A Milano la pizzeria col forno ricoperto di tappi: a tavola le “vecchie sedie” del banco di scuola

settembre 28, 2017 / Cibo, Locali

Design e cucina d’eccellenza. Questi i due punti forti “Johnny Take Uè” locale in viale viale Regina Margherita 1 che propone pizza e cucina della tradizione napoletana e che vede come impeccabili padroni di casa due partenopei, l’imprenditore Claudio Lapeschi e l’ingegnere affermato a livello internazionale Fabio Canfora, pronti a conquistare occhi e palato degli ospiti nel cuore di Milano ( il locale è aperto tutti i giorni dalle 12 alle 15,30 e dalle 19 alle 00,30).

Il tutto nel pieno rispetto della tradizione partenopea. Infatti, il forno a legna è artigianale ottenuto con materiale refrattario, il piano è in biscotto di Sorrento. L’impasto della pizza sarà a doppia lievitazione, ed i prodotti utilizzati provengono da presidi Slow Food, per una pizza d’autore a firma del pizzaiuolo Antonio Capasso (tutor PizzaChef del corso “Il cuoco della pizza” in collaborazione con L’Università della cucina mediterranea di Sorrento), disponibile anche nello storico formato “a portafoglio”. Menù ricercato, solo eccellenti materie prime. Come pasta c’è quella IGP di Gragnano trafilata a bronzo; poi ci sono le eccellenti carni italiane, il pescato d’eccellenza. Il servizio è attentissimo ai dettagli e punta alla fidelizzazione della clientela. Tra i primi clienti avvistati già alcuni calciatori e il giornalista Pierluigi Pardo.

Il forno è elegantemente arricchito, così come tutti quelli a marchio Johnny, di un rivestimento con tappi di ferro colorati di bottiglie assemblati dall’artista Luigi Masecchia di “Ttappost”, progetto artistico, sociale ed ecologico, che coinvolge ragazzi diversamente abili o appartenenti a categorie svantaggiate che si occupano della selezione e trasformazione dei tappi rispettando il loro tempo attraverso delle donazioni economiche o di attività creative insieme. Il design è ricercatissimo, dallo stile vintage, con una sorpresa: l’arredo propone le “vecchie sedie” del banco di scuola. Sarà come tornare all’asilo: l’ambiente ricrea lo spirito della scuola d’infanzia e pone nello stato d’animo di riprendere i giochi lasciati nell’età più spensierata. Sul soffitto vecchi giornali, in parete una gigantografia di Diego Armando Maradona. Tutto nasce da una idea di Giovanni Kahn della Corte, già inventore dell’Ape Car con forno a legna a bordo, patron di “Johnny Take Uè” brand sempre più in ascesa, che dopo il successo strepitoso del container-pizza sito all’interno del Serravalle Designer Outlet è pronto ad esportare l’eccellenza partenopea in tutta Europa e nel Medio Oriente.

Leave a reply