Il nuovo superEva e i contenuti basati sul “feel good factor”

giugno 13, 2017 / Curiosità, News

Il portale “SuperEva”  ascolta la rete e le sue tendenze, le individua e dà loro voce: è infatti il primo sito in Italia con argomenti scelti al 100% in base ai trend social.
Il piano editoriale è modellato in tempo reale in base al gradimento degli utenti. I contenuti sono adatti a un pubblico attento, esigente e giovane che legge le notizie soprattutto da smartphone e tablet.


L’home page del sito offre in primo piano gli articoli più visti, condivisi e commentati; inoltre, il “trendometro” mostra in tempo reale le notizie più interagite sui social e i contenuti più cercati sui motori di ricerca. Ad esempio, tra le notizie più curiose e seguite di questo periodo c’è l’articolo (dal titolo “Si finge cieca per 28 anni per non salutare la gente per strada“) che racconta di una donna che in seguito ad un incidente che poteva causarle la perdita della vista, nonostante non l’avesse persa, si è finta circa per un bel po’ di anni per evitare di salutare le persone quando passeggiava per strada ed evitare, dunque, responsabilità sociali.
I contenuti del nuovo #supereva puntano sul cosiddetto “feel good factor”, con notizie basate su divertimento e curiosità, sul “come fare” e soprattutto sulle storie a lieto fine: dalle persone agli animali, con una narrazione leggera e attraente per offrire un momento di svago all’audience che sempre più cerca in rete questa tipologia di contenuto.
Ricca è la sezione video, realizzati in funzione dei trend più seguiti, dal racconto di eventi e fatti curiosi all’illustrazione di scoperte scientifiche. Al classico menù di navigazione si affianca una categorizzazione dei contenuti per reaction: Lol (risate a crepapelle), Gulp (cose da non credere), Love (un mondo di tenerezze), Wow (qualcosa di straordinario), Pop (sulla bocca di tutti). Una classificazione per chi vuole stare fuori dagli schemi comuni e si muove sulle piattaforme digitali seguendo l’onda delle emoji.

 

Buzzoole

Leave a reply