Social World Film Festival, Riccardo Scamarcio: “Napoli è bella perché è ‘nu casino”. Ieri Arena Loren Gremita per la compagna Valeria Golino e Leo Gullotta

luglio 11, 2015 / News, Personaggi

Bagno di folla all’Arena Loren di Vico Equense per Riccardo Scamarcio, Valeria Golino e Leo Gullotta, attesissimi ospiti della sesta e settimana serata del Social World Film Festival, diretto dal 25enne regista Giuseppe Alessio Nuzzo.


Scamarcio, invitato a salire sul palco dal presentatore Yuri Napoli, si è dedicato ad una breve intervista condotta da Roberta Scardola. “Sembra di essere a Cannes”. Ha esordito l’attore, prima di raccontarsi partendo dagli esordi con “Tre metri sopra il cielo”, passando per “Verso l’Eden” di Costa Gavras, fino all’avventura da produttore di “Miele”. In conferenza stampa ha parlato ai giornalisti proprio di questi film che lo hanno visto protagonista: “Interpretare il personaggio di Elias è stata per me un’esperienza molto importante. Vi racconto un aneddoto: mentre giravamo in Grecia avevamo preso a noleggio un ‘barcone’,la cosa assurda era che le comparse erano dei migranti veri bloccati in Grecia e provenienti dall’Afghanistan. Un giovane di 18-19 anni mi ha raccontato la sua storia, era diretto in Italia dal fratello, unico superstite della sua famiglia. Quel giovane mi somigliava molto, quella somiglianza mi ha fatto addirittura sentire afghano. Io considero gli afghani, gli iracheni nostri fratelli. Interroghiamoci su quello che noi occidentali abbiamo combinato in quei posti…”. “Le dinamiche nel cinema italiano e quelle del cinema straniero sono le stesse – continua Scamarcio parlando del film Mielecambia la lingua, ma le regole son sempre le stesse. Ho avuto modo di lavorare con grandi professionisti stranieri, ma gli italiani non hanno nulla da invidiare loro. Forse da un punto di vista produttivo il cinema italiano qualche anno fa rendeva di più. Ma ora la tecnologia sta cambiando, le cose cambiano. Miele, il nuovo film che mi vede coinvolto, è stato venduto in più di 20 paesi, è andato a Cannes”. “Napoli è bella perché è ‘nu casino! – esclama Scamarcio – Vogliamo normalizzare anche Napoli? Io sono un ossimoro vivente, sono un anarchico in cerca di stato. In un film in montaggio di Beppe Gaudino, con protagonista Valeria, viene raccontato tutto il misticismo di questa terra”.
Al termine dell’intervento Riccardo Scamarcio ha ricevuto il Golden Spike Award dalla mani del sindaco Benedetto Migliaccio ed ha apposto la firma per il “Wall of Fame”, monumento del cinema.

Valeria Golino, bellissima madrina della 5a edizione del Social World Film Festival, è stata l’ospite della settimana serata insieme al grande Leo Gullotta. Durante la serata è stato proiettato il film “Miele” diretto da Valeria Golino e prodotto da Riccardo Scamacio e Viola Prestieri. Al termine della proiezione l’attrice e regista napoletana si è raccontata in un’intervista: “Fare la regia mi ha cambiato la vita. Sono una cinefila prima che un’attrice, ho sempre desiderato fare un film ma non ne avevo avuto mail il coraggio. ‘Miele’ è stato girato due anni fa ma avrei voluto farlo molto prima”. Valeria Golino ha poi ricevuto il Golden Spike Award e firmato il “Wall of Fame”.

Altro intenso momento quello che ha visto Leo Gullotta salire sul palco del Festival e concedersi con gioia ai ragazzi delle giurie. “Ho incontrato dei giovani curiosi, attenti e vogliosi – ha dichiarato sul palco dell’Arena Loren – Attraverso il cinema, il teatro e la cultura ci eleviamo: la conoscenza è medicina per la mente”. Non poteva esimersi da lanciare un messaggio ai giovani: “Vogliono crescere e studiare grazie ai sacrifici dei genitori, ma se non sei il figlio di o il nipote di, sei fregato. I giovani non vanno via per una speranza, come si faceva prima, ma per esasperazione!”. Anche Leo Gullotta ha avuto il premio Golden Spike Award e ha apposto la sua firma su The Wall of Fame.

Ecco i nomi degli ospiti di questa sera: Andrea Osvart, Lino Guanciale, Giulio BerrutiRenato Scarpa, Laura Adriani, Franco Oppini, Giacomo Rizzo, Salvatore Striano, Antonietta Bello, Ernesto D’Argenio.

Vedi le foto di Riccardo Scamarcio al Social World Film Festival

Leave a reply