“Da Ciccio Cielo Mare e Terra” riparte come prima, più di prima, all’insegna della tradizione

La terrazza sul mare di Amalfi Da Ciccio Cielo Mare e Terra ritorna a risplendere, tra il sole estivo e i colori della natura incontaminata della Costiera Amalfitana.

La famiglia Cavaliere ha riavviato le cucine, aperte ogni sera tranne il martedì. A pranzo sono aperte nel fine settimana: venerdì, sabato e domenica. “Abbiamo atteso per la riapertura per poter organizzare al meglio le sale e il personale – spiegano i fratelli Cavaliere – e intanto con i nostri genitori ci siamo cimentati negli ultimi mesi a riscoprire, mescolare, rivisitare le ricette storiche del nostro locale. E’ stata un’emozionante full immersion nelle nostre radici, nelle tradizioni della costiera e nei ricordi di famiglia. E questa emozione abbiamo deciso di condividerla con la nostra clientela e nel nuovo menù“. E così Marco Cavaliere, chef  nonchè uno dei quattro fratelli del ristorante Da Ciccio Cielo Mare e Terra, ha ricreato ricette con profumi e sapori capaci di risvegliare  ricordi. Dagli spaghetti al cartoccio dal 1965 alla pera con la ricotta di Agerola e pasta frolla. Il pesce fresco e le tipicità dell’orto di famiglia sono i protagonisti indiscussi di un menù presentato in sala dal maitre Antonio Cavaliere, affiancato dal maggiore dei fratelli il sommelier Giuseppe Cavaliere. Il più piccolo, Stefano, dall’indole dolce e dal sorriso accogliente si occupa delle public relation, pronto a dare il benvenuto ad ogni ospite e ad osservare con occhio attento l’ambiente che li circonda, per garantire sempre la giusta atmosfera. Mamma Marinella e papà Ciccio restano in prima linea, continuando un percorso di famiglia avviato nel 1911, mai interrotto neanche di fronte alle più grandi difficoltà. In che modo? Ciccio, alias Francesco Cavaliere, dedicandosi a pesca, giardinaggio e all’azienda agricola biologica creata sulle colline del Comune di Scala, a pochi chilometri da Amalfi. Mamma Marinella invece amante dei dolci, continua a produrre bontà della tradizione e, confrontandosi con lo chef di famiglia, Marco, coordina il settore dolci in cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *