AltaRoma ai nastri di partenza: ecco il programma della kermesse

gennaio 25, 2016 / Moda, Sfilate

Mancano pochi giorni all’inizio di AltaRoma, la fashion week capitolina, che con due appuntamenti annuali a gennaio e a luglio, crea molteplici occasioni di incontro tra le storiche realtà italiane della moda e le nuove realtà produttive e creative internazionali. Gran parte delle sfilate di moda, calendarizzate tra il 28 e il 31 gennaio, si svolgeranno questa volta nell’ ex Regia Dogana Vecchia allo Scalo di San Lorenzo, un complesso di archeologia industriale edificato nel 1925 da Angiolo Mazzoni del Grande, che occupa 24 mila mq di superficie.

Un luogo dall’atmosfera underground, collocato sotto la tangenziale, alle spalle di Porta Maggiore, frequentato dalla gioventù nottambula romana che ama organizzarci party ed eventi mondani. E’ questa una scelta ragionata del nuovo CdA di AltaRoma, presieduto da Silvia Venturini Fendi, che segue da anni la kermesse romana, svoltasi nelle edizioni precedenti in location più “classiche”, compatibili con l’haute couture. La scelta della ex Dogana come sede delle sfilate di quest’anno è invece allineata  alla mission dell’evento, ovvero quella di fungere un trampolino per i giovani designers che hanno a disposizione in tale occasione validi strumenti  per proporsi, come il concorso internazionale per nuovi talenti realizzato con Vogue Italia, Who is on next?, o la mostra di alto artigianato A.I Artisanal Intelligence, che in questa edizione punta sul tema “L’abito e il corpo” (nella ex Dogana il 29 gennaio alle 18).
FASHION HUB, ATELIER, IN TOWN, sono i tre contenitori di una manifestazione ricca di appuntamenti che vogliono valorizzare tradizione e sartorialità, patrimonio culturale e futuro con un’attenzione sempre più focalizzata sui giovani talenti della moda, dell’artigianato e del Made in Italy.
Alcune maison hanno scelto comunque di fare le loro sfilate nei grandi alberghi del Tridente o nei palazzi patrizi della capitale.
Ad aprire il calendario il 28 gennaio toccherà all’Accademia Koefia che ospita nella sua sede di via Cola di Rienzo la mostra Le stanze dei maestri dell’alta Moda. Sulla stessa strada in vetrina I New designer at Coin Excelsior. Infine, Marina Corazziari esporrà 30 anni di gioielli scultura nello Stadio di Domiziano di piazza Navona.
Anton Giulio Grande, lo stilista calabrese che veste diverse celebrities del piccolo schermo, ha scelto le sale di Palazzo Ruspoli per presentare il 29 gennaio le sue principesche e sensuali mises da sera.
Stesso giorno nella ex Dogana, dopo la sfilata di L72, brand vincitore di Who is on next? 2015, Lella Curiel presenterà il suo Giardino, seguita dalla sfilata di Miao Ran, altro vincitore di Who is on next? 2015. Nel pomeriggio si torna in centro con Antonella Rossi che sfila all’hotel Westing Excelsior e in serata nelle sale del St. Regis Hotel con Giada Curti che farà sfilare la sua “Divina Marchesa“, collezione ispirata a Luisa Casati, musa di Boldini e amante di D’Annunzio. Tra un defilè e l’altro, il 30 gennaio si dovrebbe fare un salto nella ex Dogana alle 18 per la mostra A.I. e a fine giornata per la presentazione del film di Yvonne Sciò, Roxanne Lowit Magic Moments.
Sabato 30 gennaio le sfilate sono concentrate quasi tutte nella ex Dogana. Solo Gattinoni ha scelto una location ancora segreta in Via Veneto. In Dogana si comincia alle 10,30 con Greta Boldini, si prosegue con le proposte degli studenti dell’Accademia di Costume & Moda, quindi con la capsule di Luca Sciascia, finalista di Who is on next?, seguito dalla sfilata della collezione di Luigi Borbone e dalla collettiva di altri 4 colleghi finalisti del concorso (Avanblanc, Bams, Catherine de Medici 1533 – Giannico). Renato Balestra chiuderà la giornata del 30 sfilando nella ex Dogana.
Il 31 gennaio le sfilate partono dalle 11: Giuseppe Di Morabito, Sabrina Persechino, Rani Zahkem, Nino Lettieri, il final work dell’Accademia di Belle Arti da Frosinone e Jehsel Lau.

Leave a reply