Franco Nero al Social World Film Festival: vicino ai giovani italiani, ma disincantato dall’Italia

luglio 4, 2015 / News, Personaggi

E’ iniziata questa sera , a Vico Equense, in penisola sorrentina, la quinta edizione del “Social World Film Festival”. E’ Franco Nero il protagonista della prima giornata della mostra internazionale del cinema sociale; l’attore ha appena ricevuto nella piazza Kennedy di Vico Equense, trasformata per l’occasione nell’Arena Loren, il “Premio alla Carriera”.

In Italia vengo solo per aiutare qualche giovane regista, il resto lo faccio all’estero”, dichiara Nero alla stampa. L’attore ha lavorato con numerosi registi italiani “fuori dal coro”, tra i quali anche il napoletano Pasquale Squitieri, talenti che spesso di trovano a scalare con fatica il muro della distribuzione. “Il film di cui ho curato la regia in Italia è stato ignorato, la Rai lo ha comprato senza mai mandarlo in onda – ha raccontato l’attore – . In passato c’era sempre uno spazio. Fino al 1981 in Italia c’erano 13.000 sale… La televisione è stata la morte del cinema… Con l’avvento della televisione privata, sono state chiuse 11.700 sale. Oggi si contano a malapena 4.000 schermi. Le poche sale rimaste se le accaparrano i film americani o i film comici. Per forza di cose non c’è più spazio”.
Una carriera lunga e importante quella di Franco Nero, un cammino sicuramente non privo di errori di valutazione e ancora aperto a nuove esperienze, come dichiara lo stesso attore: “Quante scelte sbagliate ho fatto nella mia vita! Tra 50 copioni da valutare ho quasi sempre scelto quello sbagliato. Mi piacerebbe ancora lavorare con alcuni registi con cui per un motivo o per un altro non ho avuto modo di lavorare. Non faccio nomi per delicatezza. Ho avuto la fortuna di lavorare anche con le più grandi star del mondo, americane più che altro. Mi sono sempre trovato bene con loro. Con alcuni di loro abbiamo anche progettato di lavorare nuovamente assieme”. Il famoso attore ha confessato che durante la sua carriera ha anche pronunciato parecchi no: “Amo il cinema, non amo la televisione… Mi sono state proposte ‘La Piovra’, ‘Il maresciallo Rocca’ e non ho accettato. Se dovessi fare uno di questi lavori mi sentirei talmente triste che forse morirei d’infarto. Dovevo fare ‘Il Giardino dei finzi contini’ che doveva essere diretto da Zurlini. Poi, visto che il produttore lo tirò fuori affidandolo a De Sica, per solidarietà non volli più farlo”. Insomma, quello che è stato premiato questa sera è un Franco Nero maturato, ma soprattutto un vero divo del cinema mondiale. “Oggigiorno il divo non esiste – afferma l’attore -, soprattutto in Italia. Il divo è quello che si nasconde, che si fa desiderare. Ho rinunciato a miliardi per non far pubblicità, proprio per farmi desiderare… L’uomo è un vero uomo se – come diceva Pascoli – conserva l’animo del fanciullino… Sicuramente oggi sono più maturo, meno impulsivo. Prima di reagire, aspetto, come recita la regola delle 10 P: prima pensa, poi parla, perché parola poco pensata porta pena”.

Il Social World Film Festival continua fino al 12 luglio. Domani si partirà alle 17 dalla Sala Troisi del Teatro Mio di Vico Equense con il benvenuto alle Giurie Popolari, le proiezioni dei lungometraggi e cortometraggi in concorso nella “Selezione Focus” e i dibattiti post-proiezioni insieme ai relativi registi e protagonisti. Alle 21 si terrà la serata “Omaggio al cinema italiano nel mondo”, con proiezioni in concorso e fuori concorso tra cui quella del documentario fuori concorso “Primitivamente” di Giuseppe Alessio Nuzzo con la partecipazione dell’ultimo erede della Gloriosa Maschera di Pulcinella, Carmine Coppola, ed il cortometraggio “DinDalò” di Simone Paralovo vincitore della sezione “La Città del Cortometraggio”. Seguirà la premiazione dei vincitori della “Selezione Focus” e la proiezione degli spot di Giuseppe Bucci per la prevenzione del cancro alla prostata “L’Oro della Prevenzione”, di fatto anche un omaggio al film “L’Oro di Napoli” in occasione dei suoi sessant’anni; la proiezione vedrà la partecipazione di Gino Rivieccio, Rosaria De Cicco, Francesco Paolantoni, Patrizio Rispo, Mimmo Esposito. L’evento verrà concluso dalla proiezione di alcune clip del film fuori concorso “Figli di Maam” di Paolo Consorti con la partecipazione del regista e degli attori Luca Lionello, Benedetto Casillo, Federico Rosati. Protagonista della pellicola Alessandro Haber, che durante la serata riceverà il “Golden Spike Award”.

Vedi le foto di Franco Nero al Social World Film Festival

 

Leave a reply