Cellulari: istruzioni per il non uso alla guida

aprile 21, 2017 / Curiosità, News

Ford Italia di guida sicura se ne intende: non solo perché produce veicoli stabili su strada e dall’abitacolo resistente, ma anche perché da anni si impegna in campagne di sensibilizzazione alla guida responsabile. In questi giorni, in particolare, è impegnata in attività contro l’utilizzo dello smartphone al volante.

Purtroppo i dati raccolti negli ultimi anni a tal proposito non sono rassicuranti: ben 3 incidenti stradali su 4 sono causati dalla distrazione alla guida. Chattare o scattare foto con il cellulare, così come consultare un social in auto, significa distogliere l’attenzione dalla strada da 1 a 4 secondi. Un tempo infinito considerando che a 50 km/h, 1 secondo corrisponde a 15 metri di perdita totale del controllo della strada.

Ecco perché quest’anno Ford Italia ha deciso di lanciare la campagna “Don’t Tap And Drive” che si lega a Instagram, una delle piattaforme social più utilizzate del momento, e a uno di quei gesti ormai entrati nelle nostre abitudini social: il tap sullo schermo. Anche questo semplice gesto può portare a conseguenze irreversibili: in un solo secondo di distrazione tutto può succedere. Il guidatore, ad esempio, potrebbe non vedere chi attraversa la strada, mettendo a rischio la vita di tutti. Scene del genere ne ho viste, purtroppo, tante. L’ultima questa mattina, quando la macchina che mi precedeva ha frenato bruscamente perché il guidatore, intento a guardare il cellulare, non si era accorto che un bambino si accingeva ad attraversare la strada.

La campagna “Don’t Tap And Drive”  è stata lanciata ieri, 20 aprile, su Instagram. Ford Italia ha pubblicato sul suo profilo (@forditalia)  tre foto di un’auto in una strada. Con un tap sullo schermo del telefono, appariranno tre nuvole di tag a formare le sagome di un cane, un passeggino e una runner (l’esperienza è ottimizzata per dispositivi IOS). Condividi anche tu questi contenuti per educare i tuoi amici al “non uso” del cellulare alla guida!

 

 

Buzzoole

Leave a reply