Carnevale Medioevale: il Gran Ballo di Corte nel castello di Villa d’Ayala a Valva (SA)

Febbraio 5, 2020 / Eventi, Tempo libero

Mito e leggenda, storia e letteratura, incanto e natura. Il Carnevale non è solo maschere, coriandoli e divertimento, ma anche un viaggio fantastico alla scoperta di un prodigio e di un luogo meraviglioso che racconta secoli di storia della tanto ambita Campania Felix. Sabato 8 e domenica 9 febbraio 2020 il castello di Villa d’Ayala (a Valva, in provincia di Salerno) e i suoi splendidi giardini, annoverati tra i più belli d’Italia, faranno da scenario a «Carnevale Medioevale: Gran Ballo alla Corte delle Fiabe», il nuovo evento di «Animazione in corso Srl», coordinato dall’amministratrice Aurora Manuele e con direzione artistica di Francesco Chiaiese


La manifestazione ha il patrocinio del Comune di Valva, sindaco Vito Falcone, con l’assessorato alla Cultura e agli Eventi. Un percorso immersivo e itinerante che richiama al mito dei Cavalieri della Tavola Rotonda, delle gesta cavalleresche cantate in epoca medioevale. E, quale scenario migliore di quello di Villa d’Ayala? Villa dei Marchesi d’Ayala di Valva che, con annesso parco, sorge alle pendici del Monte Marzano, territorio che fu feudo di un signore normanno Gozzolino a partire dall’anno 1108. È a lui che risale la costruzione della torre posta a difesa del parco, seppure attualmente danneggiata dal sisma dell’80 e di recente ricostruita.  E il bosco, con lecci, magnolie ed aceri, solcato da viali con due giardini all’italiana ed il Teatrino di Verzura, che rendono il complesso un posto magico e incantato, tra i più belli d’Italia. 
Sarà qui, in questi luoghi sognanti e misteriosi, che sabato e domenica prossima per le intere giornate i «Cavalieri della Favola Rotonda», insieme ai personaggi dei cartoni animati inviteranno adulti e bambini al Gran Ballo in maschera che si terrà all’interno del castello medioevale. Fra strani incantesimi e antichi sortilegi i protagonisti di questa nuova avventura vivranno un Carnevale davvero insolito accompagnati dai personaggi delle favole. Lo scopo  sarà salvare il Carnevale, legato da un misterioso incantesimo. 
Un percorso itinerante coinvolgerà tutte le famiglie attraverso i luoghi incantati del Castello Medioevale di Valva. Ballare con le principesse, farsi annunciare dal ciambellano di corte, assistere ai duelli tra buoni e cattivi, compiere un incantesimo con la fata Smemorina, aiutare il principe Ranocchio a tornare umano, scoccare una freccia insieme a Robin Hood: queste e altre emozionanti imprese attendono tutti i partecipanti in una delle corti più belle d’Italia. 
E’ gradita la prenotazione e la partecipazione in maschera.

 «Ci sono luoghi fantastici in Campania – afferma Aurora Manuele –, dei veri e propri teatri a cielo aperto, e noi con la nostra compagnia andiamo sempre alla ricerca di questi siti incantevoli, da raccontare e far vivere alle famiglie che ci seguono. Sarà un Carnevale speciale, diverso dal solito e, siamo certi, che chi ci seguirà rimarrà ipnotizzato».

«L’atmosfera magica di un passato fastoso – spiega il direttore artistico Francesco Chiaiese – fatto di sale reali, ricevimenti, balli di corte, avventure cavalleresche, abiti sfarzosi e intrecci romantici affascina tutti. Abbiamo scelto un luogo e una struttura letteraria ad hoc per questa nostra nuova avventura, quella del ciclo romanzesco arturiano tanto cantato nel Medioevo mista alle intramontabili favole, per offrire ai visitatori un nuovo concept di festa di Carnevale. L’immersione nelle storie, nei luoghi, nelle sensazioni di determinati racconti tale da trasformare lo spettatore in protagonista, come se tornasse indietro nel tempo. Tutto con una rilettura e rivisitazione al passo con la modernità».

SABATO 8 E DOMENICA 9 FEBBRAIO 2020

Come raggiungere la Villa: uscita Autostrada SA-Rc Contursi Terme – Postiglione, continuare per la Superstrada Ofantina Fondo Valle Sele direzione Lioni, uscita Colliano-Valva.

PERCORSI ITINERANTI ORE 11, 12, 13, 15, 16, 17, 18
Costo biglietto € 8,00 (BAMBINI PAGANTI DAI 3 ANNI) 

Leave a reply