Archivi tag: gioielli

Il Fantagioiello e la “Guida ai fantasmi d’Italia”

Il Fantagioiello di Annamaria Ghedina, “La Signora dei Fantasmi”, sarà presentato assieme al suo libro, “Guida ai Fantasmi d’Italia” (a cura di Antonio D’Addio, Odiya Editore), martedì 12 dicembre, alle ore 18, presso la gioielleria Barra di Napoli (sita in via Bisignano, 48). Interverranno l’attrice Eleonora Brown, testimonial del gioiello, e altri ospiti vip a sorpresa. Un imperdibile appuntamento all’insegna della moda e della cultura!

L’alta gioielleria de Le Sibille incontra le spezie per creazioni uniche ed esclusive

Portano fortuna in amore, ma sono anche amuleti contro l’infedeltà; simboleggiano la trascendenza per il popolo Maya e Azteco oppure sono considerati catalizzatori di onde positive, in grado pure di tenere lontani gli incubi. Sono le leggende e le antiche credenze legate a sette spezie – caffè, cacao, vaniglia, cannella, peperoncino, noce moscata e anice stellato – che si fondono con l’argento e il bronzo per diventare esclusivi gioielli taylor made presentati da Le Sibille. Anime di questa maison romana fondata nel 1990, Camilla Bronzini, Francesca Neri Serneri e Antonella Perugini che dopo ventisette anni di ricerca e successi aprono al pubblico il loro nuovo atelier in Prati (via Muzio Clementi 68B).

Continua la lettura di L’alta gioielleria de Le Sibille incontra le spezie per creazioni uniche ed esclusive

Giornata del Contemporaneo: mostra “Cancellare l’evidente” di Maddalena Marciano

Negli ultimi anni molte ricerche internazionali legate al design del gioiello si definiscono in un desiderio di ripensamento del concetto di preziosità provando a ri/portarlo a una sorta di grado zero. Un sentimento di ripartenza, di ripensamento che prova a indagare sentieri capaci di esprimere una filosofia progettuale che tende a ricercare le radici del prezioso entro canoni formali e materici di derivazione arcaica. Un design che sembra perseguire il suo interesse per una sorta di neoprimitivismo. Di certo, frutto di tale gusto è la ricerca radicale dei tardi anni Sessanta che ha portato autori quali Ettore Sottsass e Alessandro Mendini verso lo studio e la riscoperta di tecniche, manufatti e forme lontane nel tempo e nello spazio. D’altra parte, l’idea di primitivo si sposa bene con la ricerca di ripartenza e di azzeramento del già costituito. Negli anni Sessanta e Settanta anche la sperimentazione di Superstudio, Archizoom e di molto design radicale vive del bisogno di inscenare un futuro che parta da una cancellazione come testimoniano tanti disegni e collage di quella stagione. Sembra strizzare l’occhio a quel climax culturale la raffinata ricerca di Maddalena Marciano, designer che in questa nuova collezione di monili tratta la materia: pietre dure e marmi scuri sapientemente riciclati da scarti di lavorazione come materiali che attraverso inedite legature e agganci danno vita a un insieme composito di accessori pronti a combattere la quotidiana guerra per la sopravvivenza delle idee. Ispirati da primitivi armamenti come lance, coltelli e assemblati in maniera elegante attraverso inedite combinazione materiche la collezione conferma il talento della designer napoletana già espresso in precedenti e felici proposte.

 

La mostra sarà visitabile fino al 28 ottobre esclusivamente su appuntamento tel. 3391533719

 

 

Galalite, bachelite & Co. 121 impugnature d’ombrello e altre meraviglie

La storia raccontata in questa mostra è curiosa: un ricco campionario di impugnature di ombrello in galalite (“corno artificiale”) prodotte artigianalmente a Casalmaggiore negli anni Cinquanta da Fulvio Rangoni e Umberto Ghezzi, mai arrivate sul mercato perché “bruciate” dalla scoperta e dalla diffusione del Moplen, plastica ben più economica e adatta a riprodurre in serie ogni oggetto… compresi manici per parasole/parapioggia. Nonostante il mancato decollo della ditta FAIO, quelle impugnature di ombrello sono a testimoniare ancora oggi le capacità artigianali ed artistiche che hanno saputo raggiungere Rangoni e Ghezzi, la tecnica e l’inventiva un po’ “guascone” che purtroppo non hanno tenuto conto dell’evolversi dei tempi. Custodite negli anni, quelle impugnature di ombrello in resina ora sono patrimonio di tutta la città, donate da Franco Rangoni e Ariela Ghezzi al Comune di Casalmaggiore e conservate – dopo la mostra –  presso quello scrigno di eccellenze casalasche che è la Scuola Bottoli, sezione staccata del Museo Diotti, di cui è conservatore Valter Rosa.

Continua la lettura di Galalite, bachelite & Co. 121 impugnature d’ombrello e altre meraviglie

San Valentino: Giulia Barela celebra il legame con “Knot”

Forte e leggero, prezioso e semplice, romantico e allegro, eterno e attuale, libero e avvolgente, appassionato e dinamico. Giulia Barela Jewelry con l’orecchino B Knot vuole celebrare il legame in tutte le sue molteplici forme e l’amore in primo luogo. La Collezione Knot, in bronzo dorato e argento, è un prezioso filo di materia e di luce. Con un design che ricorda la forma del cuore, B Knot è il gioiello che più esprime  i valori di San Valentino, da festeggiare con un prezioso simbolo di amore e di reciprocità.

Continua la lettura di San Valentino: Giulia Barela celebra il legame con “Knot”

Ayala Bar, midnight in glamour

Il gioiello firmato Ayala Bar si arricchisce della collezione Midnight Voodoo, dai chiari risvolti Etno chic, tra emozioni afroamericane ricche di forma e design.

Trick or Treat? Dolcetto o scherzetto?
La donna Ayala Bar alterna carattere e seduzione, tra collier, sautoir, pendenti, orecchini, bracciali che regalano sensazioni magiche, in un gioco intrigante di nuance e sfumature.
Un tocco di classe e femminilità per mezzanotte e dintorni.

Lo stile Ayala Bar
Un soffio di mistero e magia aleggia nelle collezioni della designer che vive e lavora a Tel Aviv.  La spasmodica cura del dettaglio, la genialità degli accostamenti, la scelta dei colori, quel suo talento innato nel cogliere le minime suggestioni, fanno di Ayala Bar un’interprete assoluta e inconfondibile del bijoux d’arte. Le favolose linee Classic, Hip, Radiance, Essentia sono un magico tour di eleganza, che attraversa caratteri e personalità, stili e tendenze: in un gioco di forme e materiali ricolmi di charme e femminilità.
Per Ayala i gioielli sono capaci di trasformare l’ordinario in straordinario: l’ornamento diventa tutt’uno con la donna che adorna, un’estensione della sua personalità.
La Classic Collection è un’evoluzione di quella storica e rappresenta lo sviluppo artistico delle creazioni più personalizzate dell’artista. Realizzata con vetri e cristalli Swarovski disposti con una tecnica a simil-mosaico, ogni singolo pezzo è un capolavoro in miniatura. Una sintesi incomparabile di piccoli oggetti preziosi “scolpiti” a mano: perline, jais e cristalli su sfondo ottone danno un effetto leggero come una trina. Essa racchiude in sé tutto il genio artistico della designer israeliana che ha creato la sua prima collezione nel lontano…1989.
La Hip Collection di Ayala Bar merita una citazione a parte per la sua genialità. E’ davvero una nuova, ultima forma d’arte da celebrare. Monili unici dal folklore metropolitano che completano il percorso professionale e creativo che ha portato la designer a essere tra le maestre della “Costume Jewellery” mondiale. Come in un ricamo, i materiali – vetri, perline, tessuto, fili, pietre – s’intrecciano e fondono guidati dalla sapiente manualità e da un intuito straordinario per l’armonia del colore.
La Radiance Collection è tutta un’esplosione di colore, fuori dagli schemi, ricca, festosa, estrosa: un sapiente patchwork di cristalli dal fascino discreto per una bellezza intramontabile.
La valenza del percorso artistico è, in Ayala Bar, importante quanto la “destinazione”. Il risultato è un gioiello prezioso e sofisticato, un’opera d’arte da conservare e curare con amore.

 

Giulia Barela, Under the Sea

Plasmare il gioiello tra arte, natura, architettura. Vocazione e passione che Giulia Barela trasmette in ogni sua singola creazione, fashion bijoux dagli infiniti risvolti espressivi. Emozioni contemporanee e interpretazioni innovative incrociano sogni retrò e nobili intrecci, in pezzi unici lavorati a mano, tra forme preziose e materiali pregiati.

Continua la lettura di Giulia Barela, Under the Sea

Since Copenhagen, fashion on the beach

Sole, mare, spiagge, quale migliore occasione per sfoggiare un look fresco e spensierato? Sfilano on the beach i costumi più trendy dell’estate, romantici, bon ton, casual o chic. E si sfoggiano gli accessori più cool e sbarazzini che “indorano” la tintarella.
Collane e charms, orecchini e pendenti, bracciali e anelli: la Summer Collection firmata SENCE Copenhagen è un gioiello di vacanza.
Fresco, giovane, brillante ed espressivo, non troppo impegnativo, ma non poco sfizioso.
Un vortice di forme e colori nella tradizione del bijoux e nell’innovazione dei materiali, granelli infiniti di una femminilità contemporanea, libera da schemi, preziosa nel carattere.

SENCE Copenhagen, atmosfera d’estate…

 

SENCE Copenhagen – Inspiration
Dall’estro purissimo e dalla geniale intuizione del team di designer scandinavi al cui capo c’è la danese Gitte Holmskov, prende vita un’affascinante collezione di anelli, orecchini, collane, bracciali, pendenti e charm adatti a un vero e proprio “mix & match”.
Un cocktail sorprendente di accessori unici, che spazia tra pietre dure variopinte e ottoni lucidi e satinati, dorati, bruniti e argentati. Fino al cuoio in tante varianti di colore… SENCE Copenhagen conquista con fascino e femminilità nel mix sapiente di “freddo” nordic design e “caldo” dettaglio di materia.
Un look trasversale, lontano dai canoni tradizionali, che racchiude caratteri forti e spiccata personalità; un’eleganza mai eccessiva, ricca di forme preziose, materiali pregiati, come l’ottone, il cuoio e le pietre dure, colori e forme della natura. La donna griffata SENCE Copenhagen ha il tratto indelebile, uno stile essenziale ricco di spirito “urban rock”. Un concetto di femminilità che sovverte la moda e i suoi rigori estetici. La possibilità di mixare i monili permette alla donna di creare il proprio stile giovane e trasversale, lontano dai canoni tradizionali. Tendenza e innovazione. In questo binomio affascinante, si manifesta quel processo creativo che ha proiettato lo stile scandinavo nell’élite del design mondiale. Un’ispirazione che viene da dentro, dalla più profonda e vera tradizione nordica, dalla natura e la memoria di questa terra.

SENCE_mix-match_02

 

Collezione “Life Special Edition” firmata Iconoclass

L’emozione concreta del mondo sommerso nel fascino astratto di un gioiello speciale…
Il cavalluccio marino della collezione “Life Special Edition” firmata Iconoclass è espressione artistica di un accessorio prezioso ricco di creatività e design, nella magia di “momenti di vita” e toccanti scenari.
“Fatto a mano in Italia”, incantevole nei suoi dettagli smaltati corallo e turchese sull’elegante sfondo argentato, il cavalluccio marino prende forma leggera di favolosi ciondoli e pendenti in movimento, piccoli capolavori di estro e lavorazione.
Simbolo di fedeltà e lealtà, romantico all’infinito, icona di dolci sogni tropicali, il cavalluccio marino Iconoclass è il “compagno ideale” del look estativo duemilasedici, fresco e divertente, eclettico e colorato, ricercato ma esclusivo.
Un gioiello di donna…