“Il coraggio di essere Frida”: l’identità diventa opera d’arte al Museo Filangieri

L’identità diventa opera d’arte. Straordinario successo per la mostra “Il coraggio di essere Frida” di Susi Sposito in collaborazione con Alessandro Tarantino,   visitabile fino al 2 febbraio 2020 al Museo Civico Filangieri di Napoli.


In quella ‘contemporanea Wunderkammer’ che è la sala Agata del Filangieri, moda e fotografia hanno dialogato con le opere pittoriche del passato, raccontando una storia nuova: la bellezza dell’unicità di ogni
esistenza.
In mostra, una selezione della collezione moda “Il coraggio di essere Frida” della fashion designer Susi Sposito, che per celebrare l’identità libera da ogni tipo di stereotipo, si è ispirata all’esperienza personale
ed estetica di Frida Kahlo: una serie di pezzi unici, non ripetibili in serie, impreziositi da fiori e animali, bustini steccati, gonne in tulle e coloratissime stole, per omaggiare lo stile sui generis della celebre artista
messicana.
Fulcro del progetto, portato avanti dal 2016, sono stati dodici ritratti d’autore a cura del fotografo partenopeo Alessandro Tarantino, davanti al cui obiettivo persone comuni – di ogni età, genere e professione – hanno accettato di mettersi in gioco, indossando un capo realizzato ad hoc da Susi Sposito e portando fuori di sé l’essenza del proprio mondo interiore. Make up e hair styling degli scatti sono stati a cura della giovane e talentuosa Marina Caragallo, sensibile al concetto di identità e diversità.
L’estro artistico di Frida Kahlo è stato inoltre omaggiato con una preziosa opera dell’artista Claudia Mazzitelli, che con le sue “pittosculture” ricche di dettagli e contenuti simbolici, è capace di raccontare interi mondi.

Dove e quando:
Museo Civico Filangieri (via Duomo, 288 – Napoli)
fino 2 febbraio 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *