Splendida Persia, visioni nel Gioiello: per la prima volta in Italia in mostra una selezione di gioielli che indagano la storia della Persia. l’influenza del suo fascino nel gioiello antico e contemporaneo, e lnella bigiotteria italiana.


Un incredibile viaggio attraverso il gioiello: nel tempo e nello spazio, tra Iran e Italia, tra tradizioni millenarie e linguaggi contemporanei.
Il percorso della mostra si snoda in 4 temi fondamentali:
1) Un prezioso nucleo di gioielli e perle dell’antica Mesopotamia, provenienti da alcune tra le più prestigiose collezioni private in Italia, mostra gli antipodi di una cultura con i suoi simboli ed i materiali che sono alla base della variegata e millenaria tradizione persiana.
2) La produzione di gioielli contemporanei di alcuni tra i principali designer di spicco iraniani che reinterpretano i temi ed i simboli fondamentali della tradizione persiana arabo – islamica, ma anche zoroastrica e apotropaica popolare.
3) Un’inedita selezione di gioielli fantasia Made in Italy dagli anni ’60 al 2000 realizzati dai grandi nomi della bigiotteria italiana e ispirati all’iconografia, ai colori e alla poesia persiana.
4) I gioielli concettuali di un gruppo di giovani talenti iraniani che, seguiti dalla prof. Filomena Stelitano all’interno del corso di Design del Gioiello dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, hanno realizzato opere di grande suggestione e forza vitale.

Il percorso espositivo è arricchito da una serie di scatti inediti tratti dal reportage documentario in Iran del fotografo Federico Wilhelm che analizza il paesaggio naturale, artistico e sociale dell’Iran contemporaneo nel particolare e delicato passaggio dalla radicata e millenaria tradizione alla contemporaneità.
La mostra è inserita nel calendario di iniziative del progetto Stupor Mundi – Iran.

Catalogo: Bianca Cappello e Sogand Nobahar, Splendida Persia, Visioni nel Gioiello, edizioni Universitas Studiorum, 2017

Bianca Cappello, storica e critica del gioiello, è docente, coordinatore e curatore di conferenze e seminari sulla Storia del gioiello e della bigiotteria, attività che completa con pubblicazioni su questo argomento. E’ curatore di mostre sul gioiello e sulla bigiotteria per musei ed enti pubblici, e consulente curatoriale di collezioni museali. Vive a Milano.
Sogand Nobahar, designer persiana, si trasferisce a Milano nel 2009 per seguire il suo sogno nel settore del gioiello. Un soggiorno prolungato in Italia, diversi corsi universitari e importanti esperienze lavorative, l’hanno convinta a fondare Nobahar Design, un luogo in cui si esprime come artista, progettista, ingegnere e ricercatrice. Oltre al lavoro, ama leggere e fare ricerca attorno al mondo del gioiello. Ha creato il profilo Jewelry Around per essere sempre aggiornata sui nuovi trend e per trarne ispirazione.

Il Museo del Bijou di Casalmaggiore
Unico in Italia, il Museo del Bijou, fondato nel 1986 a Casalmaggiore, storico e importante distretto di bigiotteria sorto nel XIX secolo, ospita oltre 20 mila pezzi di bigiotteria, dalla fine dell’Ottocento alle soglie del nuovo Millennio.

Informazioni generali:
Indirizzo: Via Porzio 9, Casalmaggiore (CR) – nel centro storico, a pochi passi dalla centrale Piazza Garibaldi
Orario: da martedì a sabato: 10.00-12.00 / 15.00 – 18.00; domenica e festivi: 15.00- 19.00.
Chiuso Natale e Capodanno.
Ingresso: intero € 3,00; ridotto € 2,50. Gratuito per le scolaresche, i possessori dell’Abbonamento Musei Lombardia e, per tutti, la prima domenica del mese.

Informazioni e prenotazioni:
telefono: 0375 284424 (Ufficio Cultura del Comune);
email: info@museodelbijou.it – web: www.museodelbijou.it
Distanze: 25 km da Parma, 40 da Cremona e Mantova, 140 da Milano

Leave a reply