Giovedì 21 settembre 2017, dalle ore 21:00 alle ore 22:30 (con ingresso per il pubblico alle ore 20:30), nel Cortile d’onore del museo MADRE di Napoli sarà proiettata in anteprima l’installazione Eggs & Skulls-Madre 2017 di Franz Cerami (Napoli, 1963), animazione di video-mapping concepita dall’artista per gli spazi del museo MADRE, con una colonna sonora originale di Enzo Avitabile e Carola Pisaturo. La serata proseguirà fino alle ore 01:00 con Eggs & Skulls-Summer Cocktail Party: open bar nei Cortili del museo, drink bar nel B’Shop-Cafée dj-set di Carola Pisaturo, per festeggiare insieme la fine dell’estate e l’avvio della nuova stagione espositiva del museo regionale campano d’arte contemporanea.

L’animazione di video-mapping Eggs & Skulls-Madre 2017 – commissionata dal MADRE nell’ambito del progetto Itinerari del Contemporaneo–Confronti finanziato con fondi POC (Programma Operativo Complementare) della Regione Campania – rielabora attraverso il linguaggio digitale una molteplicità di icone che evocano la storia dell’arte contemporanea a Napoli e in Campania, a partire dalle collezioni del museo MADRE.
Cerami propone un’azione di storytelling pubblico che intreccia fra loro radici e prospettive, passato e futuro: ancore, capuzzelle, corni, cavalli, uova, Vesuvi in eruzione, raffigurazioni di San Gennaro e della sirena Partenope, un caleidoscopio di figure allegoriche che animeranno la facciata del cortile d’onore del museo reinterpretato come una tela di dimensioni architettoniche. Nel calibrato rapporto tra animazione, immagine digitale, ritmo musicale e preesistenza architettonica Eggs & Skulls-Madre 2017 non solo propone un inusuale confronto con l’architettura di Palazzo Donnaregina, esplorandone i confini, i varchi, le aperture, ma perlustra le collezioni del museo, di cui condivide l’articolato intrecciarsi di aspetti storici, socio-antropologici e iconografici. L’identità arcaica e la vitalità contemporanea della città di Napoli e della Regione Campania verranno quindi “dipinte” sulla facciata interna del museo per evocare un racconto senza tempo del territorio attraverso simboli, personaggi, luoghi e tempi con cui esso è universalmente identificato.
La pratica artistica di Cerami ruota intorno al dialogo fra arte e tecnologia, si serve del web e delle tecniche multimediali per la realizzazione di installazioni ed eventi multisensoriali: “non si tratta solo di illuminare un’architettura – dichiara l’artista – ma di evocare il suo significato, di dialogare con i sentimenti legati a un luogo e a un momento, e alle sue luci riflesse, per poi reinterpretarle”. È un dipingere 2.0 che idealmente si appropria del territorio e delle sue architetture, di cui trasforma gli elementi – siano essi la struttura storicizzata di un centro antico o quella consumata della periferia urbana – per ricombinarli in una personale tavolozza digitale. “Le proiezioni video vengono realizzate con una elaborata tecnica di rilevazione degli ingombri dell’edificio su cui è proiettata l’installazione, reinterpretandone i pieni e i vuoti”, come dichiara l’artista. Rifiutando una spettacolarità fine a se stessa, Eggs & Skulls-Madre 2017 è stata prodotta tramite una lunga e disciplinata elaborazione mirata a traslare nel linguaggio digitale – con le opportunità offerte da hardware e software – una gestualità pittorica che ha un’origine e una matrice manuale. La particolarità e unicità del processo artistico di Cerami risiede nel suo principio: la pittura ad olio e il disegno a matita sono infatti alla base delle sue installazioni, in cui il gesto-matrice è quello del dipingere, con la sua matericità che attraverso una serie di trasformazioni viene trasferito all’interno di video e videoproiezioni, spostando, traslando lo sguardo verso l’astrazione. Un racconto, che, pur ispirandosi alle radici culturali millenarie di una città come Napoli e di una Regione come la Campania, si esprime con tecniche e sensibilità proprie della contemporaneità.

 

Nel realizzare le sue installazioni di mapping video Cerami prima mappa in 3D l’architettura su cui verrà proiettata l’animazione video, successivamente procede all’animazione vera e propria tenendo conto dei pieni e dei vuoti dell’edificio. Dopo la sua presentazione in anteprima, l’opera entrerà a far parte della collezione del museo MADRE, nell’ambito del progetto Per_formare una collezione: per un archivio dell’arte in Campania.

 

La serata inaugurale sarà accompagnata dal Eggs & Skulls-Summer Cocktail Party con open bar nei Cortili del museo e drink bar nell’area B’shop-Café, fino alle ore 01:00, al ritmo del sound del dj-set di Carola Pisaturo, artista eclettica che si distingue per l’eterogenea commistione, genuinamente mediterranea, di house, funk e techno.

 

Il connubio tra percorso artistico e ricerca tecnologica è il “punto di focale”  della ricerca di Franz Cerami (Napoli, 1963). Attingendo alle risorse del multimediale e del web, le sue installazioni digitali di proiezione di immagini e di illuminazione interattiva lo hanno condotto a confrontarsi con spazi e tempi inusuali, di grandi dimensioni e temporalità dilatate, investite di strutturate narrazioni cromatico-luministiche che analizzano e ripropongono gli aspetti storici, artistici e culturali salienti dei siti in cui interviene. Tra le sue installazioni più importanti Miss Digital World (Ars Electronica, Linz; Virtuality, Torino, 2003), Cam Portraits, Ovo Mapping Faces (Castel dell’Ovo, Napoli, 2015), Migrant Siren (Pietrelcina, Avellino, 2016). Cerami è Direttore Artistico di Monumedia, Mostra Internazionale sui Linguaggi Digitali applicati ad i Beni Culturali, e insegna Storytelling Digitale e Retorica presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, oltre che in master e workshop internazionali.

Leave a reply