Pausilypon Suggestioni all’imbrunire: in prima nazionale “Red Fish – Primo Studio Sulla Solitudine” di e con Arianna D’angiò

giugno 18, 2016 / Eventi, Tempo libero

Domenica 19 giugno, alle ore 18.00, l’antico teatro della Villa d’Otium accoglie la prima nazionale di “Red Fish – Primo Studio Sulla Solitudine” di e con Arianna D’angiò a cura di Altradefinizione: un lavoro di teatro corporeo nato durante il corso di formazione dell’accademia del teatro Bellini di Napoli dall’adattamento di una pièce storica di Etienne Decroux e che rappresenta la prima tappa di uno studio sul tema dell’essere soli.

Come spiega Arianna D’angiò <<Al termine del corso di formazione dell’Accademia del Bellini, dove ho insegnato mimo corporeo, ho sentito l’esigenza di continuare con gli allievi a sviluppare un progetto artistico. Quindi si è formato un gruppo di lavoro con sette tra attori e attrici – Ivano Bruner, Daria D’amore, Chiara Di Bernardo, Giovanna Landolfi, Lorenzo Massa, Luigi Palmisano, Maria Claudia Pesapane – con cui abbiamo iniziato un percorso di ricerca e scrittura di teatro corporeo. Così è nato “Red Fish – Primo Studio Sulla Solitudine”, una performance a cui tengo molto, perché è il risultato di un’intensa esperienza e un sincero confronto con i giovani attori che mi hanno accompagnata nella scrittura>>.
La performance mette in scena quei frammenti di vita in cui ci si sente lontani e distanti. << In questa performance ci sono anche molte parti cantate che rimandano a pensieri e ricordi della vita di una donna, da me interpretata, che attraversa un momento di smarrimento esistenziale>> anticipa la D’angiò, momenti in cui ci si sente come un pesce rosso, immersi nella propria bolla d’acqua, quando ogni suono diventa silenzio ed ogni silenzio diventa la voce dei nostri pensieri.
Un progetto corale di grande spessore nato dalla partecipazione di più realtà: <<da molti anni ho la fortuna di essere accolta con le mie ricerche da Altra Definizione e poi ho trovato nelle residenze all’Asilo un’ulteriore e preziosa collaborazione – dice Arianna D’Angiò e continua -. Questo lavoro a mio avviso ha ancora un enorme potenziale da sviluppare sia dal punto di vista artistico sia per l’esperienza di collaborazione tra più realtà e persone, tra cui Vincenzo Del Prete e Angelo Laurino, che mi hanno accompagnata con molti preziosi consigli artistici, Allegra Nelli che si occupa di progetti di valorizzazione del territorio, Stefano Scognamiglio con cui abbiamo pensato di calare in questo meraviglioso teatro del Pausilypon, che comunica con le stelle, i corpi che popolano Red Fish e, per la parte musicale, ringrazio anche Carlo D’angiò che ha guidato un inserimento corale della tarantella del Gargano>>.
La rassegna, ideata e curata dal Centro Studi Interdisciplinari Gaiola Onlus d’intesa con la Soprintendenza Archeologia della Campania e con il sostegno del Comune di Napoli – Assessorato alla Cultura e al Turismo, prosegue fino al 26 giugno, con la direzione artistica di Stefano Scognamiglio e Francesco Capriello. Tutti gli spettacoli non utilizzano allestimenti scenici, elettronici ed infrastrutturali che possano alterare il fascino naturale del sito archeologico.
Ad accogliere i partecipanti un rinfresco di specialità dell’agro Campano in abbinamento con i vini BIO certificati dell’Azienda Agricola Casebianche Torchiara (SA) selezionata dall’Associazione Ager Campanus.

 

Ingresso ore 18.00 Grotta di Seiano (Discesa Coroglio 36, Napoli)
I possessori del biglietto acquistato in prevendita possono accedere al sitocon la visita guidata offerta dal CSIGaiola onlus (turni di visita dalle 17.00 alle 17,45, previa prenotazione obbligatoria, fino ad esaurimento disponibilità). Prevendite: Etes – www.etes.it

INFO:  www.suggestioniallimbrunire. org
info@gaiola.org Tel:  0812403235 – 3285947790

Leave a reply