, PAOLO FRESU. Sono le componenti dello straordinario concerto di apertura del Pozzuoli Jazz Festival 2016, che quest’estate  riparte con la prima data del 22 giugno al VULCANO SOLFATARA, ore 21.
Un inizio esplosivo per una rassegna, ormai alla sua VII edizione, che accompagnerà con le calde atmosfere jazz l’estate flegrea con eventi in alcuni dei più suggestivi siti storico archeologici dei campi ardenti.
Segue alla data di apertura, il 24, 25 e 26 giugno nello scenario delle imperiali terme adriane, oggi note come TEMPIO DI NETTUNO, con il quartetto dello straordinario trombettista partenopeo GIOVANNI AMATO (24 giugno), il gruppo degli SWUNK INFUSION e un DJ set Jazz (25 GIUGNO) e la cantante MICHELA SABIA (26 giugno); in contemporanea il  25 giugno al CASTELLO DI BAIA, sede di dell’importante Museo Archeologico dei Campi Flegrei e uno dei luoghi tra i  più panoramici del golfo di Pozzuoli, MICHEL PORTAL e BOJAN Z.  Il Festival prosegue a luglio con diversi appuntamenti e domenica 24 luglio con un trio stellare che vede CYRUS CHESTNUT al  piano, LENNY WHITE alla batteria e il grandissimo BUSTER WILLIAMS al contrabbasso.  Per concludersi il 13 agosto con l’altro grande evento speciale, il concerto di  MARCIO RANGEL e NONATO LUIZ, quest’ultimo per la prima volta in Italia, nella meravigliosa Villa Matarese di Monte di Procida.

L’ OJP-Orchestra Jazz Parthenopea, che inaugura il Festival è formata da organico di ventidue musicisti napoletani, tra i più talentuosi, che si esibiranno in un programma di composizioni originali di Pino Jodice e Giuliana Soscia ispirate al Mediterraneo, con Napoli come centro degli scambi musicali che si apre  a contaminazioni di tradizione e folkloristiche.

Paolo Fresu non ha bisogno di presentazioni. Artista creativo e sempre attento alle novità musicali, sia come interprete che come produttore con la sua Tuk Music (etichetta da lui fondata). I suoi riconoscimenti come miglior  talento jazz italiano nel 1984 e via via come miglior musicista italiano, vincitore del premio miglior disco con “Live in Montpellier”, poi  miglior gruppo (Paolo Fresu Quintet) fino ai ranghi  di miglior jazzista europeo, lo vedono oggi impegnato in concerti in ogni parte del globo con collaborazioni e contributi vari in film, documentari, video per balletto, teatro, progetti multimediali.

Il festival, che vedrà come sempre anche tanti appuntamenti nei club della città,  è organizzato dall’Associazione Jazz & Conversation, impegnata da anni a testimoniare il proprio ruolo nella cultura dei Campi Flegrei, attraverso un percorso in cui la musica incontra il territorio, la suggestione dei suoi paesaggi, la sua storia e le sue contraddizioni. La manifestazione è organizzata in collaborazione con l’Azienda autonoma di Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e si avvale del patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, del Comune di Bacoli , del Comune di Monte di Procida e  del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, nonché del contributo dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli.

Biglietti in vendita sui siti on line  sito ETES  e circuiti collegati, presso il Vulcano Solfatara di Pozzuoli, oppure prenotabili con mail a segreteria@pozzuolijazzfestival.it o chiamando al 347 331 2416 con (pagamento e ritiro la sera dell’evento)

Per gli appuntamenti completi e i dettagli degli eventi www.pozzuolijazzfestival.it e la pagina ufficiale Facebook del Festival.

Il 9 maggio l’attesissimo live di Tullio De Piscopo al teatro Augusteo

Si intitola “Ritmo e Passione”, si legge Tullio De Piscopo: è il live del percussionista partenopeo che sarà in scena sul palco del Teatro Augusteo di Napoli in data 9 maggio alle ore 21:00. Il tour “Tullio De Piscopo & Friends – Ritmo e Passione” è l’occasione per un ritorno a casa, dopo aver pubblicato il 13 novembre scorso “50. Musica senza padrone – 1965/2015”, un triplo cd che festeggia i primi 50 anni di carriera dell’artista. Un cofanetto che raccoglie la produzione di Tullio De Piscopo, che con il suo stile unico è riuscito a portare la batteria dall’ultima fila del palco al centro della scena, divenendo protagonista, icona riconoscibile e riconosciuta del panorama jazz e pop internazionale.

Continua la lettura di Il 9 maggio l’attesissimo live di Tullio De Piscopo al teatro Augusteo

Brad Mehldau al teatro Bellini: 10 years solo live

Nato a Jacksonville nel 1970, Brad Mehldau è un pianista di formazione classica presto converito al jazz. Esordisce giovanissimo, nei primi anni ’90 con la band di Jimmy Cobb e poco dopo il sassofonista Joshua Redman lo vorrà nel suo quartetto.
Nel 1994 formerà un suo trio che pubblicherà il primo album nel 1995 e, nel giro di pochi anni, conquisterà le platee di tutto il mondo grazie alla sua sensibilità di interprete. Il trio è la formazione che più ha caratterizzato l’attività di Mehldau, con la quale ha realizzato i cinque memorabili album The Art of the Trio, usciti tra il 1996 e il 2001 e in seguito raccolti in cofanetto con l’aggiunta di un sesto volume; la predilezione per questo format si è mantenuta sino ai giorni nostri.
Al Teatro Bellini di Napoli lunedì 7 marzo (alle ore 21) gli spettatori potranno assistere a una sua esibizione in piano solo, l’altra dimensione in cui si è meglio fatta apprezzare l’incredibile armonia tra improvvisazione ed equilibrio formale che distingue le esecuzioni di Mehldau, concerti caratterizzati da incursioni nella musica rock: dai Radiohead ai Beatles, passando per Gershwin.
Pur focalizzandosi sulle situazioni raccolte del trio e del solo, il pianista della Florida non si è sottratto a indimenticabili collaborazioni con altri musicisti come Pat Metheny, Charlie Haden, Lee Konitz, Michael Brecker, Wayne Shorter, John Scofield, Charles Lloyd, Joshua Redman, Peter Bernstein, Kurt Rosenwinkel, Mark Turner o stelle della lirica come Renée Fleming e Anne Sofie von Otter.